Meta-navigazione

Intervista a Patrick Weibel





Il responsabile del programma 5G sull’estensione della rete

«Abbiamo in programma di portare il 5G in 60 località entro la fine del 2019».

Il 5G si evolve a pieno ritmo. Nell’estate 2017, Swisscom ha presentato le prime applicazioni di prova basate sul 5G. A Burgdorf, Losanna, Ginevra, Zurigo, Berna e Lucerna sono presenti già oggi reti 5G di prova. Patrick Weibel, responsabile del programma 5G in Swisscom, illustra le peculiarità del 5G e gli interventi previsti per l’estensione della rete.

Michael Lieberherr, 8 novembre 2018

Le prime reti 5G di prova sono state installate. Quando arriverà il 5G in tutta la Svizzera?

Le installazioni di prova di Burgdorf, Losanna, Berna, Zurigo, Ginevra e Lucerna ci collocano tra i primi in assoluto al mondo. Non stiamo parlando di demo pubblicitarie, ma di vere e proprie reti, complete e standardizzate. Attualmente abbiamo in programma di portare il 5G in circa 60 città e comuni selezionati entro fine 2019.

Da cosa dipenderà la prosecuzione dei lavori di potenziamento?

Per prima cosa dovrà concludersi l’asta delle frequenze della ComCom, prevista per gennaio 2019. I lavori di potenziamento dipendono inoltre fortemente dal contesto politico-normativo. L’Ordinanza svizzera sulla protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ORNI), rimasta inalterata dal 1999, è dieci volte più restrittiva delle normative vigenti nel resto d’Europa.

Questo come incide sulle prospettive di potenziamento della rete?

A causa del continuo aumento dei volumi di dati e delle normative in vigore, ci troviamo di fronte a un limite fisico. Date queste restrizioni, sono molti i punti in cui lo spettro assegnato è essenzialmente esaurito. La rete ha bisogno di più antenne, ma non è facile trovare gli spazi in cui installarle. Stando alle normative attualmente in vigore, in Svizzera alcuni dei vantaggi del 5G non potranno quindi essere sfruttati.

Ad oggi, molti utenti non riescono ancora a sfruttare pienamente le possibilità offerte dalla rete 4G. Perché allora c’è già bisogno di passare al 5G?

La maggior parte delle persone pensa subito alla velocità. Quanto potrò navigare veloce con lo smartphone? Ma questa è una visione troppo restrittiva. Il 4G offre una velocissima connessione a banda larga, ed è proprio per questo che è stato concepito. Il 5G è invece una nuova piattaforma per la digitalizzazione, che coniuga tante funzionalità diverse. Le peculiarità del 5G offrono maggiori possibilità di digitalizzazione, anche per applicazioni critiche. La digitalizzazione degli stabilimenti industriali consente di aumentare la competitività – come dimostrato con Ypsomed. Chiaramente, molte applicazioni verranno introdotte dopo che l’infrastruttura sarà «up and running». Ecco perché la rete ci serve subito – se vogliamo restare al passo coi tempi. Per inciso: anche per il 4G mi era stata già fatta la stessa domanda.

Con il 5G, che cosa cambierà rispetto al passato?

Finora le reti mobili erano concepite per un’unica funzione principale, e qualsiasi applicazione doveva adattarsi a questa configurazione. Il 2G era stato sviluppato per la telefonia vocale. Con il 3G ha fatto la sua comparsa la connessione mobile a banda larga. Il 3G si è poi evoluto nel 4G, che ha introdotto larghezze di banda e capacità di rete decisamente maggiori. Tutto ha sempre ruotato attorno agli smartphone e alle loro applicazioni. Il 5G è invece destinato a connettere milioni di cose, apparecchi, macchine, edifici e automobili, oltre naturalmente agli smartphone. Queste applicazioni impongono alla rete diversi requisiti, che il 5G è per la prima volta in grado di soddisfare. È questa la grande differenza rispetto alle reti precedenti.

Caratteristiche del 5G

Il 5G connetterà milioni di apparecchi, cose e macchine. Questa tecnologia è in grado di soddisfare varie esigenze applicative grazie alle seguenti funzionalità:

Maggiori capacità

Una cella radio sarà in grado di connettere decine di migliaia di apparecchi, cose, automobili, macchine, componenti di domotica e molto altro ancora.

Riduzione della latenza (tempo di reazione)

I tempi di latenza brevissimi rendono possibili applicazioni che richiedono feedback tattili, come ad esempio nella telemedicina, nella robotica o nel gaming.

Velocità

La velocità aumenterà drasticamente, permettendo di sincronizzare in tempo reale applicazioni digitali innovative e avanzate.

Edge Computing

La potenza di calcolo viene direttamente trasferita alla rete mobile, ad esempio per elaborare in tempo reale i dati di un macchinario.

Network slicing

È possibile riservare larghezze di banda ad applicazioni critiche per la sicurezza o le infrastrutture. Un’organizzazione di pronto intervento saprà quindi di avere a disposizione un collegamento stabile e garantito anche negli eventi più affollati, come ad esempio la Street Parade.

Quando arriveranno sul mercato i primi smartphone 5G?

Presumo che diversi produttori presenteranno i primi modelli prima o durante il Mobile World Congress di Barcellona, in programma a fine febbraio. A novembre abbiamo connesso per la prima volta al mondo un apparecchio di prova e un hotspot con la nostra rete 5G di prova. L’apparecchio era un prototipo sotto forma di smartphone, munito dello stesso chipset che verrà installato nei primi apparecchi 5G. Solo un anno fa un dispositivo del genere pesava una tonnellata ed occupava un metro cubo di volume. Il 5G avanza a pieno ritmo. 

La rapida evoluzione del 5G diventa evidente se si guarda agli apparecchi di prova. Se nell’estate 2017 questo dispositivo pesava una tonnellata ed occupava un metro cubo di volume, a novembre 2018 ne è stato presentato uno non più grande di uno smartphone, già dotato di componenti 5G che a breve troveremo nei nuovi apparecchi 5G.

Quanto è sicuro il 5G?

Esattamente come il 4G. Anzi, in futuro il 5G presenterà ancora più funzioni di sicurezza, estese a nuove dimensioni. Pensiamo ad esempio a funzioni per l’effettivo traffico dati e l’identificazione degli utenti, ma anche a funzioni di sicurezza in caso di collegamenti tramite diversi operatori, o ancora a meccanismi di sicurezza per i componenti di rete. Di base, oggi il 5G utilizza gli standard 4G, che vengono costantemente ottimizzati. Questi standard verranno gradualmente sostituiti, finché tutta l’architettura di sicurezza di base sarà costruita esclusivamente sul 5G. 

Il 5G aumenterà le emissioni?

Il 5G non è sostanzialmente diverso dalle tecnologie di vecchia generazione come il 3G (UMTS) e il 4G (LTE). In un primo momento, peraltro, il 5G opererà sugli stessi spettri di frequenza delle tecnologie precedenti. Ne consegue che i risultati dei tanti studi condotti sui segnali UMTS e/o LTE sono in linea di principio validi anche per il 5G. Anche per il 5G ci atteniamo alle disposizioni in vigore, che in Svizzera presentano limiti di sicurezza restrittivi.
Per i nuovi spettri di frequenza superiori a 6 GHz che verranno usati dal 5G sono previsti valori limite affidabili, che naturalmente rispetteremo.

Maggiori informazioni

Il futuro della telefonia mobile

5G – non solo velocità

Vai all’articolo

Intervista a Stefan Mauron

«5G è il passo logico successivo»

Vai all’articolo

I primi apparecchi

«La Svizzera è un terreno di prova per la tecnologia 5G»

Vai all’articolo

Infografica

Le generazioni di telefonia mobile in sintesi

Vai all’infografica (PDF)



Chi è Patrick Weibel

Patrick Weibel è il responsabile del programma 5G in Swisscom. Ha seguito da vicino il potenziamento di tutta la generazione di telefonia mobile.


5G per la Svizzera

Con il suo programma 5G, Swisscom introduce l’ultimissima generazione di telefonia mobile.

Scopri di più