Meta-navigazione

Intervista con Heinz Herren





Il responsabile IT, Network & Infrastructure commenta il test sulle reti

«La nostra rete mobile è tra le migliori al mondo – a tutto vantaggio dei nostri clienti»

Con una nota eccellente Swisscom ha vinto il grande test delle reti mobili della rivista specializzata connect arrivando prima a pari punti con Sunrise. I due operatori svizzeri hanno ottenuto il risultato migliore mai assegnato da connect in tutto il mondo. In questa intervista Heinz Herren, CIO e CTO di Swisscom, parla dell’importanza dei test, degli ostacoli all’estensione della rete mobile e della 5G.

Sonja Majinovic, 28 novembre 2017

Heinz Herren, Swisscom ha vinto il test sulle reti connect ma deve spartirsi la vittoria con Sunrise. Ormai tra le reti mobili svizzere non c’è più nessuna differenza?

Siamo molto felici della vittoria nel test sulle reti connect. Swisscom ha portato a casa la vittoria assoluta con un risultato davvero eccellente. Ne sono molto fiero. Il recente test sulle reti mobili di Systemics era giunto alla stessa conclusione. Però in quel caso non avevamo dovuto spartire il gradino più alto del podio con nessuno (ride). I risultati di questi test dimostrano che le reti svizzere sono tra le migliori al mondo. È sotto gli occhi di tutti che qui in Svizzera siamo su un livello straordinariamente alto. E poi è chiaro, anche i nostri competitor investono nelle loro reti mobili. La concorrenza in Svizzera va a vantaggio dei clienti.

Questi test sulle reti mobili sono davvero indicativi? Non sono solo un’«istantanea» senza validità generale?

Per Swisscom i test sono importanti. Ci rivelano come viene percepita la nostra rete. E di questi test ormai ce n’è di ogni tipo: ad esempio i walk test e i drive test, come quelli di connect, Chip e Systemics. Ma anche i sondaggi presso la clientela e gli speed test tramite app, come quelli di cnlab e OpenSignal. E in effetti sì, walk test e drive test sono «istantanee». Ma ci rivelano la percezione che hanno i clienti della nostra rete mobile. Naturalmente anche noi mettiamo alla prova regolarmente la nostra rete e investiamo tantissimo nello sviluppo. E infatti anche quest’anno la nostra rete mobile ha compiuto grandi passi avanti, sia per quanto riguarda il comparto Voice che soprattutto i dati.

Swisscom ha vinto la categoria «Mobile Data». Ma nelle città la copertura di rete negli orari di punta non è sempre ottimale.

Swisscom è sicuramente la scelta migliore per chi vuole navigare in mobilità. È normale che nei luoghi più frequentati la rete sia particolarmente sovraccarica. A questo si aggiunge che il trasferimento mobile dei dati continua a raddoppiare ogni anno. È per questo che Swisscom non perde occasione per aumentare la densità della sua rete. Entro la fine dell’anno porteremo velocità di 1 Gbit/s in 11 città. Per i nostri clienti questo significa più velocità ma anche più capacità. Però l’estensione della rete nelle aree urbane è complicata dal fatto che abbiamo raggiunto il limite di capacità RNI. Per questo puntiamo a una modifica dell’ordinanza sulla protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ORNI). I metodi di calcolo, poi, devono essere modificati. E, per finire, anche la normativa edilizia avrebbe bisogno di una revisione.

Il cambiamento delle abitudini dei clienti porta a un aumento esponenziale dei volumi di dati trasmessi sulla rete Swisscom.

Perché Swisscom auspica una modifica dell’ORNI se, stando a connect, la Svizzera ha già reti migliori rispetto, ad esempio, alla Germania o all’Austria?

Se confrontiamo la Svizzera con il resto d’Europa, il risultato per le nostre reti mobili è lusinghiero. In fatto di prestazioni sono addirittura le migliori del continente. Ogni anno costruiamo o modernizziamo circa 300 installazioni per la rete mobile. Così riusciamo ancora a soddisfare la crescente domanda di trasmissione dati mobile. Ma il numero di installazioni che riusciamo a costruire non tiene il passo del traffico dati mobile, che continua a crescere. Mancano nuove installazioni. A questo si aggiunge un’altra difficoltà, ovvero le macchinose procedure di autorizzazione. I valori limite di prevenzione ORNI sono 10 volte più rigidi e già oggi fanno sì che il 90% delle installazioni esistenti nelle aree urbane non possa più essere potenziato. Abbiamo bisogno di più installazioni per la rete mobile. Senza di esse, è impossibile sfruttare il potenziale delle nuove tecnologie.

Nelle città si avvicina il momento in cui le reti mobili arriveranno ai limiti della loro capacità.
Foto: Keystone

Cosa intende dire?

Le attuali disposizioni dell’ORNI impediscono alla Svizzera di modernizzare le reti mobili in modo veloce ed efficace con la tecnologia 5G. Questo è un ostacolo per la competitività elvetica. Da una modifica dell’ORNI dipendono il buon esito della strategia di digitalizzazione del nostro paese e il rafforzamento dell’economia svizzera.

Come proseguirà l’estensione di Swisscom?

Stiamo investendo tanto nell’estensione della LTE Advanced: abbiamo già raggiunto una copertura dell’80% a 300 Mbit/s e del 60% a 450 Mbit/s. A questo si aggiunge l’estensione della rete a 1 Gbit/s, in cui siamo leader in Svizzera. Entro la fine dell’anno le città con internet mobile a 1 Gbit/s saranno già undici. I nostri clienti possono testare questa velocità straordinaria anche in 15 Swisscom Shop.

E a che punto è Swisscom con la 5G?

Nell’estate 2017 abbiamo presentato le prime applicazioni 5G: NB-IoT, Network Slicing e 5G-Speed. Con il nostro partner industriale Ypsomed stiamo testando le applicazioni 5G nella produzione. Stiamo lavorando intensamente allo sviluppo della 5G per rendere accessibile questa nuova tecnologia ai nostri clienti il prima possibile. Sono convinto che la prossima generazione della telefonia mobile sarà una tecnologia chiave e un’opportunità che capita una volta in una generazione. Offrirà ben di più che un semplice aumento delle velocità e delle capacità. Sarà il sistema operativo dell’economia digitale. La competitività futura dipende direttamente dalle prestazioni della nostra infrastruttura. Renderà possibili tante applicazioni che oggi non riusciamo nemmeno a immaginare. Proprio come 10 anni fa, quando nessuno avrebbe potuto prevedere le forme di comunicazione rivoluzionarie e i nuovi settori economici creati da internet mobile e dalle app. La 5G è una piattaforma per la prossima ondata di innovazione. Io, personalmente, ho grandi aspettative. 

Heinz Herren

Il responsabile IT, Network & Infrastructure è membro della Direzione del Gruppo Swisscom dal 2012. Nel ruolo di Chief Information Officer (CIO) risp. Chief Technology Officer (CTO) è responsabile dell’estensione della rete Swisscom. 

Vai al ritratto



La rete del futuro.

Alcuni la definiscono «miglior rete della Svizzera». Noi la chiamiamo la rete del futuro. E da molti anni fa incetta di premi nei test.

Scopri di più
Vai ai risultati del test