Meta-navigazione

Comunicato stampa

Trasformazione in un gruppo di società: Swisscom accelera i tempi e diventa più flessibile

25 agosto 2000

Per garantire la propria concorrenzialità sul mercato delle telecomunicazioni, in rapida evoluzione, Swisscom adegua la propria organizzazione: l"azienda, che ha una struttura centrale, verrà gradualmente trasformata entro la fine del 2001 in un gruppo di società indipendenti dal punto di vista operativo. Questa trasformazione consente di attribuire chiaramente le responsabilità dei risultati, permette alle società operative di concentrarsi sui mercati parziali, crea una maggiore trasparenza e rende pertanto il gruppo più attrattivo per il mercato dei capitali e del lavoro. Swisscom porta avanti in tal modo il processo di verticalizzazione introdotto nel 1999 con il progetto "Progress". La trasformazione in gruppo di società non comporterà un"ulteriore riduzione del personale. Inoltre, per quanto riguarda le partecipazioni nelle imprese di telecomunicazione estere, Swisscom si concentrerà maggiormente sul mercato in forte crescita, ovvero il mercato della comunicazione mobile, mentre cederà parzialmente le proprie quote di partecipazione nelle imprese orientate sulla rete fissa.

La decisione del Consiglio di amministrazione di Swisscom prevede il passaggio dall´attuale struttura centrale a un´organizzazione di gruppo. L´attuazione avverrà gradualmente e dovrebbe essere ultimata entro la fine del 2001. Gli elementi centrali della nuova organizzazione consistono in un Headquarters notevolmente ridotto rispetto a quello attuale e nel conseguente scorporo dei singoli settori di attività in unità indipendenti dal punto di vista operativo. Al posto di una direzione responsabile dell´intera azienda vi saranno singole direzioni delle unità operative che godranno di ampia autonomia e una direzione centrale che si concentrerà sulla gestione finanziaria e strategica.

"Con questa nuova organizzazione aziendale Swisscom getta le basi per il futuro", così il Presidente Markus Rauh ha motivato le decisioni prese dal Consiglio di amministrazione. "La nuova organizzazione semplifica la gestione, crea trasparenza e la necessaria flessibilità per garantire il successo in un settore in rapida espansione come quello delle telecomunicazioni." Il CEO di Swisscom Jens Alder ha sottolineato: "Nel gruppo di società le responsabilità dei risultati vengono attribuite con maggiore chiarezza, e le singole società possono inoltre concentrarsi interamente sui propri mercati; sono in tal modo possibili partnership strategiche nei singoli mercati parziali. In questo modo Swisscom aumenta la propria attrattiva nei confronti di talenti manageriali altamente qualificati e ambiziosi. Si facilita inoltre la raccolta di fondi sui mercati finanziari e di conseguenza si rende più trasparente il valore del gruppo."

Il Consiglio di amministrazione ha adottato le seguenti decisioni per l´ulteriore graduale trasformazione di Swisscom in gruppo: 

insediamento di una direzione centrale che si concentrerà sulla gestione finanziaria e strategica al posto dell´attuale direzione responsabile dell´intera azienda;  

creazione di un Headquarters del gruppo molto più ridotto comprendente le funzioni necessarie per la direzione del gruppo di società (Finance & Controlling, Strategy & International, Corporate Communications, Corporate Management Services, Human resource Management e Chief Information Officer);  

scorporo della Division Mobile Com che diventa una società anonima indipendente;  

decisione a favore di ulteriori outsourcing che verranno definiti per i singoli casi dal Consiglio di amministrazione in base all´evoluzione dei mercati e a ulteriori analisi.  

Le decisioni del Consiglio di amministrazione non comportano ulteriori riduzioni del personale oltre a quelle già annunciate in passato.

Dominik Koechlin, membro per quattro anni della Direzione del Gruppo e responsabile della divisione Strategy & International - che verrà integrata nelle funzioni dell´Headquarters - ha deciso per motivi personali di rinunciare a questa funzione per il 1° gennaio 2001. Il CEO Jens Alder ha ringraziato Dominik Koechlin che in passato ha acquisito grandi meriti in seno a Swisscom. Tra l´altro, Koechlin ha partecipato in maniera decisiva ai grandi processi di ristrutturazione "Change" e "Progress" oltre che al debutto di Swisscom in borsa. Egli ha inoltre realizzato l´acquisizione di debitel (più di 4 miliardi di franchi) e si è occupato dell´adeguamento delle partecipazioni internazionali. Anche dopo il 1° gennaio 2001 il CEO incaricherà Koechlin, che vanta un´enorme esperienza, di seguire progetti di grande importanza strategica, soprattutto nel settore delle cooperazioni internazionali.

Nell´attività internazionale ci si concentra sulla comunicazione mobile

Per quanto riguarda l´attività internazionale, il Consiglio di amministrazione ha approvato la decisione di concentrare in linea di massima le partecipazioni sul mercato della comunicazione mobile, ovvero sul mercato del futuro. Di conseguenza, Swisscom cederà la propria partecipazione del 50% in tesion, l´azienda del Baden-Württemberg, all´attuale comproprietaria Energie Baden-Württemberg (EnBW). È inoltre prevista la cessione della partecipazione nell´impresa alsaziana Estel. Per quanto concerne la Swisscom S.p.A. di Milano, sono attualmente in corso colloqui per sviluppare future prospettive commerciali con un possibile partner. Non è previsto invece un ritiro dalla UTA Telekom AG, società che opera a livello nazionale e che è al secondo posto nel mercato austriaco delle telecomunicazioni. Nel quadro dell´orientamento strategico dell´azienda si sta esaminando l´eventualità di una quotazione in borsa dell´UTA di cui Swisscom detiene il 50% e una delle azioni. Tuttavia non si è ancora deciso se e quando sarà attuato un possibile IPO.

Dopo il ritiro dall´asta per l´assegnazione delle licenze UMTS in Germania, Swisscom e la società affiliata debitel si concentrano ora maggiormente sulla crescita della propria base di clienti nel settore della comunicazione mobile. Swisscom e debitel mirano a partnership strategiche allo scopo di ottenere una creazione ottimale del valore aggiunto sul futuro mercato UMTS. Si potrebbe trattare di un puro modello di rivendita o di un gestore di rete virtuale (MVNO). Sono già stati avviati i primi colloqui con potenziali partner.


Berna, 25 Agosto 2000

Kontakt

Swisscom AG
Media Relations
3050 Bern

media@swisscom.com