Meta-navigazione

Comunicato stampa

Forte crescita per ADSL - ulteriore riacquisto di azioni

10 marzo 2005

Nel 2004 il fatturato di Swisscom è aumentato dello 0,3%, raggiungendo i 10,06 miliardi di CHF, e l'utile netto dell'1,6%, attestandosi a 1,6 miliardi di CHF. Il risultato d'esercizio al lordo di interessi, imposte e ammortamenti (EBITDA) si è contratto del 2,2%, fermandosi a quota 4,4 miliardi di CHF. L'Equity Free Cash Flow di 2,9 miliardi di CHF, parimenti rimasto stabile, viene distribuito agli azionisti sotto forma di un dividendo di CHF 14 per azione (2003: CHF 13) e di un riacquisto di titoli per un ammontare di 2 miliardi di CHF. Nell'anno d'esercizio 2005, Swisscom prevede di raggiungere un fatturato consolidato intorno ai 10 miliardi di CHF e un risultato d'esercizio al lordo di interessi, imposte e ammortamenti (EBITDA) pari a circa 4,2 miliardi di CHF. Gli investimenti si aggireranno intorno a 1,2 miliardi di CHF.

 

 2003

 2004

 Variazione

Fatturato netto (in milioni di CHF)

 10'026

 10'057

 0,3%

EBITDA (in milioni di CHF)

 4504

 4404

 -2,2%

EBIT (in milioni di CHF)

 2819

 2705

 -4,0%

Utile netto (in milioni di CHF)

 1569

 1594

 1,6%

Equity Free Cash Flow (in milioni di CHF)

 2913

 2913

 -

Collegamenti ADSL (al 31.12)

 487'000

 802'000

 64,7%

Numero di utenti Mobile (al 31.12, in milioni)

 3,8

 3,9

 3,0%

Collaboratori (posti a tempo pieno al 31.12)

 16'079

 15'477

 -3,7%

 

L'8 giugno 2004, Swisscom ha venduto la sua partecipazione in debitel. Di conseguenza, nel bilancio di Swisscom, debitel figura separatamente come settore dimesso. Le cifre dell'anno precedente sono state adeguate.

Il Gruppo Swisscom ha concluso l'anno finanziario 2004 in modo estremamente positivo. Swisscom Fixnet ha incrementato il numero degli accessi a internet a banda larga del 64,7%, raggiungendo quota 802'000 unità. Nel prossimo futuro, l'azienda fornirà servizi multimediali, e lo scorso autunno ha pertanto dato il via a un test di mercato con un'offerta di programmi televisivi attraverso internet a banda larga. Quale primo fornitore svizzero, Swisscom Mobile ha messo in esercizio la rete UMTS, la cui copertura raggiunge già il 90% della popolazione. Nel 2004 è stata lanciata una novità mondiale brevettata: Mobile Unlimited. Per la prima volta una scheda dati PC supporta le tre tecnologie mobili di trasmissione WLAN, UMTS e GPRS - e in futuro anche EDGE - e seleziona senza alcuna interruzione la rete disponibile più rapida. Nel 2004 Swisscom IT Services ha incrementato le attività nell'outsourcing IT e ha acquisito numerosi nuovi clienti, creando così i presupposti necessari per operare con successo sul mercato esterno.

Il fatturato del Gruppo Swisscom conseguito con clienti esterni è salito di 31 milioni di CHF, raggiungendo i 10'057 milioni di CHF, pari a un aumento dello 0,3% rispetto all'anno precedente. L'organico del Gruppo Swisscom è diminuito di 602 posti di lavoro a tempo pieno, attestandosi a 15'477 unità. Il risultato d'esercizio al lordo di interessi, imposte e ammortamenti (EBITDA) è regredito di 100 milioni di CHF, ossia del 2,2%, a 4'404 milioni di CHF, in particolare in seguito alle maggiori spese dovute ai quantitativi e ai prezzi.

Gli ammortamenti ordinari sulle immobilizzazioni e altre immobilizzazioni immateriali sono diminuiti di 150 milioni di CHF. A causa dell'aspra concorrenza e della forte pressione sui costi, sugli impianti del settore Carrier internazionale, in particolare sulle partecipazioni nei consorzi cavi transoceanici, è stata registrata una perdita di valore straordinaria (impairment) pari a 155 milioni di CHF. Gli ammortamenti hanno così subìto un aumento netto di 5 milioni di CHF.

 

Il riacquisto di azioni 2004 comporta una compressione degli utili

L'utile netto è aumentato di 25 milioni di CHF (1,6%) rispetto all'anno precedente, passando a 1'594 milioni di CHF. Il risultato d'esercizio più basso e i maggiori oneri finanziari netti sono stati ampiamente compensati dal minor onere fiscale e dalla minore perdita del settore dimesso (debitel). In seguito al programma di riacquisto di azioni 2004 e al calo del numero medio di azioni da esso risultante (secondo IFRS), l'utile netto per singola azione è tuttavia di CHF 24,63, pari ad un aumento del 3,9%.

Secondo la politica di distribuzione degli utili, che prevede il versamento integrale dell'Equity Free Cash Flow, il Consiglio di amministrazione propone all'Assemblea generale ordinaria del 26 aprile 2005 di versare un dividendo di CHF 14 per ogni azione (anno precedente: CHF 13) o complessivi 861 milioni di CHF. Dal riacquisto del 7,1% delle azioni nel 2004 risulta una compressione degli utili che consente per il 2005 di aumentare di CHF 1 il dividendo per ogni azione ossia del 7,7% per una somma di dividendi invariata di 861 milioni di CHF. La parte rimanente dell'Equity Free Cash Flow di 2 miliardi di CHF viene versata agli azionisti attraverso un riacquisto di azioni. Il riacquisto ha luogo tramite una seconda linea di negoziazione e verrà lanciato presumibilmente dopo l'Assemblea generale ordinaria.

In segno di ringraziamento per le buone prestazioni fornite e quale incentivo per il futuro, Swisscom offre ai suoi dipendenti azioni a condizioni preferenziali. Il Consiglio di amministrazione di Swisscom ha inoltre approvato un programma di azioni destinato ai quadri. In tale contesto, l'azienda acquisterà fino a 140'000 azioni (meno dello 0,3% delle azioni emesse) sul libero mercato.

Previsto un andamento degli affari stabile per il 2005
Nell'esercizio 2005, Swisscom prevede di raggiungere, se la concorrenza permarrà forte e le regolamentazioni rimarranno immutate, un fatturato consolidato intorno ai 10 miliardi di CHF e un risultato d'esercizio al lordo di interessi, imposte e ammortamenti (EBITDA) pari a circa 4,2 miliardi di CHF. Gli investimenti preventivati per il 2005 si aggireranno intorno a 1,2 miliardi di CHF.

 

Rapporto relativo ai singoli segmenti

Il fatturato di Fixnet con clienti esterni è diminuito dell'1,0% rispetto all'anno precedente, attestandosi a 4'555 milioni di CHF. Il maggiore fatturato generato dalle tasse di collegamento in seguito all'espansione di ADSL è stato vanificato da un calo nell'ambito del traffico nell'area limitrofa e discosta nonché del traffico internet. Nell'esercizio precedente sono inoltre compresi una liquidazione della determinazione di ratei e risconti, non più necessaria, nonché il fatturato di una partecipazione venduta. Senza questi effetti straordinari, l'incremento del fatturato sarebbe stato dell'1,3%.

La cifra d'affari del traffico Retail è scesa a 1'240 milioni di CHF, pari a un calo del 6,7%. La diminuzione si attesta complessivamente a 89 milioni di CHF, di cui 35 milioni di CHF nel traffico nell'area limitrofa e discosta e 53 milioni di CHF nel traffico internet. La flessione è dovuta soprattutto alla persistente migrazione dal traffico internet ad ADSL. Il fatturato generato dal traffico nel settore Fix-to-Mobile e dal traffico internazionale è rimasto praticamente invariato rispetto all'anno precedente.

Il fatturato del traffico Wholesale è salito a 691 milioni di CHF (+2,1%), in special modo in seguito all'aumento del volume del traffico nel settore International Termination. Per contro, la riduzione dei prezzi d'interconnessione regolamentati e il calo dei volumi nel traffico Wholesale nazionale hanno inciso negativamente sul fatturato. Il traffico del segmento Altri ha registrato una diminuzione di 89 milioni di CHF rispetto all'anno precedente. Questo calo è dovuto principalmente alla liquidazione registrata nell'esercizio precedente ai fini del fatturato di una determinazione di ratei e risconti non più necessaria.

Il fatturato generato dalle tasse di collegamento è aumentato del 9,4%, attestandosi a 1'876 milioni di CHF, grazie all'ulteriore crescita del numero di allacciamenti a banda larga (ADSL), che rispetto all'anno precedente è salito del 64,7% toccando quota 802'000 unità. Di questi, 490'000 sono intestati a clienti Retail di Bluewin e 312'000 a clienti di altri provider. La voce Tasse di collegamento comprende le tasse per i collegamenti analogici e digitali, quelli a banda larga (ADSL) di clienti Retail e Wholesale, nonché i canoni d'abbonamento internet.

Il calo del restante fatturato a 590 milioni di CHF, corrispondente a una flessione del 6,8%, è dovuto alla vendita della partecipazione in Telecom FL AG, avvenuta nell'ottobre 2003, e alla diminuzione della cifra d'affari nel settore delle linee noleggiate e dei terminali per la rete fissa.

I costi d'esercizio del segmento Fixnet sono scesi a 3'545 milioni di CHF, registrando un calo del 3,0% rispetto al 2003, attribuibile essenzialmente all'organico medio ridotto e alle minori spese per la riduzione degli impieghi. Nei rimanenti costi d'esercizio 2004 si è inoltre registrato un incremento degli accantonamenti per una riduzione dei prezzi d'interconnessione in seguito a una decisione della Commissione federale delle comunicazioni.

L'EBITDA di Fixnet è aumentato del 2,0%, passando così a 2'170 milioni di CHF, in seguito alla maggiore contrazione dei costi d'esercizio rispetto alla cifra d'affari. Pertanto il margine EBITDA è salito dal 36,8% al 38,0%.

Gli ammortamenti ordinari sono calati notevolmente nel 2004. La diminuzione è stata però ampiamente neutralizzata da una perdita di valore straordinaria (impairment) sui valori patrimoniali del settore Carrier internazionale. Questi valori patrimoniali comprendono soprattutto diritti all'utilizzo a lungo termine dei consorzi cavi transoceanici internazionali. Poiché il settore Carrier internazionale è caratterizzato da una forte concorrenza, esuberi di personale e da un'elevata pressione sui costi, Swisscom ha proceduto a una rivalutazione della validità dei valori patrimoniali di questo settore. In seguito a tale rivalutazione è stata registrata una perdita di valore straordinaria (impairement) di 155 milioni di CHF.

Nel 2004 Fixnet ha investito 433 milioni di CHF (2003: 583 milioni di CHF) in immobilizzazioni e immobilizzazioni immateriali. La maggior parte concerne investimenti nell'infrastruttura di rete. Uno dei principali obiettivi d'investimento è sempre costituito dalla tecnologia a banda larga. Nell'esercizio precedente sono stati effettuati anche investimenti sostanziali nella piattaforma Voice che hanno permesso di ridurre la complessità e i costi.

Rispetto all'anno precedente, il segmento Mobile ha incrementato del 4,8% il fatturato con clienti esterni, giungendo a 3'679 milioni di CHF, in seguito alla crescita del numero di clienti. Tale numero è aumentato di 112'000 unità rispetto al 2003, che corrisponde a una crescita del 3,0%, attestandosi a 3,9 milioni. L'aumento è dovuto in particolare alla crescente penetrazione del mercato della telefonia mobile e al churn management orientato ai valori. Nell'effettivo di clienti sono compresi 445'000 clienti Vodafone live!. In seguito a una nuova disposizione di legge, i clienti prepaid devono farsi registrare presso i gestori di rete. Circa 124'000 clienti di Swisscom Mobile non si sono registrati e i rispettivi collegamenti sono stati disattivati alla fine del 2004.

Nel settore Connectivity Voice, la cifra d'affari è salita a 2'286 milioni di CHF (+2,9%), in particolare in seguito all'estensione della base di clienti e all'outbound roaming che hanno più che compensato il calo di fatturato dovuto allo scioglimento, a metà 2003, del contratto per il roaming nazionale stipulato tra Mobile e un altro gestore di telefonia mobile.

Il fatturato nel settore Connectivity Data e Value Added Services è salito del 14,8% rispetto all'anno precedente, raggiungendo 521 milioni di CHF. La crescita è imputabile soprattutto al maggior numero di clienti e al conteggio diretto di SMS con altri gestori di rete. Grazie all'aumento del numero di terminali venduti, il fatturato con altri segmenti è salito del 19,9%, attestandosi a 30 milioni di CHF. L'incremento di 48 milioni di CHF del fatturato con altri segmenti è dovuto in particolare alle maggiori forniture di terminali a Fixnet per la vendita negli Swisscom Shop.

Il fatturato medio mensile per cliente (ARPU) di CHF 81 è stato mantenuto ai livelli dell'anno precedente in seguito al lancio di nuovi servizi. Il calo da 121 a 118 minuti rispetto all'anno precedente registrato nell'ambito del numero medio dei minuti fatturati al mese per cliente (AMPU) è stato compensato nell'ARPU dall'aumento dell'impiego dei servizi dati.

I costi d'esercizio di Mobile sono aumentati del 10,4% rispetto all'anno precedente, giungendo a 2'380 milioni di CHF. L'incremento netto del numero di clienti - che non comprende i clienti prepaid disattivati in seguito alla mancata registrazione prevista dalla nuova disposizione di legge - è risultato sensibilmente maggiore rispetto al periodo precedente. Ciò ha dato origine a maggiori costi per l'acquisizione e la fidelizzazione dei clienti, nonché a spese più elevate per l'acquisto di terminali. Proporzionalmente alla crescita del fatturato sono aumentate anche le spese per l'accesso alla rete. I costi per il personale sono saliti in seguito all'incremento dell'organico.

Il risultato d'esercizio (EBITDA) è diminuito dello 0,4%, attestandosi a 1'976 milioni di CHF, soprattutto a causa delle maggiori spese correlate all'aumento di clienti e dello scioglimento del contratto per il roaming nazionale. Di conseguenza, il margine EBITDA è passato dal 47,9% al 45,4%. Gli investimenti superano di 82 milioni di CHF, ossia del 19%, quelli dell'anno precedente in seguito ai maggiori investimenti per la realizzazione di una rete a banda larga mobile capillare, in particolare di UMTS e EDGE.

Il fatturato del segmento Enterprise Solutions con clienti esterni ha subìto una flessione dell'8,7% rispetto al periodo precedente, attestandosi a 987 milioni di CHF. La cifra d'affari nel settore del traffico è scesa a 297 milioni di CHF (-13,7%). Questo calo è stato provocato dalla diminuzione dei volumi in seguito al passaggio alla telefonia mobile e dai prezzi più bassi causati dalla persistente pressione concorrenziale.

Nel settore Networking il fatturato è calato dell'11,7%, stabilizzandosi a 460 milioni di CHF, in seguito alla sostituzione e all'ottimizzazione dei tradizionali servizi dati, quali le linee noleggiate, mediante offerte basate su internet (IP) con prezzi inferiori. Nel settore Inhouse e Processes, la diminuzione della cifra d'affari  a 84 milioni di CHF, equivalente a una contrazione del 5,6%, è da ricondurre principalmente al minor fatturato realizzato con i Business Numbers. L'aumento del 15,0% alla voce Altri fatturati, che ha permesso di raggiungere quota 146 milioni di CHF, è dovuto in gran parte alla maggior cifra d'affari conseguita con i servizi outsourcing per clienti commerciali.

I costi d'esercizio sono scesi del 7,4% prevalentemente a causa della flessione del volume degli acquisti conseguente al minor fatturato, nonché del calo sia dei costi per il personale dovuto al minor organico, sia dei costi per la riduzione degli impieghi. La diminuzione dell'organico è di 106 impieghi, pari a una flessione del 10,6%. I costi per la soppressione di posti di lavoro sono ammontati a 18 milioni di CHF, rispetto ai 41 milioni di CHF dell'anno precedente. Nel quarto trimestre 2004 sono stati contabilizzati anche costi in relazione alla fusione di Swisscom Enterprise Solutions e Swisscom Systems.

In seguito agli effetti citati, l'EBITDA di 80 milioni di CHF è stato mantenuto ai livelli del periodo precedente. Il margine EBITDA si è attestato al 7,1% (anno precedente: 6,7%).

Il segmento Altri comprende le seguenti società del Gruppo: Swisscom Systems SA, Swisscom IT Services SA, Swisscom Broadcast SA, nonché le società Billag e Swisscom Eurospot. Il fatturato realizzato con clienti esterni è aumentato dello 0,9% rispetto all'anno precedente, passando a 768 milioni di CHF. La maggiore cifra d'affari realizzata da Billag in seguito all'acquisizione, avvenuta nel dicembre 2003, di Billag Card Services SA è stata neutralizzata dal calo registrato presso Swisscom Systems e Swisscom IT Services.

La diminuzione di fatturato presso Swisscom Systems è da imputare alla flessione della cifra d'affari nella vendita e nel noleggio di impianti di commutazione per utenti, nonché nei contratti di manutenzione causata dalla forte concorrenza e dalla debolezza congiunturale. Nell'anno preso in esame, Swisscom IT Services ha incrementato il fatturato nell'ambito dei servizi per il settore outsourcing IT. Questo aumento non è stato però sufficiente per compensare il calo della cifra d'affari registrato nelle prestazioni con le banche AGI.

I costi d'esercizio sono scesi a 1'085 milioni di CHF, registrando un calo del 5,5% rispetto al 2003, essenzialmente in seguito all'organico medio ridotto e alle minori spese per la riduzione degli impieghi. I costi per la soppressione di posti di lavoro sono ammontati a 6 milioni di CHF, rispetto ai 48 milioni di CHF dell'anno precedente. La voce Costi d'esercizio comprende inoltre i costi per la creazione del settore WLAN internazionale di Swisscom Eurospot. Il forte aumento degli investimenti nel segmento Altri è dovuto sostanzialmente alla creazione del settore WLAN internazionale.

Il 1° gennaio 2005 ha avuto luogo la fusione tra Swisscom Systems e Swisscom Enterprise Solutions che nel rapporto finanziario figura dal 2005 come segmento Swisscom Solutions. Nel 2004, Swisscom Systems ha realizzato un fatturato netto (incl. intercompany) di 342 milioni di CHF e un EBITDA di 55 milioni di CHF.

 

Il rapporto annuale dettagliato può essere consultato in internet:


http://www.swisscom.com/rapporto2004

 

Berna, 10 marzo 2005

 

Cautionary statement regarding forward-looking statements

This communication contains statements that constitute "forward-looking statements". In this communication, such forward-looking statements include, without limitation, statements relating to our financial condition, results of operations and business and certain of our strategic plans and objectives.Because these forward-looking statements are subject to risks and uncertainties, actual future results may differ materially from those expressed in or implied by the statements. Many of these risks and uncertainties relate to factors which are beyond Swisscom's ability to control or estimate precisely, such as future market conditions, currency fluctuations, the behavior of other market participants, the actions of governmental regulators and other risk factors detailed in Swisscom's past and future filings and reports filed with the SWX Swiss Exchange and the U.S. Securities and Exchange Commission and posted on our websites. Readers are cautioned not to put undue reliance on forward-looking statements, which speak only of the date of this communication. Swisscom disclaims any intention or obligation to update and revise any forward-looking statements, whether as a result of new information, future events or otherwise.

 

Kontakt

Swisscom AG
Media Relations
3050 Bern

media@swisscom.com