Meta-navigazione

Comunicato stampa

Fruizione più mirata e personalizzata della televisione

Zurigo, 22 ottobre 2007

La Svizzera diventa digitale: questa la conclusione di un sondaggio rappresentativo svolto dall'istituto Link su incarico di Swisscom con lo scopo di sondare le abitudini di fruizione della televisione e di internet. La televisione viene guardata in modo più mirato e personalizzato: molte persone vogliono comporre la programmazione a proprio piacimento. Mediante un sondaggio online condotto nella Svizzera tedesca e francese, dopo il 2005 anche quest'anno sono stati analizzati il comportamento nonché le modalità di fruizione e i desideri degli utenti svizzeri di televisione e internet.

Sempre più svizzeri sfruttano i vantaggi delle offerte televisive digitali. Già da tempo le nuove tecnologie e le relative apparecchiature non sono più una prerogativa degli esperti di tecnica. Il sondaggio dell'istituto Link mostra chiaramente che la TV digitale e le offerte Pay-TV stanno rapidamente guadagnando terreno. Solamente l'8% degli intervistati si sente intimorito dalla varietà dell'offerta.

 

Più high-tech in salotto

Oltre il 20% degli intervistati usufruisce già di un'offerta Pay-TV digitale. Uno dei motivi risiede nel fatto che circa il 60% degli interpellati preferisce guardare trasmissioni senza pubblicità (nel 2005 erano il 45%). Il 36% delle famiglie svizzere guarda i programmi su uno o più televisori a schermo piatto; due anni fa erano solo il 21%. Quasi il 70% delle persone intervistate possiede un lettore DVD; nel 2005 soltanto la metà delle famiglie svizzere ne possedeva uno. Solo per le consolle da gioco la cifra è rimasta invariata: come nel 2005, infatti, anche quest'anno circa il 35% degli interpellati ha affermato di possederne una.

 

Fruizione più mirata e personalizzata: ognuno compone la propria programmazione

Contrariamente alle aspettative, secondo i risultati del sondaggio, internet e la sua crescente offerta non hanno sottratto telespettatori alla televisione: più della metà degli intervistati, infatti, continua a guardare la TV tutti i giorni e dichiara di guardare lo stesso numero di trasmissioni televisive, se non di più, da quando dispone di un collegamento internet. Tuttavia, ciò avviene in modo più mirato e personalizzato: tanti vogliono comporre il palinsesto a proprio piacimento, cosa che le nuove tecnologie rendono facilmente possibile. Il 75% degli intervistati ritiene questa esigenza importante o molto importante, mentre nel 2005 soltanto il 59% la pensava così.

 

Internet e TV come partner

I collegamenti internet veloci guadagnano importanza. Mentre nell'autunno 2005 un quarto degli svizzeri intervistati si connetteva ancora a internet tramite collegamento dial-up, lo studio attuale indica che la percentuale è scesa al 6% e il numero dei collegamenti ADSL continua ad aumentare (il 64% degli interpellati). Rispetto al 2005, il numero di svizzeri che accede alla programmazione televisiva tramite un collegamento internet anziché via cavo o satellite è quasi triplicato e, secondo il nuovo sondaggio, si attesta intorno al 14%. Il 10% delle persone intervistate utilizza anche il computer per guardare la TV; le altre preferiscono il televisore. In entrambi i casi, gli intervistati preferiscono guardare la televisione a casa, e tanti anche in compagnia di altre persone (il 22% nel 2005, il 44% nel 2007). Nonostante le nuove possibilità, solo l'1-2% dichiara di guardare le trasmissioni televisive su apparecchi mobili come notebook, lettori DVD mobili o tramite il cellulare. Anche l'utilizzo di internet come radio o music box ha registrato soltanto un lento incremento: secondo il sondaggio di quest'anno, infatti, il 37% degli interpellati ha indicato di ascoltare musica o la radio via internet, rispetto al 31% del 2005. Questi dati sono ancor più degni di nota se si considera che lo studio attuale è stato condotto online e quindi aveva come target una popolazione familiare con l'uso di internet.

 

Gli utenti di Bluewin TV anticipano la tendenza

Oltre al target generale rappresentativo che utilizza internet, il sondaggio di Swisscom si è concentrato in maniera mirata sui clienti di Bluewin TV, i quali si rivelano in testa alla tendenza generale: essi possiedono, ad esempio, più televisori a schermo piatto (il 40% dei clienti Bluewin TV rispetto al 24% degli altri intervistati) e il 33% di essi dispone già di un collegamento internet VDSL, rispetto a solo l'1% degli altri interpellati. I clienti Bluewin TV sfruttano spesso e volentieri l'offerta a loro disposizione: il 70% dichiara infatti di guardare la televisione tutti i giorni. Come particolari vantaggi dell'offerta digitale, due terzi degli intervistati indicano la possibilità di guardare trasmissioni e film in differita e di comporre a piacimento il loro palinsesto televisivo. Per un altro 60% degli utenti Bluewin TV interpellati, la registrazione semplificata delle trasmissioni gioca un ruolo importante. La varietà dei canali, le trasmissioni sportive in diretta e, soprattutto, la guida elettronica ai programmi vengono considerate da tutti gli intervistati, compresi i clienti Bluewin, vantaggi importanti o molto importanti.

 

Lo sviluppo tecnico progredisce

I nuovi media, come la televisione tramite computer, IPTV e HDTV, riscuotono un notevole interesse in Svizzera. Mentre il 17% degli intervistati utilizza già una delle nuove tecnologie e la ritiene un arricchimento, quasi il 40% si dice interessato ma desidera informarsi ulteriormente. Soltanto l'8% delle persone interpellate si sente intimorito dall'ampia varietà dell'offerta. È soprattutto la qualità delle immagini prodotta dalle nuove tecnologie a rivestire un ruolo rilevante: quasi l'80% degli intervistati, infatti, la considera molto importante, tanto è vero che oltre la metà dichiara di possedere un televisore ad alta risoluzione (HDTV) o di volerne acquistare uno quando si tratterà di sostituire quello attuale.

Contatto

Swisscom AG
Media Relations
3050 Bern

media@swisscom.com