Meta-navigazione

Comunicato stampa

La libera concorrenza funziona nel mercato della banda larga

Berna, 13 novembre 2008

Il segretariato della Commissione della concorrenza (ComCo) ha sottoposto alla Commissione la richiesta di disposizione di una sanzione nei confronti di Swisscom per abuso della sua posizione dominante sul mercato nell'ambito dei servizi ADSL e chiesto a Swisscom di prendere posizione in merito. Swisscom esaminerà la bozza di disposizione. L'azienda è stupita riguardo al contenuto e al momento della richiesta, poiché attualmente una procedura è pendente davanti al Tribunale amministrativo federale in merito alla quale quest'ultimo dovrà pronunciarsi sulla questione riguardante un'eventuale posizione dominante sul mercato. Swisscom, inoltre, si chiede se da un punto di vista giuridico la Commissione della concorrenza possa imporre sanzioni in simili casi.

La richiesta alla Commissione della concorrenza (ComCo) prevede una sanzione per un ammontare di circa 237 milioni di CHF per presunti prezzi troppo elevati stabiliti per le offerte relative a prestazioni preliminari ADSL. Swisscom respinge le accuse e considera infondata la sanzione. Da un lato, la disposizione presuppone una posizione dominante sul mercato di Swisscom per i servizi ADSL. Un giudizio a tale riguardo è tuttavia pendente dinanzi al Tribunale amministrativo federale e dovrebbe essere pronunciato prossimamente.

Dall'altro, il Tribunale amministrativo federale deve anche chiarire se è ammesso infliggere sanzioni contro la struttura dei prezzi di un'azienda, malgrado al momento della determinazione dei prezzi non fosse stata giuridicamente stabilita una posizione dominante sul mercato e i prezzi considerati ammessi dalla ComCo non fossero noti.

Swisscom è quindi sorpresa che questa richiesta venga sottoposta in un momento in cui tali questioni di fondo sono pendenti davanti all'istanza superiore della ComCo. Finché in questi casi è garantita la sicurezza giuridica, Swisscom non prenderà provvedimenti. Swisscom esaminerà la bozza di disposizione e avrà l'opportunità di giustificare la sua posizione. La successiva disposizione della ComCo può essere impugnata dinanzi al Tribunale amministrativo federale e in ultima istanza dinanzi al Tribunale federale.

 

Swisscom ritiene di non detenere una posizione dominante sul mercato

In Svizzera vige una concorrenza a livello di infrastrutture in quanto anche i gestori di reti via cavo hanno operato investimenti nelle proprie infrastrutture. In Svizzera più dell'80% delle economie domestiche può scegliere fra Internet via cavo e ADSL. Il segretariato della ComCom non considera il fatto che i gestori di reti via cavo potrebbero offrire anche prestazioni preliminari per la banda larga, ma ritiene dominante la posizione sul mercato di Swisscom perché i gestori di reti via cavo hanno deciso di non offrire autonomamente simili prestazioni preliminari. Nel loro mercato locale gli operatori via cavo più piccoli detengono talvolta quote di mercato più elevate di Swisscom.

Contatto

Swisscom AG
Media Relations
3050 Bern

media@swisscom.com