Meta-navigazione

Comunicato stampa

Clienti e servizi dati mobili in crescita compensano erosione prezzi di ca. 300 mio. di CHF – fatturato del Gruppo in calo per effetti valutari

Berna, 11 agosto 2011

Nel primo semestre il fatturato netto di Swisscom è sceso del 3,8% a 5’722 milioni di CHF mentre il risultato d’esercizio (EBITDA) è calato dello 0,8% a 2’270 milioni di CHF. Sulla base di valute costanti e al netto dell’accantonamento per la procedura relativa all’imposta sul valore aggiunto avviata nei confronti di Fastweb l’anno precedente, il fatturato è diminuito dell’1,4% e l’EBITDA del 3,6%. Malgrado l’aumento del numero di clienti, il fatturato netto dell’affiliata italiana Fastweb è regredito del 6,4% a 875 milioni di euro in moneta locale a causa dell’agguerrita concorrenza a livello di prezzi. Il fatturato di Swisscom senza Fastweb è rimasto in sostanza stabile attestandosi a 4’620 milioni di CHF con una contrazione di 3 milioni di CHF. L’erosione dei prezzi nel core business in Svizzera, pari a 298 milioni di CHF, è stata quasi compensata dai 263 milioni di CHF ottenuti con l’aumento del numero dei clienti e del volume. L’incremento dell’utile netto a 962 milioni di CHF, equivalente a una crescita del 10,1%, è dovuto soprattutto all’accantonamento effettuato nel primo semestre del 2010 nell’ambito della procedura relativa all’imposta sul valore aggiunto avviata nei confronti di Fastweb. In Svizzera, l’aumento degli investimenti nelle reti di nuova generazione e del numero di clienti ha contribuito a un rialzo dell’effettivo del personale: nell’arco di un anno sono stati creati circa 200 nuovi posti di lavoro a tempo pieno. Con un corso di cambio medio di CHF 1.20 per euro, Swisscom si aspetta per l’esercizio 2011 un fatturato netto di 11,5 miliardi di CHF, un EBITDA di 4,6 miliardi di CHF e investimenti per 2,0 miliardi di CHF. Il motivo principale che induce a prevedere un minor fatturato è la debolezza dell’euro. Swisscom prospetta anche per l’esercizio 2011 il versamento di un dividendo di almeno CHF 21 per azione.

 

1.1.-30.6.2010

1.1.-30.6.2011

Variazione

Fatturato netto (in milioni di CHF)

5946

5722

-3,8%

EBITDA (in milioni di CHF)

2288

2270

-0,8%

EBIT (in milioni di CHF)

1298

1326

2,2%

Utile netto (in milioni di CHF)

874

962

10,1%

Collegamenti a banda larga Retail in Svizzera (al 30.6 in migliaia)

1530

1618

5,8%

Collegamenti Swisscom TV in Svizzera (al 30.6 in migliaia)

317

512

61,5%

Collegamenti di telefonia mobile in Svizzera (al 30.6 in migliaia)

5691

5913

3,9%

Servizi di trasmissione mobile dei dati in Svizzera (in milioni di CHF)

199

236

18,6%

Collegamenti a banda larga in Svizzera (al 30.6 in migliaia)

1694

1741

2,8%

Investimenti (in milioni di CHF)

814

909

11,7%

Collaboratori del Gruppo (posti a tempo pieno al 30.6)

19480

19829

1,8%

 

Il fatturato netto del Gruppo Swisscom è regredito nel primo semestre di 224 milioni di CHF, ovvero del 3,8%, attestandosi a 5’722 milioni di CHF. Il risultato d’esercizio al lordo degli ammortamenti (EBITDA) è sceso a 2’270 milioni di CHF, in seguito a un calo di 18 milioni di CHF pari allo 0,8%. Sulla base di valute costanti e al netto dell’accantonamento per la procedura relativa all’imposta sul valore aggiunto avviata nei confronti di Fastweb nel primo semestre del 2010, il fatturato è diminuito dell’1,4%,mentre l’EBITDA è stato inferiore del 3,6% rispetto all’anno precedente. Il fatturato netto in moneta locale dell’affiliata italiana Fastweb è regredito del 6,4% a 875 milioni di euro. Il fatturato di Swisscom senza Fastweb è rimasto praticamente stabile attestandosi a 4’620 milioni di CHF con una contrazione di 3 milioni di CHF.

L’incremento dell’utile netto a 962 milioni di CHF, con una crescita di 88 milioni di CHF pari al 10,1%, è dovuto soprattutto al citato accantonamento effettuato l’anno precedente da parte di Fastweb. La diminuzione dell’EBITDA depurato è stata inoltre quasi compensata da un migliore risultato finanziario e da minori imposte sul reddito. Gli investimenti sono stati aumentati di 95 milioni di CHF, ovvero dell’11,7%, a 909 milioni di CHF, in particolare a favore delle reti di nuova generazione in Svizzera. L’indebitamento netto è salito di 508 milioni di CHF a 9,36 miliardi di CHF rispetto alla fine del 2010, soprattutto in seguito al versamento del dividendo. Il numero di collaboratori è cresciuto in un anno dell’1,8%, cioè di 349 posti a tempo pieno, salendo a 19’829. In Svizzera sono stati creati circa 200 nuovi posti di lavoro a tempo pieno, soprattutto nel servizio alla clientela e in relazione al potenziamento della rete. Una parte dell’aumento dell’effettivo del personale è frutto di acquisizioni di aziende in Svizzera.

 

Erosione dei prezzi per circa 300 milioni di CHF sul mercato svizzero

Nel mercato svizzero la tendenza a preferire offerte combinate, nuovi modelli tariffari e tariffe forfettarie non si è arrestata. Sono stati fortemente ridotti soprattutto i prezzi per la terminazione nell’ambito della telefonia mobile e il roaming di dati. L’erosione dei prezzi nel core business in Svizzera, pari a 298 milioni di CHF, è stata quasi compensata dai 263 milioni di CHF ottenuti con l’aumento del numero dei clienti e del volume. Sul mercato svizzero gli effetti valutari sono stati esigui rispetto all’erosione dei prezzi.

Alla fine di giugno le offerte combinate come ad esempio Vivo Casa, che comprendono un collegamento di rete fissa con telefonia, Internet e TV, registravano già circa 300’000 clienti. All’inizio di agosto Swisscom ha lanciato Vivo Tutto, la prima offerta combinata in Svizzera, che oltre a telefonia, Internet e TV comprende anche servizi di telefonia mobile. Il numero di clienti di Swisscom TV è aumentato nell’arco di un anno del 61,5% a 512’000 unità. Solo nel secondo trimestre del 2011 sono stati acquisiti 43’000 nuovi clienti nell’ambito del servizio TV. A soli cinque anni dal suo ingresso nel mercato televisivo, Swisscom diventa così leader nel settore della televisione digitale.

L’effettivo dei collegamenti di rete fissa liberalizzati è salito nel giro di un anno di 66’000 unità a quota 285’000. In seguito alla liberalizzazione dell’ultimo miglio, il numero dei collegamenti a banda larga di clienti Wholesale è sceso di 58’000 unità a 202’000. Per contro, in un anno il numero dei collegamenti a banda larga per clienti finali è aumentato di 88’000 unità, cioè del 5,8%, a 1,62 milioni.

 

Il traffico mobile di dati è raddoppiato in un anno

Il numero di clienti di telefonia mobile in Svizzera è cresciuto, rispetto all’esercizio precedente, di 222’000 (+ 3,9%) a 5,91 milioni. Nel primo semestre, Swisscom ha venduto 629’000 apparecchi di telefonia mobile (+7,5%), di cui circa il 60% erano smartphone. In seguito alla forte crescita nell’utilizzo di smartphone sono aumentati i sussidi per gli apparecchi ma è anche raddoppiato il traffico mobile di dati nell’arco di un anno. Il prezzo medio per MByte è diminuito di oltre il 40% nello stesso periodo. Il fatturato generato dalla trasmissione mobile di dati è salito del 18,6% a 236 milioni di CHF rispetto all’anno precedente. Dopo la riduzione dei prezzi nel roaming dei dati decisa nel dicembre del 2010, nel primo semestre del 2011 il fatturato ha subito un regresso di 26 milioni di CHF che è stato tuttavia totalmente compensato dal maggior volume del traffico mobile di dati. In seguito a riduzioni dei prezzi e all’introduzione di nuovi modelli tariffari, il fatturato medio mensile per cliente di telefonia mobile (ARPU) è sceso del 4,1% a CHF 47.

 

Minor fatturato Fastweb in seguito a concentrazione dell’offerta di prodotti e riduzioni dei prezzi

Il fatturato netto di Fastweb è calato del 6,4%, cioè di 60 milioni di euro, attestandosi a 875 milioni di euro. Nel settore della clientela privata, la vendita di merci è stata fortemente ridotta ed è stata introdotta con successo una più rigorosa verifica della solvibilità dei nuovi clienti. In questo segmento di clientela la quota di morosità si è dimezzata. I prezzi continuano a essere sotto pressione a causa della forte concorrenza. Il fatturato per singolo cliente titolare di un collegamento a banda larga è di conseguenza calato dell’11% circa e, nonostante la crescita del numero di clienti, il fatturato in questo segmento è diminuito di 56 milioni di euro, cioè del 12,7%, a 385 milioni di euro. La base di clienti nel settore della banda larga ha registrato in un anno un rialzo di 47’000 unità, pari al 2,8%, raggiungendo quota 1,74 milioni. Verso la fine del primo trimestre del 2011, Fastweb ha lanciato insieme a Sky Italia una nuova offerta combinata per TV e Internet a banda larga. Nel secondo trimestre avevano optato per questa offerta già 19’000 clienti. La quota di mercato di Fastweb nel segmento di clientela Grandi Aziende continua a crescere: il fatturato senza clienti Wholesale è salito del 7,7%, cioè di 18 milioni di euro, a 256 milioni di euro. In quest’ambito Fastweb ha tratto profitto da contratti pluriennali con la pubblica amministrazione e acquisito nuovi clienti fra le grandi aziende dell’industria e del settore finanziario.

In un anno il risultato del segmento al lordo degli ammortamenti è aumentato di 30 milioni di euro, cioè del 15,0%, attestandosi a 230 milioni di euro. Depurato dell’accantonamento contabilizzato nel primo semestre del 2010, tale risultato è tuttavia sceso di 40 milioni di euro, cioè del 14,8%, in seguito alla condensazione dell’offerta di prodotti e alle riduzioni dei prezzi. Gli investimenti sono diminuiti di 9 milioni di euro, pari al 4,4%, a 197 milioni di euro. Il 45% circa degli investimenti effettuati è direttamente correlato con la crescita del numero di clienti.

 

Previsto un minor fatturato a causa della debolezza dell’euro

Con un corso di cambio medio di CHF 1.20 per euro (precedente ipotesi: CHF 1.30 per euro), Swisscom si aspetta per l’esercizio 2011 un fatturato netto di 11,5 miliardi di CHF, un EBITDA di 4,6 miliardi di CHF e investimenti per 2,0 miliardi di CHF. Il motivo principale che induce a prevedere un fatturato minore è la debolezza dell’euro. Swisscom prospetta anche per l’esercizio 2011 il versamento di un dividendo di almeno CHF 21 per azione.

 

 

Il rapporto di gestione dettagliato

http://www.swisscom.ch/q2-report-2011

 

Ulteriore documentazione

http://www.swisscom.ch/ir

 

Disclaimer

This communication contains statements that constitute "forward-looking statements". In this communication, such forward-looking statements include, without limitation, statements relating to our financial condition, results of operations and business and certain of our strategic plans and objectives.

Because these forward-looking statements are subject to risks and uncertainties, actual future results may differ materially from those expressed in or implied by the statements. Many of these risks and uncertainties relate to factors which are beyond Swisscom’s ability to control or estimate precisely, such as future market conditions, currency fluctuations, the behaviour of other market participants, the actions of governmental regulators and other risk factors detailed in Swisscom’s and Fastweb’s past and future filings and reports, including those filed with the U.S. Securities and Exchange Commission and in past and future filings, press releases, reports and other information posted on Swisscom Group Companies’ websites.

Readers are cautioned not to put undue reliance on forward-looking statements, which speak only of the date of this communication.

Swisscom disclaims any intention or obligation to update and revise any forward-looking statements, whether as a result of new information, future events or otherwise.

 

 

Contatto

Swisscom AG
Media Relations
3050 Bern

media@swisscom.com