Meta-navigazione

Comunicato stampa

Swisscom StartUp Challenge 2014: le start-up della Svizzera occidentale dettano il ritmo

Berna, 10 luglio 2014

Tra le oltre 100 start-up che hanno partecipato alla Swisscom StartUp Challenge di quest’anno sono emerse le dieci finaliste che con le loro soluzioni innovative intendono conquistare il mercato internazionale. Circostanza degna di nota: le start-up della Svizzera occidentale superano le concorrenti delle regioni di lingua tedesca.

Se durante le vacanze i jeans firmati sono particolarmente convenienti è un indizio che si tratta di falsificazioni. Affinché i turisti possano individuare a colpo d’occhio le offerte fraudolente, la start-up «ScanTrust SA» ha sviluppato un’applicazione per cellulari che consente di verificare con grande semplicità l’autenticità di un prodotto. Grazie a questa innovativa idea di business la neoimpresa ha raccolto un numero ragguardevole di punti e si è aggiudicata direttamente un posto tra i finalisti della Swisscom StartUp Challenge.

Oltre 100 start-up dei settori ICT, media e cleantech si sono misurate in occasione della StartUp Challenge di quest’anno; dieci di queste hanno convinto la giuria e quindi hanno già fatto un passo verso la Silicon Valley, la loro destinazione auspicata. Infatti, Swisscom invita i cinque vincitori a un programma Business Acceleration. Roger Wüthrich-Hasenböhler, il promotore della Challenge e responsabile della divisione PMI di Swisscom, è molto soddisfatto delle concorrenti di quest’anno: «La qualità è molto elevata e i modelli di business sono estremamente interessanti, a conferma per l’ennesima volta che la Svizzera dispone di specialisti eccellenti con un notevole spirito imprenditoriale».


Le start-up della Svizzera occidentale si aggiudicano più punti

Quest’anno sono soprattutto le start-up della Svizzera occidentale a fare la parte del leone. Infatti, sette delle dieci finaliste provengono da questa regione. Nello specifico si tratta di Geosatis SA, ActLight SA, ScanTrust SA, CashSentinel SA, Goodwall, eSMART Technologies Sàrl e VisioSafe SA. Questo dato di fatto riflette l’evoluzione del settore nazionale delle start-up: «Se per molto tempo tutto l’impegno era concentrato a Zurigo, negli ultimi anni Losanna si è sviluppata assumendo la funzione di un secondo hotspot per start-up e ciò sta dando i suoi frutti», spiega Roger Wüthrich-Hasenböhler.


StartUp Challenge: il seguito

In collaborazione con il suo partner Venturelab, Swisscom ha invitato i finalisti a un pitch decisivo il 14 agosto. In questa occasione, una giuria di esperti sottoporrà i dieci finalisti a un esame rigoroso e quindi nominerà i cinque vincitori. Quest’ultimi avranno l’opportunità eccezionale di partecipare a un viaggio con destinazione Silicon Valley dove potranno allacciare contatti con partner internazionali e investitori di pluriennale esperienza ma pure perfezionare il proprio modello operativo con il supporto di mentori. Nel quadro del pitch sarà anche consegnato il premio del pubblico che andrà alla start-up che si è aggiudicata il maggior numero di voti da parte del pubblico. La votazione ha luogo a decorrere da fine luglio sul sito www.swisscom.ch/challenge.

Da anni Swisscom affianca i giovani imprenditori svizzeri, ad esempio attraverso partnership con istituti di promozione regionali o tramite la piattaforma online www.swisscom.ch/startup. Peraltro, con l’Early Stage Fund, Swisscom mette a disposizione oltre 10 milioni di CHF volti a promuovere le start-up innovative e il transfer di know-how alle neoimprese.

Contatto

Swisscom AG
Media Relations
3050 Bern

media@swisscom.com