Meta-navigazione

Comunicato stampa

Primo trimestre 2018 in linea con le previsioni – Banda larga, inOne e TV in crescita

Berna, 02 maggio 2018

Fatturato più elevato, EBITDA pressoché stabile +++ Crescita delle offerte combinate grazie a inOne e del settore delle soluzioni con i grandi clienti +++ Per Fastweb, incremento di banda larga e comunicazione mobile +++ Investimenti sempre elevati nelle reti +++ Prospettive invariate per il 2018

 

Il CEO Urs Schaeppi traccia un bilancio positivo dell’andamento degli affari dei primi tre mesi del 2018: «Nel primo trimestre del 2018 abbiamo conseguito un risultato solido. Tuttavia il persistente contesto difficile mette duramente alla prova il nostro settore: siamo confrontati con l’aumento sia delle esigenze dei nostri clienti sia dei volumi di dati sulle reti. La necessità di investimenti rimane pertanto elevata. Allo stesso tempo, i prezzi diminuiscono e le promozioni stimolano ancora di più la concorrenza.» La pressione sui prezzi e i mercati saturi impongono a Swisscom un’ulteriore riduzione della base di costi. È necessario perfezionare sistematicamente le offerte e i servizi proposti sul mercato creando valore aggiunto per i clienti. Urs Schaeppi aggiunge a questo proposito: «In seguito a un’ulteriore riduzione, da marzo i nostri clienti risparmiano fino al 50% sulle tariffe di roaming. E possono godersi un’appassionante estate all’insegna del calcio, poiché sviluppiamo ulteriormente la nostra offerta TV trasformandola in una piattaforma di intrattenimento integrata. Positive sono pure le cifre riguardanti inOne, che sono aumentate ulteriormente nel primo trimestre. Anche la nostra affiliata Fastweb ha registrato una crescita.»

 

 

Risultato solido, leggera flessione del fatturato nel core business svizzero

Il fatturato netto consolidato di Swisscom si è attestato a 2885 milioni di CHF, livello leggermente superiore a quello dell’anno precedente (+1,9%), mentre sulla base di valute costanti è rimasto pressoché stabile (+0,2%). Per contro, il fatturato di Swisscom nel core business è sceso dell’1,8% a 2206 milioni di CHF, soprattutto in seguito alla persistente flessione accusata dalla telefonia di rete fissa tradizionale e alla pressione sui costi.

Il risultato d’esercizio consolidato al lordo di ammortamenti (EBITDA) è rimasto praticamente stabile a 1058 milioni di CHF. Nel core business in Svizzera si registra un calo rettificato del 2,9% dovuto agli effetti menzionati in precedenza. Grazie a una pianificazione avveduta, a incrementi dell’efficienza e a una gestione attiva dei costi, Swisscom è riuscita a compensare una parte della flessione del fatturato nel core business in Svizzera. Con 379 milioni di CHF (+1,6%), l’utile netto è rimasto sui livelli dell’anno precedente.

Nei primi tre mesi l’organico in Svizzera si è ridotto di 77 posti a tempo pieno in seguito alla flessione del core business. Swisscom prevede che circa la metà della riduzione degli impieghi prevista entro fine anno potrà essere compensata con la fluttuazione naturale e la gestione dei posti vacanti.

 

Investimenti sempre elevati nell’infrastruttura

Swisscom investe continuamente nella qualità, nella copertura e nell’efficienza della propria infrastruttura di rete. Con 501 milioni di CHF, gli investimenti a livello di Gruppo sono diminuiti leggermente rispetto all’anno precedente (-5,3%), pur mantenendosi – come negli ultimi anni – a un livello elevato. La quota di investimenti rispetto al fatturato permane di circa un quinto, ovvero del 17,4% (anno precedente: 18,7%).

 

Copertura con l’internet a banda larga: continua l’andamento positivo

Gli investimenti nelle reti a banda larga vengono portati avanti. Nel complesso, a fine marzo 2018 erano oltre 3,95 milioni le abitazioni e i locali commerciali allacciati alla banda ultralarga (più di 50 Mbit/s) di Swisscom. Di questi, circa 2,6 milioni beneficiano di una velocità superiore a 100 Mbit/s. Entro la fine del 2021 Swisscom intende dotare tutti i comuni svizzeri delle tecnologie a fibra ottica, consentendo così anche alle località discoste di avere accesso alla banda ultralarga.

 

Passaggio a All IP: concluso nelle prime quattro regioni

La digitalizzazione della rete fissa procede secondo i piani. Il 95% dei clienti privati usufruisce già della tecnologia IP. Inoltre, da inizio 2018 è in corso in grandi regioni della Svizzera il passaggio completo di tutti gli allacciamenti dei clienti a IP, cosicché in seguito si potrà procedere allo smantellamento della vecchia infrastruttura. Altre regioni seguiranno.

 

Banda larga nella rete mobile: Swisscom si aggiudica la vittoria generale nel test CHIP delle reti mobili

I lavori di ampliamento con 4G+ continuano: attualmente Swisscom offre all’80% della popolazione svizzera velocità che raggiungono i 300 Mbit/s, al 60% velocità massime di 450 Mbit/s. Per la terza volta di seguito Swisscom ha vinto il test delle reti mobili svolto dalla rivista specializzata CHIP ottenendo il punteggio massimo nelle categorie telefonia, rete LTE e treni a lunga percorrenza. Gli ingenti investimenti sono paganti. Oltre alla copertura di rete mobile, Swisscom porta avanti anche i lavori di potenziamento della capacità: sono già state dotate puntualmente di una rete a Gigabit 11 città e 15 Swisscom Shop; entro la fine del 2018 il 30% della popolazione svizzera potrà usufruire della velocità offerta da questa rete. Swisscom intende introdurre puntualmente l’ultima generazione della comunicazione mobile 5G già entro la fine del 2018.

 

Regole eque per l’assegnazione delle frequenze 5G

Nel nostro Paese il 4G è una storia di successi; la rete 4G svizzera è una delle migliori al mondo. Altri capitoli di questa storia di successi devono ora essere scritti con lo standard 5G. Swisscom accoglie pertanto con soddisfazione l’intenzione di assegnare quest’anno le frequenze mediante un’asta, com’è consuetudine in tutta Europa. La documentazione relativa al bando di gara proposta contiene però anche aspetti critici, ad esempio i limiti sull’offerta («spectrum caps») fissati in modo troppo restrittivo. Con 39 MHz per milione di clienti, oggi Swisscom è l’operatore che conta di gran lunga il minor numero di frequenze per cliente. Con rispettivamente 54 MHz e 85 MHz per milione di clienti, i concorrenti dispongono all’incirca del 40% risp. del 100% in più di frequenze per cliente rispetto a Swisscom. Con le regole previste attualmente, è già stabilito in partenza che i concorrenti di Swisscom dopo l’asta deterranno anche per la tecnologia 5G almeno il 50% in più di frequenze per cliente rispetto all’operatore leader del mercato. Una rielaborazione della documentazione relativa al bando di gara deve pertanto garantire che Swisscom abbia almeno la possibilità di acquistare lo stesso numero di frequenze 5G per cliente dei suoi concorrenti.

 

Il prodotto di punta inOne continua a convincere

La crescita dei collegamenti TV e a banda larga è inarrestabile. Nel primo trimestre sono state particolarmente richieste le offerte combinate inOne.

 

Offerte combinate: la domanda cresce dell’11,0%

A fine marzo si contavano oltre 1,59 milioni di clienti inOne. Soltanto nel primo trimestre, i clienti che hanno optato per inOne sono stati 250’000. Di conseguenza, inOne comprende già il 37% di tutti gli abbonamenti di comunicazione mobile di fascia superiore e il 42% dei collegamenti a banda larga di rete fissa.

 

Ulteriore crescita della banda larga di rete fissa

I collegamenti a banda larga di rete fissa stanno conoscendo un’evoluzione positiva: rispetto all’anno precedente, il loro numero è salito di 37’000 unità (+1,9%) a circa 2 milioni. Tale incremento è stato favorito in maniera determinante da Swisscom TV, che con una quota di mercato del 34% (anno precedente: 33%) rimane l’offerta televisiva digitale più apprezzata in Svizzera. Nel giro di un anno il numero dei collegamenti Swisscom TV è aumentato di 54’000 unità (+3,8%) raggiungendo quota 1,49 milioni nonostante l’agguerrita concorrenza dei gestori di reti via cavo. Puntualmente in vista dei Campionati mondiali di calcio, i clienti di Swisscom TV potranno seguire le partite sui canali della SRG per la prima volta in altissima risoluzione UHD e in qualità HDR. In aggiunta, Swisscom TV propone dossier tematici, la UEFA Champions League, la UEFA Europe League e molto altro.

La richiesta della telefonia di rete fissa tradizionale continua ad essere in calo: a fine marzo Swisscom contava 1,78 milioni di collegamenti di telefonia di rete fissa nel segmento dei clienti privati, ovvero circa 284’000 in meno rispetto all’anno precedente (-13,8%). Tale evoluzione riguardante la rete fissa è in linea con le previsioni.

 

Offerte per la rete di comunicazione mobile: crescita del 59% nel roaming di dati

Il numero dei collegamenti di comunicazione mobile di Swisscom, pari a 6,6 milioni, è rimasto praticamente stabile sui livelli dell’anno precedente (+0,5%). Nell’arco di un anno l’effettivo dei collegamenti Postpaid è cresciuto di 84’000 unità, mentre quello dei collegamenti Prepaid è diminuito di 53’000 unità. Anche questi dati sono indicativi della crescente saturazione del mercato. Swisscom è comunque riuscita a mantenere praticamente stabile la quota di mercato nel settore della comunicazione mobile. La richiesta di servizi di dati mobili rimane elevata: a fine marzo 2018 il volume di dati trasmesso attraverso la rete mobile ha superato all’incirca del 59% quello registrato nell’esercizio precedente. Ulteriori riduzioni delle tariffe di roaming hanno reso il ricorso ai servizi di dati mobili all’estero ancora più attrattivo: dal 19 marzo quasi tutti i pacchetti di dati all’estero costano dal 20 al 50% in meno. Nel complesso Swisscom ha ridotto le tariffe di roaming in 197 Paesi e destinazioni.

 

Segmento dei grandi clienti: crescente domanda in ambito di outsourcing e cloud

Nel settore Enterprise Customers si assiste a una crescita delle attività di outsourcing e cloud e Swisscom si distingue con l’offerta Professional Services. Prosegue il cambiamento in atto nel settore dei clienti commerciali. Ora il fatturato realizzato con i servizi IT supera quello conseguito con i servizi di telecomunicazione. La cifra d’affari ottenuta con i clienti esterni è rimasta pressoché stabile (-0,3%). In questo ambito il fatturato derivante dai servizi di telecomunicazione è sceso del 6,8%, mentre quello relativo alle soluzioni è aumentato del 2,7% (+7 milioni). Inoltre, nel primo trimestre Swisscom ha acquisito rinomati clienti commerciali per i quali attua strategie incentrate su cloud, security e workplace.

 

Fastweb in forte crescita nella comunicazione mobile

Fastweb ha realizzato ottimi risultati nel primo trimestre: nel settore della comunicazione mobile ha nuovamente registrato una crescita, portando il numero di clienti a circa 1,2 milioni (+55% rispetto all’anno precedente), malgrado un mercato saturo. L’azienda ha inoltre acquisito numerosi clienti nel segmento della banda larga (+3% a 2,48 milioni). Nel segmento dei clienti commerciali gli ordini in entrata sono aumentati del 65%. Fastweb è nuovamente riuscita ad affermarsi anche nel mercato estremamente frammentato del wholesale e a consolidare la propria posizione di numero due. Il buon andamento degli affari ha consentito a Fastweb di incrementare il fatturato portandolo a 492 milioni di euro (+9% su base comparabile). Il risultato del segmento al lordo degli ammortamenti (EBITDA) si è così attestato a 144 milioni di euro (+5% su base comparabile).

In seguito all’accelerazione del potenziamento della banda larga, gli investimenti di Fastweb sono rimasti a un livello elevato, pari a 159 milioni di euro (+6% su base comparabile). Prosegue l’ampliamento della rete da parte di Fastweb.

 

Previsioni finanziarie invariate

A fronte della persistente pressione sul mercato, per il 2018 Swisscom prevede un fatturato netto di circa 11,6 miliardi di CHF, un EBITDA attorno ai 4,2 miliardi di CHF e investimenti di poco inferiori ai 2,4 miliardi di CHF. In caso di raggiungimento degli obiettivi, Swisscom intende proporre all’Assemblea generale del 2019 un dividendo invariato per l’esercizio 2018, pari a CHF 22 per azione.

 

 

Panoramica delle principali cifre dei primi tre mesi del 2018

 

  1.1-31.3.2017 1.1-31.3.2018 Variazione 
Fatturato netto (in milioni di CHF) 2’831 2’885 1,9% 
Risultato d’esercizio al lordo di ammortamenti, EBITDA (in milioni di CHF) 1’073 1’058 -1,4%
Risultato d’esercizio EBIT (in milioni di CHF) 550 518 -5,8% 
Utile netto (in milioni di CHF)  373 379 1,6% 
Collegamenti Swisscom TV in Svizzera (al 31.03 in migliaia) 1’438 1’492 3,8%
Collegamenti di comunicazione mobile in Svizzera (al 31.03 in migliaia) 6’601 6’632 0,5%
Collegamenti a banda larga Fastweb (al 31.03 in migliaia) 2’400 2’483 3,5%
Collegamenti di comunicazione mobile Fastweb (al 31.03 in migliaia) 763 1’185 55,3%
Investimenti (in milioni di CHF) 529 501 -5,3%
Di cui investimenti in Svizzera (in milioni di CHF) 362 315 -13,0%
Collaboratori del Gruppo (posti a tempo pieno al 31.03) 21’079 20’326 -3,6%
Di cui collaboratori in Svizzera (posti a tempo pieno al 31.03) 18’280 17’611 -3,7%

 

 

Rapporto intermedio dettagliato:

https://www.swisscom.ch/q1-report-2018

 

Ulteriore documentazione:

https://www.swisscom.ch/ir

 

 

 

 

Disclaimer

La presente comunicazione contiene affermazioni che rappresentano previsioni su avvenimenti futuri. In questa comunicazione tali previsioni includono, in via non esaustiva, affermazioni relative alla nostra situazione finanziaria, ai risultati di operazioni e attività e ad alcuni dei nostri piani e obiettivi strategici.

Dal momento che tali previsioni sono soggette a rischi e incertezze, gli effettivi risultati futuri potrebbero differire sostanzialmente dai risultati espressi o impliciti in queste affermazioni. Molti dei rischi e delle incertezze dipendono da fattori che esulano dalla capacità di Swisscom di effettuare controlli e stime precise, come ad esempio condizioni di mercato future, fluttuazioni valutarie, comportamento di altri attori di mercato, azioni di legislatori governativi e altri fattori di rischio illustrati nel dettaglio nei rapporti e documenti passati e futuri pubblicati da Swisscom e Fastweb, inclusi quelli depositati presso la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti (ente statunitense preposto alla vigilanza borsistica), comunicati stampa, rapporti e altre informazioni pubblicate sui siti web delle società appartenenti al Gruppo Swisscom.

I lettori sono invitati a non fare eccessivo affidamento sulle previsioni future, le quali esprimono soltanto lo stato esistente alla data della presente comunicazione.

Swisscom respinge qualsiasi proposito od obbligo di aggiornare e rivedere le previsioni future alla luce di nuove informazioni, eventi futuri o altro.

 

Contatto

Swisscom AG
Media Relations
3050 Bern

media@swisscom.com