Segui Swisscom Abbonati alle news Mappe della rete Contatto
Segui Swisscom Abbonati alle news Mappe della rete Contatto

Adattamento


Adattamento

Gli operatori svizzeri hanno rinnovato l’iniziativa del settore per la tutela dei minori dai rischi dei media


Le aziende di telecomunicazioni svizzere sostengono i bambini, i giovani e i genitori nel loro approccio ai media digitali. Nell’ambito dell’iniziativa settoriale per la tutela dei minori dai rischi dei media, dieci anni fa gli operatori Salt, Sunrise, upc e Swisscom si sono impegnati a rispettare un catalogo di misure che ora hanno adeguato alle condizioni attuali.

La digitalizzazione ha fatto ulteriori passi avanti da quando è stata redatta la prima versione del catalogo: oggi quasi tutti i giovani tra i 12 e i 19 anni possiedono uno smartphone e hanno un accesso mobile a internet. Ciò pone nuove sfide in materia di tutela dei minori dai rischi dei media, sfide a cui gli operatori del settore fanno fronte con la rielaborazione delle regole di comportamento vincolanti.


Swisscom applica già le disposizioni contenute nella nuova versione dell’iniziativa settoriale.

  • Ora tutti i firmatari dell’iniziativa sono tenuti a proporre opzioni di blocco e controllo della televisione non solo nell’ambito del servizio video on demand, ma anche in generale per la televisione lineare e la funzione Replay. Concretamente, tutti gli operatori devono offrire ai clienti la possibilità di bloccare i canali televisivi. Swisscom lo fa già da tempo.
  • Inoltre, d’ora in avanti tutti i firmatari devono prevedere misure di prevenzione dell’indebitamento per i giovani che sottoscrivono un abbonamento mobile. Swisscom fa anche questo già da tempo. Ad esempio, i servizi a valore aggiunto come gli abbonamenti SMS sono automaticamente bloccati per i giovani che stipulano un abbonamento.