Meta-navigazione

Il ladro in rete


Il ladro in rete

La conoscenza è una delle misure di protezione più efficaci


Il furto d’identità e lo spionaggio in internet aumentano in maniera preoccupante in tutto il mondo: è quanto si legge nel nuovo Security Report 2017 di Swisscom. Come sempre, l’analisi si basa su un’osservazione accurata e onnicomprensiva della situazione della sicurezza in rete globale. Inoltre, vengono descritte le conseguenze di questi attacchi cibernetici, le possibili cause e le misure di protezione.

Altri contenuti del report:

  • La situazione in materia di sicurezza virtuale funge da indicatore delle minacce
  • Premi per scopritori di falle: esperienze e cifre aggiornate tratte dal primo anno del programma Bug Bounty di Swisscom
  • Dove vanno a finire i dati sottratti da falle informatiche e quali sono le conseguenze di questi furti sull’economia e sulla società («known unknowns»)
  • Attacco mirato e respinto contro migliaia di utenti bluewin.ch dopo la rivelazione di dati in seguito a una falla
  • In che modo, grazie ad approcci innovativi, è possibile evitare simili attacchi e proteggere meglio i clienti (ad es. «Phishing Inspector»)
 

Le cause di molte minacce informatiche sono spesso di natura tecnica, ma le contromisure efficaci non vanno individuate soltanto nella tecnica. Conoscenza e consapevolezza – ovvero conoscenza e consapevolezza dei nessi contestuali e delle possibili contromisure – sono tra le misure di protezione più efficaci. Per questo motivo, attraverso il Security Report, Swisscom vuole condividere il proprio sapere con la società, sensibilizzare gli utenti rispetto ai pericoli e diffondere maggiormente le conoscenze riguardo alle misure di sicurezza.