Meta-navigazione

Innovativa: ora e in futuro


Innovativa: ora e in futuro

Dare insieme contenuto alla digitalizzazione


La Svizzera è considerata il Paese più innovativo del mondo. E deve essere sempre così. Vive della propria inventiva, del proprio sistema di formazione duale e degli investimenti nel futuro. Un passo importante nel futuro digitale è rappresentato dall’E-ID, per il cui sviluppo i diversi operatori hanno unito le forze.

Sinora diversi protagonisti hanno collaborato alla realizzazione di una carta d’identità elettronica valida in tutta la Svizzera (E-ID). Ora si sono riuniti nello SwissSign Group, di cui FFS, Posta e Swisscom detengono insieme il 45%, le banche un ulteriore 45% e altri partner strategici il restante 10%. Se andrà tutto bene, l’E-ID sarà pronta nel 2019. A partire dalla data di introduzione saranno disponibili diversi servizi presso i quali sarà possibile creare questo documento. È anche possibile che si disponga già automaticamente di un’identità elettronica per via di una relazione commerciale esistente con uno di questi servizi. Tra i principali servizi preposti al rilascio dell’E-ID, chiamati Identity Provider, rientrano Posta, FFS, le banche come anche la Confederazione.


Grafik_Spitzenplatz_Newsletter_DE.indd

Swisscom fornisce sostanzialmente il contributo sancito tra gli obiettivi strategici del Consiglio federale in vista della digitalizzazione della Svizzera intera. Con innovazioni elevate pari a circa 1,8 miliardi di CHF all’anno nell’infrastruttura della Svizzera, nuovi prodotti attraenti per l’industria (ad esempio la digitalizzazione della sanità con eHealth) e nuove forme di collaborazione (parola chiave: Work Smart), diamo un bell’esempio di digitalizzazione. Le basi sono date da una rete moderna e predisposta all'espansione, dalla comprensione delle esigenze dell'economia e della società e dall'apertura nei confronti dei requisiti del mondo di oggi e domani. A questo riguardo assistiamo a evoluzioni quali l'E-ID o la soddisfazione delle esigenze dei clienti, ad esempio il callfilter, che ora consente di bloccare le chiamate indesiderate anche sul cellulare.