Meta-navigazione

Zoom

Zoom

Swisscom siamo noi.

Sascha Gysel, responsabile e-foresight Digital Banking Think Tank, Zurigo

«Ogni giorno è un’avventura»

Ho fondato la mia prima start-up online durante l’apprendistato in informatica, la seconda qualche anno dopo a Pechino. Cosa mi affascina dell’essere imprenditore? L’incertezza e il cambiamento costante. Il periodo in Cina è stato incredibilmente ricco di cambiamenti, ogni giorno un’avventura. Bisognava essere aperti e flessibili imparando a fare cose sempre nuove. Anche oggi, con e-foresight, sono alla guida di una sorta di start-up all’interno di Swisscom. Siamo un think tank indipendente che accompagna le banche nel processo di trasformazione digitale. Nuove tecnologie come l’intelligenza artificiale, nuovi modelli di business e l’evoluzione delle abitudini dei clienti hanno un impatto rilevante su tutto il settore finanziario. Per assistere i clienti nella trasformazione il nostro think tank non deve smettere mai di cambiare e imparare. È per questo che amo il mio lavoro.

Dominic Corti, Senior Escalation Manager, Berna

«Mantengo sempre il sangue freddo.»

Quando suona il telefono, per me è come un allarme. Come Escalation Manager sono il primo punto di riferimento per i grandi guasti, quelli di cui parlano anche su 20Minuten. Se mi sento stressato? Oggi non più. Devo mantenere il sangue freddo anche nelle situazioni incandescenti. Per i clienti la trasparenza è molto importante. Vogliono sapere a che punto siamo con l’eliminazione dei guasti tecnici e cosa abbiamo scoperto, con una spiegazione semplice e chiara. Suddivido sempre un grande guasto in diverse fasi e priorizzo le attività a breve, medio e lungo termine lasciandomi aperte diverse opzioni: mai puntare tutto su una sola carta. Questa metodicità mi torna comoda anche nella vita privata. Quest’anno mi sposo. Un grande progetto del cuore per cui non c’è bisogno di chiamare i pompieri.

Lukas Hohl, ICT architect, Zurigo

«Faccio attenzione alle piccole imperfezioni.»

Devo fissare le priorità giuste. Questo è l’aspetto fondamentale del mio lavoro. Lavorando come Product Owner per Swisscom TV, sono un punto di riferimento per le esigenze di clienti, manager, sviluppatori e partner. Le loro richieste spesso vanno oltre i mezzi e le risorse che ho a disposizione. E lì arriva il momento della verità: da dove cominciamo? Che cosa può attendere? Le mie decisioni hanno un impatto immediato sull’esperienza di oltre un milione di telespettatori. La mia ambizione? Offrire al cliente l’esperienza migliore. Non ci dormo la notte, a volte. Nel decidere faccio attenzione ai dettagli, alle piccole imperfezioni. Spesso sono proprio loro a fare la differenza. E, per fortuna, col tempo si sviluppa un sesto senso.

  

Arijana Walcott, Business Development Manager, Outpost di Palo Alto

Mediatrice tra culture diverse

Nella Silicon Valley vado a caccia di tendenze per Swisscom. Metto in contatto le persone con altre persone, temi, risorse. A volte ci sono incomprensioni culturali e devo fare da mediatrice tra i colleghi Swisscom che vogliono testare le tecnologie fino in fondo e l’entusiasmo delle start-up californiane che prendono le decisioni senza pensarci troppo. Anch’io sono impaziente e forse è proprio per questo che mi piace stare qui, dove lo sono tutti. Certo, mi mancano la famiglia e gli amici in Svizzera. Mio figlio di 3 anni chiama la nonna su Skype ogni giorno e insieme leggono libri o recitano. Il prossimo anno, comunque, la permanenza qui giungerà al termine e torneremo in Svizzera. Bello, ma anche triste.

  

Michael Meister, Marketing Specialist, Berna

«Nella vita privata, senza chatbot sarei perduto.»

I giapponesi adorano i robot. Per loro sono come degli esseri umani, non semplici oggetti animati da un software. Mi affascinano questi chatbot. In Swisscom ne sto sviluppando uno per Skype for Business: è stupendo creare una specie di individuo pensante. Nella vita privata, senza chatbot sarei perduto - specialmente quando devo comunicare con mia moglie Kie e la sua famiglia, che sono giapponesi. Line, la soluzione di messaging che è un po' il WhatsApp degli asiatici, traduce inglese-giapponese in tempo reale. Ho conosciuto mia moglie un anno e mezzo fa durante un soggiorno linguistico. Ci sentivamo in Facetime ogni giorno, anche prima di andare a dormire: lei a Fukuoka, io a Matzendorf. In estate Kie è venuta a stare con me. E finalmente siamo una coppia.

Penny Schiffer, Head of StartUp Initiatives, Zurigo

«Guardare le start-up dall’alto in basso? Assolutamente vietato.»

Molte start-up non le avrei scoperte senza il mio network. Per questo partecipo spesso a conferenze di start-up e mi impegno come giurata nei concorsi o su Twitter, dove ho già 8000 follower. Non basta cercare hipster e geek alla moda innamorati della tecnologia. L’arte sta nello scovare le start-up e le tecnologie promettenti per l’azienda Swisscom. Un esempio: il nostro popolarissimo Callfilter per la rete fissa è stato implementato grazie a una start-up romanda che ha sviluppato la black list e la tecnologia fino a uno stadio sufficiente. Abbiamo il diritto di guardare le start-up dall’alto in basso solo perché ci chiamiamo Swisscom? Assolutamente vietato. I rapporti devono essere alla pari. Soltanto così funziona la commercializzazione collaborativa.

  

Philippe Douglas, Service Desk Quality Manager, Losanna

«Ho iniziato la mia carriera nel mondo del calcio professionistico»

Ho seguito tutte le tappe della scuola dell’obbligo fino al ginnasio prima di orientarmi verso il mondo dello sport professionistico (calcio) intorno ai 18 anni. Nel 1989 ero in campo insieme a Stéphane Chapuisat quando a Basilea la Svizzera ha giocato un 2:2 contro il Belgio. Ho perfezionato le mie conoscenze informatiche in diverse scuole e istituti formativi parallelamente all’attività sportiva. Adesso sono Quality Manager (equivalente di supervisore) in Swisscom. Lavoro nel campo dell’informatica da 15 anni, sempre nel mondo dell’assistenza. Grazie al mio passato nello sport sono preparato a gestire lo stress e la comunicazione. La mia motivazione viene dalla produttività e dallo svolgere le mansioni secondo i miei valori. Ogni nuova giornata viene con la sua dose di lavoro, di soddisfazione e di sfide.