Meta-navigazione

Comunicato stampa


La prima banca Avaloq si collega al centro di elaborazione bancario di Swisscom

Berna, 15 luglio 2015


Da luglio 2015, la Banca cantonale di Argovia acquista i suoi dati sui titoli dal centro di elaborazione bancario di Swisscom. A tale scopo, Swisscom ha collegato tramite un adattatore il sistema Avaloq della banca con la propria soluzione basata sul software bancario di Finnova. Questa soluzione di outsourcing industriale consente alla banca di ridurre sensibilmente i costi per la gestione dei dati sui titoli e di variabilizzarli totalmente.



La Banca cantonale di Argovia (AKB) compie un importante passo verso l’industrializzazione in collaborazione con Swisscom: da luglio 2015, acquista infatti i suoi dati sui titoli direttamente dal centro di elaborazione bancario di Swisscom. A livello tecnico, Swisscom ha pertanto collegato tramite un adattatore la soluzione bancaria Avaloq dell’AKB con la sua piattaforma di elaborazione basata sul software bancario di Finnova. Grazie all’adattatore Avaloq-Finnova, che Swisscom ha sviluppato in stretta collaborazione con il partner strategico Finnova, non è necessaria una migrazione.



Vantaggi sui costi con i volumi raggruppati


L’AKB passa così dalla vecchia centrale valori di Swisscom – un sistema di preparazione centralizzata per le banche Avaloq – all’ultima generazione del servizio titoli. Secondo il Dr. Karsten Kunert, responsabile di Servizi & Logistica presso l’AKB, la fiducia nelle competenze tecniche e bancarie di Swisscom e i vantaggi in termini di costi sono stati determinanti per la decisione dell’AKB: «La nuova soluzione ci consente di conseguire risparmi di circa il 25 per cento rispetto al modello precedente.» Tenuto conto di questo nuovo servizio, Swisscom gestisce nel suo centro di elaborazione i dati sui titoli di oltre 40 banche, fra cui il gruppo Clientis, Valiant e la Banca cantonale di Zugo. Il raggruppamento dei volumi e la gestione sulla piattaforma di elaborazione di Swisscom diminuiscono i costi per i singoli beneficiari. L’obiettivo di Swisscom è di offrire il nuovo servizio titoli a circa 50 istituti bancari entro la fine del 2016.



Modello di acquisto semplice


Grazie all’adattatore, in futuro le banche potranno acquistare anche altri servizi business presso il centro di elaborazione bancario di Swisscom, ad esempio il traffico dei pagamenti, senza dover effettuare una migrazione. Un esempio attuale a riguardo è la Banca cantonale di Zurigo, che affiderà il suo traffico dei pagamenti a Swisscom a partire dall’autunno 2015. Swisscom risponde così alle esigenze delle banche che, in un contesto caratterizzato da pressione sui costi e sui margini nonché da regolamentazione e complessità crescenti, si occupano di strategie di sourcing. La soluzione industriale di Swisscom schiude alle banche la possibilità, da un lato, di ridurre i costi di elaborazione e di variabilizzarli totalmente e, dall’altro, di concentrarsi sulle proprie competenze chiave allo scopo di portare avanti temi come, ad esempio, il banking digitale. 

 

Maggiori informazion:

www.swisscom.ch/banking-business-services