Meta-navigazione

Instradamento dinamico


Monitoraggio E2E: servizio chiamata di emergenza
Gestione sicura di scenari in cui eseguire l’instradamento di una chiamata di emergenza nonché reporting in tempo reale
Numero helpdesk prioritario per le organizzazioni di pronto intervento: 0800 801 064


Possibilità di trasmissione sorvegliata di una chiamata di emergenza alla centrale d’intervento.


Con l’instradamento dinamico le chiamate E2E vengono monitorate e trasmesse a una centrale d’intervento. La trasmissione tiene conto della disponibilità tecnica e organizzativa delle centrali d’intervento nonché dell’impiego efficiente delle risorse a disposizione.




Cos’è l’instradamento dinamico

L’instradamento dinamico offre alle autorità e alle organizzazioni attive nel campo del salvataggio e della sicurezza (AOSS) molteplici scenari per l’attuazione di:


  • inoltro delle chiamate di emergenza tra le organizzazioni di primo intervento senza perdite di informazioni
  • reindirizzamento delle chiamate di emergenza a destinatari ottimali secondo i casi
  • trasmissione manuale da parte del disponente
  • instradamento automatico in caso di guasto di una centrale
  • instradamento automatico in caso di sovraccarico di una centrale (con opzioni)
  • interventi speciali in caso di eventi pianificabili o meno

Le esigenze delle organizzazioni di pronto intervento:

  • Riduzione del tempo di risoluzione e di intervento in caso di evento non pianificabile, ad opera delle strutture di un’organizzazione di pronto intervento.
  • Pianificazione e assegnazione di compiti in caso di eventi pianificabili sulla base di criteri stabiliti.
  • Impiego efficiente di personale e risorse tecniche.
  • Elevata disponibilità: le chiamate di emergenza non devono andare perse ma essere accolte.
  • Autonomia dell’infrastruttura esistente: l’instradamento dinamico deve supportare i sistemi (hardware e software) e le interfacce standard esistenti.
  • Il rilevamento, la modifica e la consultazione delle regole deve essere disponibile in un’interfaccia grafica.


Soddisfacimento delle esigenze di base grazie all’instradamento dinamico:

  • Scenario 1: inoltro manuale
    Trasmissione della chiamata ad altre organizzazioni da parte del disponente in caso di inoltro sbagliato.
  • Scenario 2: guasto di una centrale
    Instradamento programmato in caso di guasto di una centrale d’intervento come unica soluzione.
  • Scenario 3: overflow dovuto a un sovraccarico
    Gestione definita degli overflow causati da un sovraccarico.
  • Scenario 4: eventi pianificabili
    Scenari attivabili con inoltro ottimizzato sulla base di informazioni sulla posizione o altro.
  • Scenario 5: eventi non pianificabili
    Interventi ad hoc con inoltro per la risoluzione di numerose chiamate di emergenza.

I vantaggi

  • Monitoraggio e gestione delle chiamate di emergenza secondo la disponibilità tecnica e organizzativa delle centrali d’intervento.
  • Impiego efficiente delle risorse a disposizione all’interno del Cantone o nell’ambito di una collaborazione con altri Cantoni.
  • Funzione overflow in caso di elevato personale impiegato o di chiamate parallele su più obiettivi alternativi.
  • Riduzione degli errori di chiamata al 118 con il messaggio: «Avete digitato un numero di emergenza».
  • Reazione a eventi di grande portata mediante la gestione delle chiamate di emergenza su obiettivi di emergenza alternativi nonché funzione proattiva di annunci informativi tramite chiamata.
  • Reporting in tempo reale tramite invio automatico di e-mail in caso di attivazione di uno scenario definito.