Meta-navigazione

Risultati dello studio

Servizi bancari digitali per clienti commerciali

I clienti vogliono ciò che le banche (ancora) non offrono


In Svizzera, i clienti PMI rappresentano il 99 percento dei posti di lavoro. I servizi bancari per i clienti PMI sono quindi strategicamente molto rilevanti per le banche, ma finora ancora poco orientati alle esigenze digitali delle imprese più piccole.


Urs Binder, 5




Lo studio «Servizi bancari digitali per clienti commerciali» condotto dal centro di competenze finanziarie di Swisscom e-foresight e dall’Istituto per servizi finanziari (IFZ) della Scuola Superiore di Lucerna ha esaminato scrupolosamente in dettaglio la digitalizzazione nel banking per i clienti PMI. È stata analizzata l’offerta delle 50 maggiori banche di retail svizzere e sono stati interpellati 473 clienti commerciali (prevalentemente imprese con un numero di collaboratori da 1 a 250) che hanno fornito informazioni sui vantaggi dei prodotti bancari e dei servizi digitalizzati. Dieci constatazioni importanti:


L’e-banking è il servizio più offerto dalle banche e più utilizzato dai clienti

Nella maggior parte delle banche, i clienti PMI possono inoltrare e attivare fatture elettroniche (94%). I messaggi push con informazioni importanti sono disponibili presso l’80% delle banche. I clienti PMI interpellati assegnano all’e-banking 2,58 punti su 5, vale a dire l’indice di preferenza complessivo medio massimo.


Integrazione con margine di miglioramento

Secondo le informazioni della maggior parte delle banche, i clienti PMI possono collegare il conto alla propria soluzione contabile. Nella maggior parte dei casi questo avviene tuttavia in modo piuttosto complicato, mediante download dei file di dati. Soltanto l’8% delle banche consente il saldo automatico oppure ha la funzione contabile direttamente integrata nel portale online, come per es. la Valiant Bank.


La situazione finanziaria non è chiara a prima vista

Nessuna delle 50 banche esaminate offre un vero e proprio cockpit finanziario per clienti PMI con relativo aggiornamento quotidiano dei parametri di riferimento. Di contro, il 51% dei clienti PMI interpellati riscontra in un cockpit finanziario un’utilità molto elevata o un’utilità piuttosto elevata.


Comunicazione tradizionale

Consulenza via web o mediante video-chat è possibile soltanto in pochissime banche. Questo dipende tuttavia dalle preferenze dei clienti: i clienti PMI, anche nell’era della digitalizzazione, vogliono rivolgersi personalmente alla propria banca. La web-chat e la consulenza video non sono attraenti per la maggior parte degli intervistati.


Pagamenti possibilmente digitali

I clienti PMI hanno valutato con 2,4 punti (2° posto in termini di utilità) le possibilità di pagamento come Mobile Payment, soluzioni di pagamento per webshop e terminali di pagamento mobili per POS. Il versante dell’offerta si sviluppa positivamente: già il 56% delle banche offre soluzioni di pagamento mobile.


Finanziamento classico

Nel settore dei finanziamenti le offerte digitali sono merce rara. Solo per l’8% delle banche è possibile stipulare ipoteche online e soltanto per il 6% è possibile effettuare online un riscatto o una proroga delle stesse. Soltanto una banca è abilitata a stipulare contratti di credito online (altre stanno muovendo i primi passi in questa direzione). 


Il crowdlending è impopolare

Nuove forme di finanziamento come i crediti diretti P2P non suscitano particolare interesse né fra le banche né fra i clienti.


Servizi bancari non richiesti

I servizi che non rientrano nell’ambito di attività principale delle banche, suscitano poco interesse fra i clienti. La maggior parte dei clienti PMI “snobba” i servizi come l’online-factoring, le offerte fiduciarie online oppure la vendita online di assicurazioni. Lo stesso vale per piattaforme di networking realizzate nello stile di «Facebook per le aziende».


Offerta insufficiente

Meno del 10% delle banche offre un archivio a contratto digitale, la connessione contabile automatizzata, la mutazione digitale di procure, un cockpit finanziario, nonché la stipula online di contratti per depositi a termine e l’apertura online di conti commerciali. I clienti PMI indicano proprio in questi cinque campi un’utilità relativamente elevata.


Ranking delle banche con pochi esempi al top

Gli sforzi relativi alla digitalizzazione delle banche nei servizi bancari per i clienti commerciali si trovano in uno stadio ancora iniziale. Lo studio identifica solo due «First Mover» che promuovono attivamente la digitalizzazione. A ciò si aggiunge una dozzina circa di «Follower» con i primi prodotti e servizi digitali. La parte del leone la fanno i «Late Follower», che tutt'al più hanno lanciato iniziative isolate di digitalizzazione nei servizi bancari per i clienti commerciali.




Piu sul tema