Meta-navigazione

Evento

Coaching per «Low Power Network»

Un Bootcamp per l’internet delle cose


Ai Bootcamp LPN di Swisscom i partecipanti hanno potuto sperimentare, tra l’altro, una «rete elettrica Swarm» e il monitoraggio delle macchine a livello mondiale.



testi: Urs Binder,




Per entrambi i workshop è stato registrato il tutto esaurito: il 7 e l’8 febbraio circa 25 partecipanti si sono ritrovati al «Bootcamp LPN» nell’edificio Swisscom di Pfingstweidstrasse a Zurigo. «LPN» è l’acronimo di «Low Power Network», che in concreto indica la tecnologia LoRaWAN. Con la parte teorica del mattino i partecipanti hanno acquisito le conoscenze tecniche di base, che hanno poi potuto mettere in pratica al pomeriggio. Ciascuno ha ricevuto un «LPN Maker’s Kit» con una scheda di sviluppo compatibile con Arduino, vari sensori e attuatori e tutti gli accessori necessari per entrare nel mondo di LoRaWAN.


I primi passi

Swisscom gestisce una rete svizzera di stazioni base LoRaWAN con cui sensori e altri dispositivi si possono connettere nell’internet delle cose per lunghe distanze, a risparmio energetico, e scambiare dati con i sistemi sul lato utente. Proprio su questo è stato incentrato il Bootcamp: come si registra un dispositivo IoT nella rete LoRaWAN (Onboarding)? Come si lasciano e ricevono messaggi nella rete? Che cosa si può realizzare con questa tecnologia, per quali progetti sono più adatte altre tecnologie wireless? Quali sono in pratica i vantaggi e gli svantaggi di LoRaWAN? E quali sono le particolarità e i costi nella rete di Swisscom?


Una delle richieste della maggior parte dei partecipanti è stata proprio relativa al primo accesso a LoRaWAN; i progetti concreti sono ancora rari. Un’eccezione è rappresentata da Elektron AG, come spiega il responsabile di prodotto Marc Länzlinger: «IoT e LoRa sono un tema importante per Elektron già da molto tempo. Da anni offriamo un sistema di illuminazione pubblica collegato in rete con controllo centralizzato tramite l’IoT, che oggi stiamo espandendo creando intere soluzioni Smart City. Una delle opzioni a nostra disposizione è LoRaWAN, ma ricorriamo anche ad altre reti IoT come la Mesh 6loWPAN basata su IP.»



LPN-Bootcamp

Ampia partecipazione: al Bootcamp LPN hanno partecipato, fra gli altri, insegnanti, sviluppatori e ingegneri


Michael Albrecht, responsabile ICT di Otto Suhner AG, ha partecipato al Bootcamp insieme al CTO dell’azienda. «Vogliamo scoprire i vantaggi di LoRaWAN, quali possibilità offre, quanto costa e se questa tecnologia sia adatta per la nostra azienda.» Ha già delle idee su come applicarla: «La nostra idea è di monitorare le macchine installate in tutto il mondo mediante l’IoT, per ottimizzare il carico di lavoro e l’efficienza.»


Analizzando la lista dei partecipanti si nota che LoRaWAN è oggetto dell’interesse dei settori più diversi: fornitori di soluzioni incentrate sull’IoT, aziende di servizi logistici e finanziari, produttori di piccole centrali a energia solare collegabili a una «rete elettrica Swarm». Un insegnante di informatica del Canton Giura, uno sviluppatore, un ingegnere di rete dei servizi informatici della città di Winterthur e diversi ricercatori e studenti dell’ETH hanno completato la lista dei partecipanti.



LPN Maker’s Kit

«LPN Maker’s Kit» con scheda di sviluppo, sensori e tutti gli accessori necessari per entrare nel mondo di LoRaWAN.


Spiegazione fin nei minimi dettagli

Come spesso accade, anche per LoRaWAN il diavolo si nasconde nei dettagli. Pertanto per l’Onboarding sono necessari diversi URL e chiavi. In linea di principio, LoRaWAN lavora in modo bidirezionale; ma, per risparmiare energia, a seconda della classe i dispositivi collegati si attivano solo molto brevemente al momento della ricezione. Per questo motivo anche i tempi di reazione dei sistemi backend, come il server delle applicazioni degli utenti, devono essere eccellenti.


I partecipanti al Bootcamp hanno potuto contare sul supporto tecnico degli esperti di LPN di Actility, un’azienda specializzata nell’IoT, la cui piattaforma per la rete LoRaWAN è utilizzata anche da Swisscom; di Gimasi, lo specialista ticinese della digitalizzazione che ha creato il LPN Maker’s Kit, e degli esperti di Swisscom Nico Vonau e Adrian Fuchs.

La LPN rimane un tema al centro dell’attenzione

Maggiori informazioni sui Bootcamp prossimi e sulla LPN in generale sono disponibili alla pagina web di Swisscom dedicata alla LPN.


«Oggi possiamo effettuare misurazioni in modo molto più semplice e conveniente e pensare ad applicazioni che per i vecchi sistemi sarebbero state troppo costose o troppo difficili da realizzare.»


Justin D’Atri, Partnership Coordinator di Innet AG.


Justin D’Atri, Partnership Coordinator dell’azienda di monitoraggio ambientale Innet AG, della Svizzera centrale, ha potuto sfruttare appieno il grande know how degli esperti: proprio al Bootcamp è riuscito a risolvere un problema con un sensore di distanza collegato in rete tramite LoRaWAN, utilizzato come «Smart Waste Sensor» per misurare il livello di riempimento dei cassonetti per rifiuti al fine di ottimizzare i percorsi di raccolta.



Justin D’Atri

Justin D’Atri, Partnership Coordinator con Innet AG


D’Atri è entusiasta delle nuove possibilità: «Costruiamo reti di sensori già da prima che fosse coniato il termine IoT. In passato gli apparecchi erano molto più grandi: abbiamo tutti presente le stazioni di misurazione della qualità dell’aria lungo le autostrade, che sono grandi come dei frigoriferi. Oggi i sensori sono più piccoli, apparecchi dalle stesse caratteristiche stanno in una mano.» Grazie alle nuove tecnologie wireless come LoRaWAN, i dispositivi a batteria hanno una lunga autonomia. Anche il collegamento senza fili alla rete comporta vantaggi finanziari diretti: «La cosa più costosa è cablare un sensore. Oggi possiamo effettuare misurazioni in modo molto più semplice e conveniente e pensare ad applicazioni che per i vecchi sistemi sarebbero state troppo costose o troppo difficili da realizzare.»





LPN Experience Center


Il piano superiore dello Swisscom Shop alla Zürcher Stauffacher (Badenerstrasse 18) è completamente dedicato alla Low Power Network. Qui la clientela commerciale PMI e Enterprise può prenotare una visita guidata. Interessanti dimostrazioni live e una panoramica sulle numerose possibilità applicative vi aspettano! Siete interessati? Contattate Simon Prior.




Maggiori informazioni