Meta-navigazione

Ubicazione AI – Svizzera


Intelligenza artificiale 

«La Svizzera è un Hotspot AI»


In tutto il mondo impazza la ricerca sull’intelligenza artificiale (AI) e la Svizzera è un Hotspot importante, come dimostra uno sguardo alla «Swiss Artificial Intelligence Startup Map». Le start-up AI spuntano come funghi e il campo d’azione si estende più velocemente per diversi motivi.


Testo: Jörg Rothweiler, 10 ottobre 2017




Robotica, Healthcare e Lifescience nonché FinTech e InsurTech sono i settori principali nei quali sono attive le start-up AI svizzere. In tal senso vengono perseguite le tre linee di punta della Business Intelligence: Speech Recognition, Image Recognition e Machine Intelligence. Questa suddivisione non è casuale: da noi le start-up trovano le condizioni quadro ideali e soprattutto forti partner economici.

Il segreto del boom si chiama... cooperazione! Da un lato gli Spin-off-Services degli organismi di ricerca come EPFL o ETH supportano le start-up rendendole adatte per gli investitori. Dall’altro i gruppi industriali contribuiscono mediante partnership di sviluppo. Ne è un esempio Swisscom, che opera su un doppio binario come membro attivo della comunità AI. A livello di ricerca universitaria il gruppo per le telecomunicazioni mantiene un proprio AI Lab nell’EPFL di Losanna. Qui ad esempio, è stato sviluppato l’«Intelligent Voice Browsing System» che Swisscom vuole presentare a fine 2017. Per ciò che riguarda le start-up dall’autunno del 2014 esiste il PiratesHub di Zurigo. In questa parte della Digital Business Unit (DBU) di Swisscom sono raggruppate tutte le start-up AI. L’obiettivo: unire i punti di forza per un’innovazione più veloce e conveniente.





Premesse di base ideali

Una ricetta che funzioni, come spiega Metin Zerman, Open Innovation Manager della DBU. Egli stila ogni tre mesi la «Swiss Artificial Intelligence Start-up Map», una panoramica delle circa 100 start-up AI più importanti, suddivise per settori di attività. Zerman sa esattamente perché, dove e in quale settore si registra un boom dell’AI in Svizzera.

Egli consiglia: «Ovunque le aziende abbiano un rapporto diretto con università e istituti di ricerca che supportano la ricerca di punta dell’AI attirando talenti da tutto il mondo, c’è grande fermento! Un buon 60% di tutte le start-up della Swiss Artificial Intelligence Start-up Map ha sede a Zurigo, il 16% a Losanna e circa il 7% a Ginevra, Berna o Basilea. In queste aree metropolitane si incontrano spesso acceleratori, incubatori e investitori. Inoltre essi sono anche decisamente vicini a Germania e Francia: entrambi mercati che mostrano un’ottima crescita per le start-up AI».

La Svizzera offre premesse di base ideali per il boom dell’intelligenza artificiale: l’infrastruttura moderna, le tecnologie cosiddette Enabler centrali e inclusive, come cloud, open source, connettività e l’interconnessione real-time, la stabilità politica, lo spirito pionieristico e l’interesse negli investimenti senza dimenticare i tradizionali punti di forza svizzeri come l’estro ingegneristico, la meccanica di precisione e la meccatronica. «Quest'ultima non è indispensabile solo per la robotica», sottolinea Zerman.



Metin Zerman, Open Innovation Manager DBU



Commercializzazione di massa

Inoltre in Svizzera sono davvero molti i grandi protagonisti nella scena dell’AI: oltre a Swisscom ci sono anche banche, compagnie assicurative, le FFS, i provider di servizi Hehalthcare e persino città come Zurigo. Tutti loro sono ormai consapevoli che la chiave per il successo è la partnership! La ricerca elabora i principi. Le start-up si sviluppano rapidamente e agiscono in modo altamente flessibile. Ma la leva principale rimane comunque nelle mani delle grandi aziende. Sono loro infatti le cosiddette Enabler, che accompagnano le start-up, finanziano la ricerca e infine commercializzano le tecnologie AI. «È solo questo successo sul mercato a rendere il nuovo un’innovazione» afferma Zerman.

Ed è precisamente la commercializzazione a mancare, critica Zerman. È vero che gli Use Case e i Business Case delle start-up diverrebbero sempre più concreti. Tuttavia non tutti coloro che fondano una start-up comprendono perché una commercializzazione di successo dovrebbe essere della massima importanza. «Alle start-up non occorrono solo idee e concetti dirompenti. L’obiettivo deve essere il successo sul mercato e la voglia di crescere».


Alla Svizzera serve forza di volontà

Nonostante la scena AI sia fortemente dinamica, Zerman fa però anche il punto sulle sfide strutturali che hanno un effetto frenante: «La Svizzera agisce piuttosto lentamente, talvolta si isola troppo in alcuni settori. Eppure invece di inclusione e stabilità servono scompiglio e flessibilità! In particolare la protezione dei dati pone alle soluzioni AI dei confini rigorosi. Pertanto le applicazioni datacentriche indispensabili quanto un cambio di cultura generale. Gli studi prevedono che in Svizzera entro il 2025 si creeranno circa 270.000 nuovi posti grazie all’automatizzazione e all’AI. Le tecnologie correlate rinnoveranno completamente l’intero pianeta: anche la Svizzera, che avrà, come qualsiasi altro Paese, un bisogno disperato di risorse specializzate. Ecco perché è necessario un cambio strutturale basilare per rimanere competitivi a livello internazionale e mantenere il passo!

Economia, politica e ricerca sono tutte ugualmente necessarie a questo scopo. Infatti la forza internazionale che emana dall’hotspot AI svizzero attira AI Player da tutto il mondo, che competono con le società svizzere nel cercare di ottenere laureati e risorse specializzate, nello scremare intelligenza e sapere oppure nell’acquistare intere start-up.

Alla Svizzera ora occorre soprattutto la volontà di essere un pioniere del settore AI e anche di rimanerlo. «Non deve nascondersi a livello internazionale e nemmeno ne ha bisogno» insiste Zerman. E non dovrebbe limitarsi a copiare gli approcci della Silicon Valley, come fanno altri. La Svizzera proseguendo per la sua strada opera bene, spesso persino meglio. Ecco perché dovrebbe fidarsi della propria identità e delle proprie forze.



Newsletter

Abbonarsi ora alla newsletter per essere aggiornati su tendenze, news del settore e indici.





Maggiori informazioni