Editoriale di Andreas Von Gunten

Il «fossato» del Cloud Computing

Molti pensano che la differenza tra Cloud Computing e IT classica sia piccola. Si tratta di una fatale valutazione errata. Tra l’IT classica e il Cloud Computing esiste infatti un vero e proprio fossato che diventa sempre più ampio.

Andreas Von Gunten

Da 15 anni sono un utente convinto del cloud e mi meraviglio ogni volta di quanto siamo ancora indietro per tutto quanto concerne il Cloud Computing. Le lodevoli eccezioni, sia a livello di utenti che di operatori, sicuramente esistono, ma costituiscono una piccola minoranza.

 

Tra di loro e la stragrande maggioranza c’è un vero e proprio baratro: da un lato ci sono coloro che possono lavorare in team, in qualsiasi momento e con qualsiasi terminale, anche al di fuori dei confini aziendali, accedendo agli stessi dati e documenti. Dall’altro lato coloro che devono invece prima richiedere al reparto sicurezza IT un accesso VPN per un partner esterno, per poi potergli fornire un login a un ambiente di collaborazione gestito direttamente e con il quale in realtà nessuno lavora perché assolutamente inadeguato. Mentre gli uni, durante una riunione, approvano la modifica di un processo e la attuano in pochi giorni, se non in poche ore, nell’infrastruttura del cloud, gli altri devono farsi approvare un progetto IT che dura da tre a sei mesi e inghiotte un importo a cinque cifre.

«Ancora peggio degli scettici riguardo al cloud, sono i suoi finti sostenitori.»

Gli scettici e i finti sostenitori del Cloud Computing

È sorprendente scoprire che gli scettici riguardo al cloud in molti casi siedono proprio nei reparti IT delle aziende. Laddove un tempo la curiosità e il dinamismo caratterizzavano il lavoro quotidiano, si è ora affermata una mentalità da amministratori di licenze e certificati.

 

Ancora peggio degli scettici sono però i finti sostenitori del cloud, che negli ultimi tempi brulicano alle fiere specializzate e alle altre manifestazioni del settore dell’IT. Si tratta di responsabili IT, consulenti e venditori che vi spiegano che ora anche voi dovreste puntare sul «Cloud Computing», mentre in realtà intendono il cosiddetto Private Cloud, perché vogliono solo che tutto resti come prima. Credetemi, se il vostro «cloud» è nel vostro seminterrato, non avete un cloud flessibile, bensì un’infrastruttura IT altamente complessa che ostacola l’innovazione nella vostra azienda, riducendone la competitività nei confronti dei veri utenti del cloud.

 

Da quale lato del fossato siete?

 

0114_Fok_Kol_Aut
Andreas Von Gunten

Andreas Von Gunten (1968) è il fondatore e direttore di buch & netz, una casa editrice di libri e pubblicazioni online per il mondo interconnesso. In precedenza è stato soprattutto il fondatore di Parx come azienda di consulenza su Salesforce.com e ha svolto per molti anni l’attività di «evangelista del Cloud Computing».

Ulteriori articoli Focus

Argomento principale «ICT e innovazione»

In lotta con la propria mentalità

Velocità invece di qualità e affidabilità. Le aziende svizzere hanno difficoltà con le priorità del mercato che stanno cambiando.

Intervista a Sylvère Leu

«I clienti non vogliono le innovazioni»

Alla Meyer Burger,  Sylvère Leu è responsabile dellʼinnovazione. A livello personale però, non ama rincorrere per forza tutte le novità.

Intervista allʼesperto

Get back control!

In questo video Eduard Modalek, esperto di cloud di Swisscom, chiede alle aziende più controllo sui dati anziché unʼIT ombra.