News sui prodotti

Regalare una seconda vita al cellulare ed entrare nel crowdfunding

App per la destinazione Davos Klosters

Più vicino ai turisti

Nell’ambito del 150° anniversario del ruolo di «pioniera del turismo invernale», all’inizio di febbraio Davos Klosters ha regalato a se stessa e ai propri ospiti «Get inspired!», una app per vacanze personalizzate e per conoscere meglio le esigenze dei visitatori di questa incantevole destinazione montana.

Per poter utilizzare la app (provvisoriamente in versione pilota per iOS), gli ospiti salvano il proprio profilo personale, selezionando categorie relative alle esperienze e fornendo informazioni sulle preferenze, ad esempio per quanto riguarda le discipline sportive. Location, offerte, attività ed eventi vengono quindi filtrati e visualizzati sulla base di tale profilo. In base al luogo di soggiorno, il turista riceve inoltre proposte direttamente sul proprio cellulare (servizi in base all’ubicazione tramite tecnologia Gefence/Becon). Lo sviluppo di «Get inspired!» non è tuttavia terminato con il lancio. Dominik Knaus, responsabile del progetto, punta su un approccio partecipativo: «I primi feedback confluiscono nello sviluppo successivo e ci aiuteranno a ottimizzare costantemente l’applicazione». Così ci sono vantaggi per entrambi: da un lato per l’ospite che ottiene una gamma di attività per il tempo libero adatta ai propri gusti e dall’altro lato Davos Klosters che riceve informazioni sulle preferenze dei visitatori, molto utili tra l’altro per lo sviluppo dell’offerta e la comunicazione durante tutto l’anno.

La app è stata realizzata come progetto pilota nell’ambito della piattaforma di interazione sviluppata attualmente dal Solution Center «Mobility» di Swisscom. La responsabile Alexandra Reich: «Un approccio personalizzato al cliente è oggi decisivo per il successo in ogni settore. In questo campo la digitalizzazione offre possibilità completamente nuove che noi vogliamo indicare e rendere accessibili alle aziende con la nuova piattaforma».

Ulteriori informazioni su Mobile Business«Get inspired!»

«Ogni banca che voglia continuare ad avere successo anche in futuro deve confrontarsi quantomeno con il presente. La digitalizzazione della società in questo senso è una tematica fondamentale.»

Christoph Loeb, Banca cantonale di Basilea-Campagna (BLKB)

Crowdfunding

«Vogliamo partecipare fin dallʼinizio»

La Banca cantonale di Basilea-Campagna (BLKB) è stata la prima banca svizzera a inaugurare, alla fine del 2014, una propria piattaforma per il «crowdfunding». Swisscom ha assistito la banca dallʼidea iniziale fino al lancio della nuova piattaforma. Abbiamo parlato del progetto con Christoph Loeb della BLKB.

Perché la BLKB ha aperto un market place per il crowdfunding?

Christoph Loeb, portavoce della BLKB: Oggi le operazioni bancarie tradizionali si stanno spostando verso nuove piattaforme. Operatori esterni diventano concorrenti diretti delle banche. Il crowdfunding è un esempio di questa tendenza. Noi vogliamo partecipare fin dallʼinizio e ritagliarci la nostra fetta di torta grazie al nostro know how bancario. Con la nostra piattaforma puntiamo ad accumulare esperienze e a prendere parte a questo nuovo mercato. 

Come è partita la piattaforma?

Lʼinteresse da parte degli iniziatori è notevole. Lo spettro di contenuti mostra che oggi il crowdfunding è ancora radicato soprattutto in ambito culturale. Tuttavia, io sono convinto che anche altri iniziatori troveranno la propria strada sulla piattaforma. Però ci vuole tempo e abbiamo anche già imparato qualcosa: il supporto che dobbiamo offrire agli iniziatori, sia in fase di presentazione che durante lo svolgimento dei progetti sulla piattaforma, è molto superiore alle nostre ipotesi iniziali. 

Che cosa consiglia alle altre banche?

Di stare alla larga da queste cose, così restiamo gli unici... (ride). No, ogni banca che voglia continuare ad avere successo anche in futuro deve confrontarsi quantomeno con il presente. La digitalizzazione della società in questo senso è una tematica fondamentale. Prima i nostri concorrenti erano solo banche, oggi si chiamano anche Apple o Google. Le «No Bank» diventeranno player da prendere sul serio nel nostro settore.

Qui si accede alla piattaforma di crowdfunding della BLKB

Mobile Voice Recording

Registrazione sicura delle operazioni

In caso di equivoci o indagini legali, è importante fare chiarezza su determinate affermazioni effettuate telefonicamente. A tale scopo tutte le chiamate devono essere registrate. Questa funzione, da tempo scontata per la telefonia di rete fissa, con il Managed Service Mobile Voice Recording (MVR) di Swisscom è ora disponibile a partire da subito anche per la telefonia mobile. MVR registra infatti tutte le chiamate da telefoni cellulari, gli SMS e le informazioni sulla comunicazione, archiviandoli in forma criptata per almeno due anni presso i centri di calcolo svizzeri di Swisscom. La registrazione è conforme alle regole di condotta sul mercato della FINMA e, durante il periodo di archiviazione scelto, di due o dieci anni, i dati registrati non possono essere né modificati né cancellati. 

Ulteriori informazioni sull’offerta

World Wide Web

Nuovo sito web per Swisscom Grandi Clienti

Già la visita a un sito web può essere unʼesperienza nuova. Date unʼocchiata al nuovo sito web di Swisscom Grandi Clienti e ve ne renderete conto. Sul sito potrete fare un viaggio attraverso il mondo digitalizzato in sella a una bicicletta elettrica Stromer. Semplicemente effettuando lo scrolling della homepage, potrete scoprire i grandi nessi esistenti tra i singoli prodotti e le varie esigenze commerciali. Inoltre, lungo la strada, apprenderete a che punto è la «Internet of Things» e tutto ciò che cʼè da sapere su mobilità, cloud e Big Data. Infine, scoprirete in che modo si lavorerà in futuro in Svizzera. Naturalmente i grandi clienti troveranno anche tutte le informazioni di cui necessitano da parte di Swisscom. Navigare così è un vero divertimento.

Al nuovo sito per i grandi clienti

Docsafe

Docsafe nella Top 10 delle app nel 2014

La rivista di economia Bilanz premia ogni anno le migliori app svizzere per il business. Nel 2014 Docsafe di Swisscom è riuscita a entrare tra le prime 10. Memorandum: Docsafe è disponibile dal luglio 2014. 30ʼ000 svizzeri utilizzano Docsafe come luogo centrale per i propri documenti (fatture, contratti, ricevute) in formato digitale. Complessivamente lʼapplicazione contiene oggi 16 milioni di documenti. Tutto affluisce automaticamente dalle ditte già affiliate. Docsafe non è solo un luogo di archiviazione sicuro per i documenti digitali, ma permette anche di pagare le fatture. I documenti vengono archiviati e protetti nel cloud di Swisscom e possono essere gestiti sempre e ovunque, con qualsiasi terminale. Inoltre, recentemente PrivaSphere, un operatore svizzero, ha collegato a Docsafe una piattaforma di recapito sicuro per e-mail, la quale permette di salvare e conservare, in un unico luogo e per un periodo di tempo illimitato, raccomandate in formato elettronico e comunicazioni riservate insieme a tutti gli altri documenti. Per Ralf Hauser, CEO di PrivaSphere, la cooperazione con Docsafe di Swisscom è «un passo importante per digitalizzare processi complessi e con notevole uso di carta».

Ulteriori informazioni

App Safe Connect

Navigare sicuri in mobilità

Navigare in mobilità è facile e veloce, ma comporta anche nuovi rischi a causa della cibercriminalità. Gli hacker infatti possono intercettare le comunicazioni e leggere i dati trasmessi in formato non criptato. Chi desidera navigare sempre in sicurezza, lo può fare tramite la nuova app Safe Connect, che protegge il traffico dati tramite WLAN pubbliche e reti mobili. Quando Safe Connect è attiva, tutte le connessioni dallo smartphone passano attraverso una linea sicura e criptata di Swisscom. Ciò significa che è possibile, ad esempio, andare online dalla WLAN pubblica di un albergo o di un caffè, essendo protetti dagli attacchi di hacker. Come servizio aggiuntivo, Safe Connect blocca lʼaccesso a siti Web pericolosi e malware. Per poter offrire tale servizio supplementare, Swisscom ha stipulato un accordo di partnership con Symantec.

Lancio sotto un nuovo marchio

Safe Connect è stata lanciata sotto il nuovo marchio di Swisscom «nova», allo scopo di sviluppare i futuri adeguamenti e ottimizzazioni del prodotto insieme ai clienti. Potete inoltre testare Safe Connect gratis per 30 giorni. Al termine del periodo di prova, la app è disponibile in abbonamento mensile (5 franchi) o annuale (29 franchi). 

Qui potete trovare ulteriori informazioni e scaricare la app 

Qui potete inviare i vostri feedback sulla nuova app

 

IT ibrida

Carne e pesce

Le aziende crescono, fondano filiali e ampliano sedi, il ritmo del «go to market» aumenta, la gestione flessibile e unʼintelligente analisi dei dati diventano fattori decisivi per il successo e così, prima o poi, un ambiente IT cresciuto organicamente non sarà più in grado di far fronte a queste esigenze. Sembra quindi ovvio pensare di puntare ora sul cloud, mantenendo unʼIT agile in background. Ma quale modello di esercizio è quello giusto? Un cloud ibrido ad esempio, cioè la combinazione di unʼinfrastruttura propria e una esterna, permette veramente di ottenere il meglio dei due mondi del cloud oppure come soluzione non è «né carne né pesce»? Scoprite ulteriori dettagli:

Intervista allʼesperto di cloud Philipp Bielmann

Download white paper «LʼIT ibrida è la chiave per il successo»