Questi 5 robot ci facilitano la vita già oggi
4 min

Questi 5 robot ci facilitano la vita già oggi

Aiuto, i robot stanno arrivando! O forse sono già qui? I robot fanno già più di quanto pensiamo. Ci indicano la strada, scoprono gli errori e ci sostituiscono quando non possiamo essere sul posto. Vi mostriamo quali robot aiutano noi esseri umani e dove l’intelligenza artificiale può portarci. 

1. GPT-3 AI: il poeta

Fonte immagine: https://www.analyticsinsight.net/gpt-3-next-revolution-ai/

Il testo è stato scritto da un essere umano o da un robot? Con il modello di machine learning GPT-3, la differenza non è più così evidente. Il programma proviene dalla società Open AI, finanziata da Elon Musk e Microsoft. Al modello di elaborazione del linguaggio possono essere assegnate singole parole, frasi o paragrafi, che lui poi completa con altro testo adatto al contesto. Senza alcun contributo umano, il programma non può ancora creare nuovi mondi. Il generatore di testo è stato allenato con milioni di testi provenienti da Internet fino al 19 ottobre 2019. Non può quindi fare dichiarazioni sul coronavirus, ma forse ha già scritto il copione della vostra serie preferita. 

2. Spot: il robot sempre attento

Fonte immagine: https://www.somagnews.com/social-distance-warning-robot-dog-singapore-video/

Spot si muove a quattro zampe come un cane, ma ha un corpo giallo e telecamere al posto degli occhi. Come i suoi confratelli pelosi, il cane robot di Singapore di Boston Dynamics gironzola per il parco. Se individua visitatori del parco che stanno troppo vicini tra loro, li raggiunge e ricorda loro educatamente le regole di distanziamento: 

«Impegniamoci insieme affinché la città di Singapore rimanga in salute. Per la vostra sicurezza e quella degli altri, mantenete almeno un metro di distanza. Grazie mille.»

Una telecamera a infrarossi e altre tre telecamere in grado di filtrare diverse onde di luce consentono a Spot di analizzare la distanza tra le persone. Spot è controllato tramite un joystick, il suo padrone è seduto dietro uno schermo in un centro di controllo. Se Spot conquisterà il gradimento dei cittadini, presto altri cani come lui vigileranno sull’ordine a Singapore. Tutto questo senza controllo umano. 

3. CRUZR: il versatile 

Fonte immagine: https://www.avatarion.ch/de/medien/

Disorientati nella lobby dell’hotel? Ora non più. CRUZR è un robot umanoide basato su cloud che grazie al suo preciso sistema di navigazione e con la sua voce simpatica vi accompagna velocemente e facilmente da A a B. La tecnologia di mapping consente al robot di creare automaticamente una mappa 3D dell’area circostante e di localizzarsi. Così riesce a orientarsi alla perfezione ovunque. Grazie al riconoscimento vocale, interagisce in tempo reale con le persone e con altri robot. Il robot di RobShare è utilizzato nei luoghi più disparati. Attualmente, CRUZR è utilizzato nel settore sanitario per sorvegliare le persone. Se ad esempio una persona nelle vicinanze presenta una temperatura corporea elevata, emette un allarme. Inoltre, riconosce le persone che non indossano una mascherina negli ambienti interni e gli ricorda gentilmente di indossarla.

4. Robot per scaffali: lo svelto

Fonte immagine: https://winfuture.de/news,84809.html

Nel centro logistico Amazon centinaia di piccoli robot, di colore arancione sfrecciano tra gli scaffali. Se serve un prodotto da un certo scaffale, il robot solleva semplicemente lo scaffale e lo porta al dipendente. Il prodotto finisce quindi in una cassa di trasporto gialla destinata al centro di imballaggio. Queste piccole unità sono state concepite per aiutare i dipendenti e consentire tempi di spedizione più veloci. In questo modo vengono ridotti anche i costi per il cliente. Forse un giorno ci saranno robot come questi anche nelle nostre case. Avere qualcuno che ci porta le cose quando ci servono senza muovere un dito, a chi non piacerebbe? 

5. Homeoffice robot: il sociale 

Fonte immagine: https://www.welt.de/wirtschaft/karriere/article169305146/Wenn-der-Kollege-als-Roboter-zum-Meeting-rollt.html

Così vicino, eppure così lontano: qui Nicolas Preuss si trova nella sua casa di Lech, nel Landsberg bavarese. Allo stesso tempo, sta parlando dell’ultimo fine settimana con una collega nell’ufficio di Francoforte. Un monitor su due trampoli e piccole ruote gli consente di partecipare alla vita quotidiana dell’ufficio senza dover lasciare casa. L’esempio del caporeparto della controllata Lufthansa Time Matters mostra che lavorare in mobilità non significa necessariamente fare a meno delle interazioni umane. 

La nostra conclusione

I robot ci tolgono il peso di lavori faticosi e microscopici e possono già svolgere compiti più complessi e creativi. Quanto più connessa diventerà la nostra società, tanto più importanti saranno anche le tecnologie che ottimizzano i nostri processi di lavoro e le nostre comunicazioni. Ma una cosa è certa: l’essere umano resta indispensabile, perché i robot non sono altro che validi assistenti al nostro fianco. 

Pronti ad approfittare delle opportunità del mondo interconnesso.

La trasformazione digitale sta cambiando il nostro mondo, rendendo possibili tantissime cose e mettendoci tutti alla prova in modo diverso. Con la nuova serie web «Shift» ci soffermiamo sul tema per scoprire che influenza hanno la tecnologia e la digitalizzazione sulla nostra vita quotidiana e sulla nostra società.

Lascia un commento

Il suo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati.*

Leggete ora