Tipps: Google Maps als Navi benutzen
5 min

Navigare sicuri a destinazione con Google Maps

Google Maps è perfetto come navigatore e compagno di viaggio in macchina, sui mezzi di trasporto pubblico e a piedi. Consigli ed esperienze per l’utilizzo privato e per il lavoro. Online e offline.

È sabato mattina, sono passate da poco le otto. Si parte in macchina. Andiamo a trovare amici e parenti in Francia. Complessivamente percorreremo circa 750 chilometri. Alcune delle nostre destinazioni sono fuorimano, per cui abbiamo deciso di prendere la macchina, che non ha il navigatore, e a guidarci sarà quindi Google Maps.

Quest’app di cartografia è diventata per me indispensabile quando devo scegliere che strada prendere. Girare in auto in una località sconosciuta? Muoversi a piedi in una nuova città? Un appuntamento con i clienti in una zona in cui non si è mai stati? Per orientarmi do sempre un’occhiata a Google Maps. Solitamente utilizzo l’app per iOS o Android sullo smartphone, e solo di rado la visualizzazione browser della mappa sul mio notebook.

Questi consigli aiutano a pianificare l’itinerario, a navigare con Google Maps e a utilizzare al meglio l’app.

Navigazione con una mano

Con l’app di Google Maps potete ingrandire o rimpicciolire la mappa con due dita. Ma se avete soltanto una mano libera, lo zoom funziona lo stesso. Toccate brevemente lo schermo dello smartphone due volte di seguito e, dopo il secondo tocco, tenete il dito sul display. A questo punto, muovendo il dito verso l’alto guadagnerete quota (zoom indietro), mentre muovendolo verso il basso ingrandirete la mappa.

Scorrendo con due dita verso l’alto, potete capovolgere la mappa. In città otterrete così una visualizzazione praticamente tridimensionale degli edifici. Scorrendo nuovamente verso il basso, tornate alla veduta aerea.

Salvataggio di località in Google Maps

Prima della partenza ho salvato su Google Maps le tappe del viaggio. Lo faccio sempre anche quando arrivo in un hotel di una località che non conosco: salvo la posizione attuale su Google Maps. Per farlo, seleziono il simbolo di localizzazione, che ingrandisce la mappa attorno alla mia posizione. Cliccando sulla mappa si imposta un segnaposto, ad esempio la posizione dell’hotel. Digitando quindi il nome del segnaposto o dell’hotel sul margine inferiore dello schermo, posso salvare la posizione in uno dei miei elenchi con il simbolo «Salva». In questo modo sarà più facile ritrovarlo, anche se potrà sembrare un po’ strano usare Google Maps come navigatore quando ci si sposta a piedi.

Io uso i luoghi salvati anche per indicare ai tassisti dove voglio andare. Mostrare un indirizzo su uno schermo crea meno malintesi delle parole biascicate in una lingua straniera. E per essere certi di riuscire a utilizzare l’indirizzo anche offline, è sufficiente fare uno screenshot della mappa visualizzata.

Salvataggio delle mappe per l’utilizzo e la navigazione offline

Soprattutto quando si viaggia all’estero, è utile avere la possibilità di consultare le mappe anche senza collegamento a internet. Con Google Maps potete salvare sezioni delle mappe direttamente sullo smartphone. A tal fine, per prima cosa cercate il luogo desiderato attraverso il campo di ricerca o impostate un segnaposto sulla mappa tenendo premuto per alcuni secondi il punto in questione.

Trascinate verso l’alto la barra presente nella parte inferiore dello schermo, che indica il luogo e l’indirizzo selezionato. Oltre a maggiori informazioni e immagini, trovate ora il pulsante per il download. In caso contrario, selezionate il menu indicato da tre punti nel margine superiore destro dello schermo. Questo vi offre la possibilità di scaricare una mappa offline. Selezionate una sezione utile della mappa, che potrete salvare assegnandole un nome specifico.

Tramite il «menu hamburger» di Google Maps (così sono chiamati i tre trattini orizzontali nell’angolo superiore a sinistra) potete accedere alle mappe offline. Google Maps le cancella automaticamente dopo circa un mese.

Alla scoperta dei dintorni con Google Maps: dalla navigazione allo shopping

Se vi trovate in una città che non conoscete, Google Maps vi fornisce informazioni anche sui mezzi di trasporto pubblico. Selezionate il menu della mappa per visualizzare fermate e collegamenti con i mezzi pubblici tramite il simbolo corrispondente.

Nei luoghi che non conosco utilizzo a volte Google Maps sui mezzi pubblici per scendere alla fermata giusta. Seguendo la corsa sull’app di Google Maps posso vedere dove mi trovo e prenotare così per tempo la fermata.

Ma Google Maps trova anche punti d’interesse nei dintorni, come ristoranti, bancomat, farmacie o stazioni di servizio. Una funzione molto utile, soprattutto quando dovevamo fare rifornimento mentre eravamo in viaggio.

Quanto è preciso Google Maps nella navigazione?

In linea generale, nessun navigatore sostituisce il buon senso. È utile orientarsi anche con i cartelli e le indicazioni stradali per verificare se si è più o meno sulla strada giusta. Ad esempio se si percorrono strade secondarie. Mi stupisco sempre della precisione ormai raggiunta da Google Maps. La navigazione è stata perfetta perfino mentre ci muovevamo nei paesini in Svizzera e in Francia. I tempi di percorrenza indicati erano precisi, così come le segnalazioni di code (Gubrist). Mi è mancata però l’indicazione dei limiti di velocità, che si possono trovare invece su altre app di navigazione.

Nel complesso, Google ci ha portati in modo affidabile a destinazione, senza gravare troppo sullo smartphone. La batteria si è caricata anche durante la navigazione e la temperatura del dispositivo Android è rimasta a livelli controllati nonostante l’uso intenso del GPS e della rete mobile. Per l’intero percorso, Google Maps ha consumato circa 100 MB di dati per caricare le mappe, le informazioni sul traffico e l’itinerario.

Sebbene Google Maps sia stato molto preciso, personalmente scelgo l’app in base al mezzo di trasporto. Mi piace utilizzare Google Maps quando mi muovo a piedi o con i mezzi pubblici. In macchina preferisco invece l’app Here WeGo. La trovo più comoda.

Componete il pacchetto inOne PMI come lo desiderate

inOne KMU Wunsch-Paket

inOne PMI si adatta a tutte le esigenze con la massima flessibilità.
Configurate ora voi stessi il pacchetto desiderato.

Versione aggiornata di un articolo del mese di aprile 2018.

Non lasciatevi sfuggire nemmeno un consiglio!

Iscrivetevi ora per «Business Insights», la nostra nuova newsletter per i clienti commerciali. Ciò significa che continuerete a ricevere i consigli e le notizie su Office in primo luogo nella vostra casella di posta in arrivo.

Lascia un commento

Il suo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati.*

Leggete ora