«Wau-Effekt»: ecco come funziona una start-up di coppia
3 min

«Wau-Effekt»: ecco come funziona una start-up di coppia

Sono una coppia da vent’anni e dal novembre 2019 sono anche partner commerciali. Chantal e Robin Dossenbach gestiscono a Sciaffusa la loro start-up «Wau-Effekt», una boutique di prodotti per cani e gatti. Ma quali sono i vantaggi e quali le difficoltà che una coppia sposata può incontrare nella fondazione di un’azienda?

Chantal e Robin Dossenbach: una simbiosi così forte che nulla poteva ostacolare un’avventura comune di creazione di una start-up. «Ci completiamo in modo perfetto», afferma Chantal. Lei ha il talento per la creatività e, in qualità di ex commessa per la vendita al dettaglio di prodotti per animali e guardiana di animali qualificata, dispone del background nel mondo animale. Suo marito Robin, responsabile delle vendite in una grande concessionaria di auto, è un marketer nato, un uomo di fascino e con capacità di persuasione. Insieme hanno fondato la boutique per cani e gatti «Wau-Effekt», in cui vendono cibo e accessori di qualità ad un prezzo equo. «Da noi la sostenibilità ha un ruolo di primaria importanza», sostiene Robin, «per noi è importante coinvolgere i produttori e i fornitori regionali e mantenere un rapporto personale con i clienti».

Chantal e Robin Dossenbach: due persone che si sono trovate professionalmente e privatamente e sono sempre in perfetta sintonia. Sempre? Li abbiamo sottoposti a qualche domanda. Buon divertimento!

Dal cibo per gatti al letto per cani

«Il nostro entourage ha reagito molto positivamente alla nostra idea e ci sta dando un grande sostegno», afferma Chantal. «I nostri genitori ormai in pensione, ad esempio, di tanto in tanto danno una mano quando vengono consegnati gli ordini». E anche il passaparola funziona molto bene a Sciaffusa. I Dossenbach non hanno paura che la loro idea sia un fallimento.

Verso il successo in modo sostenibile

Avete già progetti di espansione? «Sarebbe allettante aprire un’altra filiale, eventualmente nella regione vinicola di Zurigo», spiega Robin. «Ma per il momento è molto più importante affermarsi qui, nella zona di Sciaffusa». Con anima e corpo, talento imprenditoriale e il loro cane Akon, che svolge un ruolo importante come assaggiatore, non dovrebbe essere difficile.

«Il passo verso il lavoro autonomo è sempre coraggioso»

Signor Züger, che cosa l’ha convinta di «Wau-Effekt»?

I Dossenbach hanno una buona idea, si affidano a prodotti di produzione sostenibile e incarnano così lo spirito dei nostri tempi. Il fatto che molti articoli come ciotole o guinzagli per cani siano addirittura fatti a mano parla da sé.

Quanto coraggio ci vuole per mettersi in proprio con una boutique per cani e gatti?

Manuel Züger è consulente per start-up presso Swisscom e nel 2019 ha supportato la «Wau-Effekt» di Chantal e Robin Dossenbach nella realizzazione delle soluzioni di telecomunicazione e IT.

La fondazione di una start-up è sempre un passo coraggioso. Si hanno molte responsabilità e ci si muove in un territorio incerto. Tuttavia, per me, in qualità di consulente, è sempre bello vedere quando una start-up ha superato i primi ostacoli e inizia ad affermarsi.

Potrebbe immaginarsi di fondare un’azienda con sua moglie, come hanno fatto i Dossenbach?

Certo, se alla base c’è una buona idea con del potenziale, perché no? Il mio consiglio è quello di non farsi scoraggiare dagli intoppi iniziali e di migliorarsi costantemente. Dopotutto, il lavoro autonomo non è mai facile nei primi anni.

Consulenza personale dei nostri specialisti di start-up

Anche voi state mettendo in piedi la vostra azienda e avete bisogno di una consulenza per le soluzioni di comunicazione? Contattate Manuel Züger e il suo team.

Lascia un commento

Il suo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati.*

Leggete ora