Apprendisti in home office: «E improvvisamente Yves scomparve»
4 min

Apprendisti in home office: «E improvvisamente Yves scomparve»

La pandemia e l’obbligo di home office ad essa collegato sono stressanti per molti, ma in modo particolare per gli apprendisti, a cui manca la struttura della quotidianità in ufficio e lo scambio fisico con i colleghi. Cosa possono fare i superiori o gli apprendisti affinché l’home office funzioni anche per i giovani?

Yves* ha 18 anni ed è al suo secondo anno di apprendistato come mediamatico. Ha bisogno di essere seguito da vicino dai suoi superiori, perché Yves ha difficoltà a organizzarsi, a mantenere la concentrazione e a «stare al passo». L’adolescente lotta anche spesso con sbalzi d’umore. Per lui essere vicino al team è fondamentale. Quando il 16 marzo 2020 viene imposto il primo lockdown a causa del coronavirus e tutto il suo team viene spostato in home office, Yves si distacca completamente e scompare dalla circolazione. Il suo consulente per l’orientamento non riesce a raggiungerlo per giorni, Yves non risponde alle e-mail, ai messaggi in chat o alle telefonate. Nessuno sapeva cosa stava succedendo e come stava Yves.

Da allora è passato un anno e continuiamo a convivere con la pandemia. Molti di noi trovano sempre più difficile lavorare esclusivamente in home office. Per le persone in formazione, in molti casi la situazione è diventata insostenibile. Cosa possiamo fare per aiutare i giovani a rimanere sani e a proseguire con successo la loro formazione? 

Cosa aiuta nella gestione degli apprendisti in home office

✓ Concordare insieme obiettivi settimanali, orari di lavoro fissi e riunioni e verificarne il rispetto

✓ Mantenere un buon contatto regolare con le videochiamate

✓ Chiedere agli apprendisti di tenere un diario di lavoro e verificarlo regolarmente

✓ Usare i canali digitali in modo creativo per motivare i giovani

Passeggiare con qualsiasi tempo

Attualmente Swisscom ha oltre 900 apprendisti in sette professioni diverse. Tra di loro ce ne sono alcuni che hanno difficoltà con l’home office. Per questo motivo, i responsabili hanno presto adottato misure per sostenere sia gli apprendisti che i responsabili stessi. È il caso di Tania Prader, responsabile d’apprendisti presso Swisscom:  «Porto i miei allievi a fare una passeggiata di 30 minuti tre volte alla settimana. Con qualsiasi tempo. Abbiamo tutti il cellulare con noi e ci colleghiamo con Teams. Così possiamo vederci, parlarci, ridere, e intanto qualcuno mostra lo splendido panorama che sta ammirando. Aspettiamo sempre questo momento con molta impazienza. È un bene per tutti noi mantenere il corpo e la mente in movimento e fare una pausa dal portatile».

Tania Prader usa i canali digitali anche per creare vicinanza: «Ogni lunedì pubblico una foto via Teams e scrivo qualcosa di motivazionale per accompagnarla. Inoltre, chiedo sempre agli apprendisti quale obiettivo vorrebbero raggiungere in quella settimana. Poi scrivono le loro idee nel campo dei commenti».

«La cosa migliore che possiamo fare è mantenere un buon contatto con gli apprendisti».

Tania Prader

«Facciamo regolarmente delle videochiamate. Raccomando un buon mix di chiamate individuali, dove i ragazzi possono parlare delle loro questioni o sfide personali, e chiamate di team collettive dove possono motivarsi a vicenda», dice Tania Prader.

Tenere un diario con gli apprendisti

Può essere utile elencare i compiti per iscritto, ad esempio in OneNote. A volte aiuta anche tenere un’agenda di lavoro sotto forma di diario, che il superiore controlla regolarmente.

In linea di principio, anche gli apprendisti dovrebbero lavorare in home office. Per alcuni di loro, tuttavia, è quasi impossibile lavorare esclusivamente da casa. Può essere perché la situazione a casa è inaccettabile o perché sono molto giovani. In casi eccezionali forse è possibile trovare una soluzione speciale per loro. A questo scopo, le aziende presso cui si svolgono gli apprendistati hanno allestito nuove postazioni di lavoro, per esempio nelle sale riunioni, o hanno lasciato che i giovani apprendisti lavorassero in una postazione temporaneamente abbandonata.

Alcuni apprendisti hanno anche bisogno di essere seguiti da vicino. In questi casi è utile concordare orari di lavoro fissi e stabilire date di riunioni fisse con presenza obbligatoria. Ha funzionato per Yves, ad esempio. È ricomparso dopo una settimana e da allora le cose sono andate meglio. È contento di poter contare sul sostegno e sulla guida del suo superiore e del team. Ora sa anche che può rivolgersi al suo superiore ed essere ascoltato in qualsiasi momento. Soprattutto quando è più difficile.

*Nome cambiato

Corso online gratuito: Microsoft Teams per le PMI

Kostenloser Online-Workshop: Microsoft Teams für KMU

Scoprite come lavorare con Microsoft Teams in ufficio e in home office nel corso online gratuito. Vi mostreremo i rudimenti di Teams e in breve tempo imparerete molti trucchi e consigli pratici che faciliteranno il vostro lavoro quotidiano.

Leggete ora