Condizioni per l’uso di myCloud Swisscom

1. Campo di applicazione

myCloud è un servizio Swisscom che consente al cliente di salvare foto, video-clip e file in Svizzera. Utilizzando un’applicazione (iOS o Android) o un browser, il cliente può salvare file nel cloud sui server Swisscom in Svizzera e richiamarli da tutti i terminali sui quali sia installata la relativa applicazione o che dispongano di un accesso a Internet. Inoltre, utilizzando l’app myCloud sulla Swisscom TV 2.0, il cliente può riprodurre parte dei contenuti sul proprio apparecchio TV. myCloud consente al cliente anche di condividere file con terze persone. myCloud è destinato al solo impiego privato, si esclude qualsiasi utilizzo aziendale o commerciale. Utilizzando il servizio, il cliente dichiara di acconsentire alle presenti disposizioni e alle Condizioni generali per la fornitura di servizi Swisscom.

1.1 App myCloud

Acquistando il servizio nell’iTunes Store, con Google Play Store o presso un altro provider su Internet sotto forma di applicazione, il cliente conferma di accettare anche tutte le disposizioni giuridiche concernenti l’acquisto di un’applicazione del relativo fornitore

(ad es. iTunes Store, Google Play Store). Per l’utilizzo dell’app Swisscom myCloud scaricata nei diversi Store si instaura solo un rapporto contrattuale tra il cliente e Swisscom. Con la presente il cliente, nonostante l’assenza di un accordo contrattuale tra lo stesso e il provider online in riferimento all’app acquistata, concede allo Store in questione il diritto di far valere in tribunale le disposizioni contenute nella presente descrizione delle prestazioni, ove necessario.

2. Durata del contratto e disdetta

Non vi è una durata minima per il presente servizio. I contraenti hanno la facoltà di disdire l’accordo in qualsiasi momento. Se il cliente desidera disdire ed eliminare il proprio account myCloud, può farlo inviando un’e-mail all’indirizzo my.cloud@swisscom.com.

3. Prestazioni di Swisscom

Con myCloud il cliente può custodire tutte le sue foto, i suoi video-clip o i suoi documenti in un unico luogo sicuro. Le foto e i video in particolare possono essere visualizzati tramite app, Internet e Swisscom TV 2.0. I file possono essere organizzati e condivisi in modo molto semplice. L’app è in grado di analizzare le foto caricate e creare nuove forme di visualizzazione come album intelligenti (chiamati temi) sulla base di tale analisi. I file vengono salvati esclusivamente in territorio elvetico. Il servizio viene costantemente ampliato. Per un riepilogo completo e dettagliato delle funzioni invitiamo a consultare il sito www.swisscom.ch/mycloud e le pagine correlate.

Per motivi tecnici non è possibile caricare file di dimensioni superiori a 1 GB.

L’accesso all’applicazione può comportare dei costi variabili a seconda del collegamento. Se viene effettuato

dall’estero sono dovuti i costi di roaming.

Attualmente Swisscom offre due diverse formule per myCloud. Insieme al proprio abbonamento, i clienti Swisscom Natel infinity ottengono gratis una memoria illimitata. Qualora la memoria dovesse essere limitata o il servizio sospeso del tutto, ciò non avrà nessun effetto sul contratto di utilizzo Natel infinity.

 

Tutti gli altri clienti ottengono gratis una memoria di 15 GB.

4. Doveri del cliente

4.1 Requisiti

Il requisito minimo per l’utilizzo di myCloud è costituito dal possesso di un apparecchio collegabile a Internet: un computer (Mac/PC) o uno smartphone con sistema operativo iOS o Android.

4.2 Impiego conforme alle disposizioni di legge e al contratto

Il cliente si assume la responsabilità di impiegare il servizio in modo conforme alle disposizioni di legge e al contratto.

In particolare saranno considerate violazioni della legge e del contratto:

  • condividere contenuti illegali o immorali di qualsiasi genere (ad es. diritti dei beni immateriali altrui senza relativo fondamento giuridico contrattuale, contenuti che violano i diritti della persona, contenuti vietati dal diritto penale come materiale pedopornografico e simile);
  • importunare o turbare terze persone;
  • danneggiare o mettere in pericolo l’infrastruttura di telecomunicazione o gli apparecchi di terzi caricando o distribuendo software dannosi

In presenza di indizi relativi a un impiego illecito o che viola il contratto, il cliente è tenuto a fornire a Swisscom informazioni in merito a tale utilizzo.

Il cliente è responsabile di qualsiasi impiego dei propri collegamenti, anche da parte di terzi

5. Protezione dei dati

Swisscom non effettua la cifratura dei file, ma il cliente può provvedervi personalmente.

myCloud salva le informazioni del cliente e tutti i suoi dati personali esclusivamente in Svizzera. Solo i dati di utilizzo anonimizzati vengono inviati all’estero ad Adobe Analytics. Il team myCloud può associare tali dati di utilizzo al rispettivo cliente per rendere possibile l’esperienza complessiva e una comunicazione personale e mirata. Tutto questo avviene in Svizzera. I dati del cliente non vengono messi a disposizione a imprese terze. Usando myCloud, il cliente fornisce il proprio consenso alla registrazione dei propri dati di utilizzo. Il cliente ha in qualsiasi momento la possibilità di cancellare l’iscrizione alla newsletter myCloud scrivendo una e-mail all’indirizzo « my.cloud@swisscom.com ».

Il tool Imagga integrato in myCloud analizza le foto caricate sul server e assegna loro delle parole chiave che offrono al cliente una nuova esperienza e ordine delle immagini mediante album intelligenti (chiamati temi). L’associazione delle foto a determinati luoghi avviene solamente attraverso l’inoltro dei relativi dati geografici al rispettivo fornitore del servizio di mapping. Non vengono ceduti a terzi dati personali.

Il cliente prende atto che su richiesta di un’autorità, Swisscom potrà essere costretta a fornire l’accesso ai suoi file e a comunicare i suoi dati personali.

6. Politica di «Fair Use»

L’offerta di spazio di memoria illimitato di myCloud si applica al normale utilizzo personale, in particolare per foto, video-clip e file. Se Swisscom constata un utilizzo notevolmente diverso da quello usuale, si riserva di cessare o limitare in qualsiasi momento la fornitura delle prestazioni o di adottare altre misure adeguate. Tra le misure adeguate si annoverano: limitazione della quantità di file scaricabili mensilmente, restrizione della dimensione dei file caricabili, esclusione di determinati tipi di file per l’upload.

Tra i casi di utilizzo notevolmente diverso dall’usuale si annoverano ad esempio i seguenti impieghi:

  • Utilizzo come archivio di grandi quantità di video ad alta risoluzione
  • Utilizzo come archivio di grandi quantità di foto non compresse
  • Utilizzo come archivio di grandi quantità di backup
  • Utilizzo di grandi quantità di memoria, superiore a quello del 95% dei restanti clienti.

7. Abuso

Swisscom adotta varie misure per evitare o individuare gli abusi. In particolare, le procedure di condivisione vengono monitorate sulla base di vari indicatori. Se un cliente danneggia o mette a repentaglio il servizio, gli impianti di un terzo o di Swisscom o se vi sono segni di un comportamento illecito o che violi il contratto, in particolare nell’ambito della condivisione di materiale tutelato da copyright (musica, video, immagini), Swisscom può esortare il cliente all’uso lecito e conforme al contratto (procedura conforme al processo di Notice e Takedown del Code of Conduct Hosting della SIMSA), modificare, limitare o cessare la propria fornitura di prestazioni senza preavviso e senza corrispondere alcun risarcimento, rescindere il contratto senza preavviso e senza corrispondere alcun risarcimento, bloccare tempestivamente l’account, impedire l’upload di file illegali e adottare altre misure, ed eventualmente richiedere un risarcimento danni e l’esonero di responsabilità nei confronti di terzi.

8. Norme relative ai controlli all’esportazione

Il software in questione è soggetto alle norme relative ai controlli all’esportazione e ad altre leggi degli USA e non può essere esportato, riesportato o trasferito in determinati paesi (attualmente Cuba, Iran, Corea del nord, Sudan, Crimea (Ucraina) e Siria) o a persone o soggetti giuridici ai quali è vietato detenere beni esportati dagli USA (compresi i soggetti (a) inseriti nella lista delle sanzioni per le persone o i soggetti giuridici [Denied Persons List e Entity List] del Bureau of Industry and Security e (b) nell’elenco delle Specially Designated Nationals and Blocked Persons dell’Office of Foreign Assets Control).

 

 

Marzo 2016