App per allenare la memoria

Tenere in forma il cervello

«Ma dove ho messo le chiavi?» Tutti di tanto in tanto soffriamo di vuoti di memoria ma, con gli anni, le cose possono peggiorare... Cosa fare per tenere in forma i neuroni?

Laurent Seematter (testo), 28 agosto 2017

A volte immagino di essere un sommelier che deve ricordare gli ordini di numerosi clienti, poi mi concentro per osservare le farfalle colorate in un cielo pieno di nuvole. Infine, mi viene chiesto di dire tutte le parole che mi vengono in mente che iniziano con «PA». Vengo anche bombardato di diverse forme che devo memorizzare il più in fretta possibile. Ecco come funziona l’allenamento cognitivo con le app di «esercizio mentale».

 

 


APP PER ALLENARE LA MEMORIA

 

Peak: la versione gratuita dell’app propone giochi per esercitare memoria, concentrazione e coordinazione. Disponibile per Android e iOs.

 

Memorado: questa app a pagamento promette di migliorare le connessioni neurali tramite diversi tipi di esercizi per memoria, logica, concentrazione, reazione e velocità. Disponibile per Android e iOs.

 

NeuroNation: è sufficiente allenarsi 15 minuti al giorno per un mese con questa app a pagamento per notare già un miglioramento delle proprie prestazioni. Disponibile per Android e iOs.

 

Lumosity: utilizzata da oltre 85 milioni di persone in tutto il mondo, l’app offre un programma completo di allenamento della mente con oltre 25 giochi. Disponibile per Android e iOs.

 

 

 

La mia memoria fa cilecca...

 

Nonostante un’eccellente plasticità cerebrale durante tutto l’arco della vita, a partire dalla terza età le prestazioni mentali possono iniziare a diminuire, specialmente a causa della perdita di un numero crescente di connessioni neurali. Alcune malattie degenerative, come la sindrome di Alzheimer, accelerano questo processo.

 

Durante una conferenza tenutasi presso l’Info-Café di Swisscom, Mélanie Bieler-Aeschlimann, neuropsicologa e clinica presso il Centre Leenaards de la Mémoire del CHUV, ha ricordato l’importanza di stimolare le nostre capacità cognitive mantenendo uno stile di vita equilibrato e continuando a svolgere le nostre attività preferite.

 

 

 

Tenere in forma la memoria con lo smartphone o le parole crociate?

 

 

Allenare la memoria con lo smartphone?


In passato si teneva in forma la memoria risolvendo le parole crociate o giocando a Scarabeo, e oggi? Esistono numerose app che dovrebbero aiutarci a migliorare le nostre prestazioni cognitive e mnemoniche. Per la neuropsicologa Mélanie Bieler-Aeschlimann, questi strumenti di allenamento elettronico non sono sempre la soluzione migliore: «Penso che si possano ottenere blandi risultati sull’invecchiamento cognitivo svolgendo attività intellettuali ludiche e divertenti. Tuttavia, ognuno deve trovare un’attività di proprio interesse e i supporti digitali non sono necessariamente la soluzione ideale.» La dottoressa intravede, invece, un potenziale nelle applicazioni che insegnano strategie di memorizzazione, ovvero trucchi per ricordare più facilmente le nozioni apprese.

«Penso che si possano ottenere blandi risultati sull’invecchiamento cognitivo svolgendo attività intellettuali ludiche e divertenti, ma i supporti digitali non sono necessariamente la soluzione ideale.»

Mélanie Bieler-Aeschlimann, neuropsicologa

Un team di ricercatori della facoltà di psicologia dell’università dell’Illinois nel 2016 ha pubblicato uno studio sull’efficacia dei programmi di allenamento mentale, giungendo alla conclusione che le applicazioni in questione migliorano semplicemente le capacità in alcuni compiti specifici, ma non incrementano le facoltà cognitive globali di una persona. «Lumosity», un’azienda americana specializzata nel campo, ha addirittura dovuto pagare una multa di 2 milioni di dollari per la sua pubblicità ingannevole basata su argomentazioni scientifiche infondate.

 

Altri studiosi ritengono invece che le facoltà allenate dalle app trovino applicazione nella vita reale. A chi credere? Provate alcune delle app indicate e inviateci le vostre impressioni.

 

 

 


Info-Café: per una maggiore comprensione del mondo digitale

 

«Offriamo al pubblico la possibilità di ottenere risposte concrete e comprensibili alle proprie domande», spiega Christine Meziane, ideatrice e responsabile dell’Info-Café di Swisscom. Lo scopo di questi incontri è affrontare i grandi argomenti della nostra epoca digitale (gergo digitale, impatto sulla comunicazione, processi di cambiamento) o anche, come è accaduto di recente, il funzionamento della memoria. Le persone interessate possono iscriversi gratuitamente a tutte le conferenze interattive sul portale Info-Café (in francese).

Cheerful senior woman using cell phone

 

Info-Café di Swisscom

Ottenere una migliore comprensione del mondo digitale in un ambiente informale? Iscrivetevi a un Info-Café di Swisscom (in francese).

 

 

 

Partecipate alla discussione

 

Usate le app per allenare la memoria? Quali sono le vostre esperienze?

 

Condizioni di impiego

Grazie per il vostro contributo. I commenti dei lettori vengono pubblicati da lunedì a venerdì.

 

Altre Storie