Deepfake: quando i video sono falsificati in modo ingannevole
3 min

Deepfake: quando i video sono falsificati in modo ingannevole

I deepfake si sono diffusi in massa sin dai tempi in cui si possono far cantare i selfie sullo smartphone. Tuttavia, con il software giusto, possono essere generate anche dichiarazioni politiche, contenuti pornografici o immagini satellitari – mostriamo quali forme inaspettate possono assumere i deepfake. A questo proposito, Michael In Albon, incaricato della protezione dei giovani dai media di Swisscom, ci ha parlato della portata della tecnologia.

Dall’IA ai deepfake

Gli algoritmi di apprendimento profondo basati sull’intelligenza artificiale (IA) imparano a risolvere un problema utilizzando grandi serie di dati. In questo modo, i volti nei video vengono analizzati e poi scambiati con un altro video. Dopo che gli algoritmi hanno ripetuto questo processo innumerevoli volte, vengono create delle copie dall’aspetto realistico.

In app come Snapchat, i filtri deepfake erano ancora una funzionalità divertente, ma la tecnologia può diventare rapidamente una minaccia per le segnalazioni veritiere. Quando Barack Obama ha sparlato di Donald Trump in un video, l’inganno non era visibile a prima vista. Anche la presunta conferenza stampa della leader politica statunitense Nancy Pelosi sotto l’effetto dell’alcol era incredibilmente realistica – anch’essa poi rapidamente denunciata come deepfake. Ma i deepfake possono anche avere alcune finalità positive: che sia per riportare in vita le star decedute o far sembrare gli attori più giovani, la tecnologia deepfake è usata in molti modi nell’industria dell’intrattenimento. L’UNICEF sta impiegando la tecnologia nel suo progetto Deep Empathy per mostrare la distruzione derivante dal conflitto siriano nelle principali città occidentali. Così, le tecnologie di conversione della voce e i video deepfake possono rappresentare una risorsa in molti settori, ma solo se la nostra società viene adeguatamente istruita al riguardo.

Ecco in quanti modi diversi vengono usati i deepfake al giorno d’oggi.

Per tradurre la pubblicità in varie lingue: grazie alla tecnologia, David Beckham ha potuto lanciare la sua campagna contro la malaria in diverse aree linguistiche

Foto: https://mixed.de/deepfakes-david-beckham-spricht-mit-neun-stimmen/
Divertimento ininterrotto per i fan di Hollywood: non si tratta dell’attore Tom Cruise in persona, ma il suo deepfake su questo account Tiktok imita alla perfezione l’originale.

Foto: https://edition.cnn.com/videos/business/2021/03/02/tom-cruise-tiktok-deepfake-orig.cnn-business
Umiliare pubblicamente le celebrità con la pornovendetta: la rete è inondata di pornografia deepfake di celebrità, mettendo a dura prova la legge sulla protezione dei dati.

Foto: https://www.bbc.com/news/uk-scotland-57254636
Manipolare la politica: i discorsi contraffatti hanno già messo alcuni politici in difficoltà.

Foto: https://mligrp.com/2021/03/16/barack-obama-real-or-deep-fake
Per falsificare le immagini satellitari: le immagini satellitari deepfake possono rappresentare una potente tattica di confusione in ambito militare.

Foto: https://akalazia.com/deepfake-erstellt-jetzt-satellitenbilder-von-stadten-die-es-nicht-gibt-neews/

«Creare un deepfake è più facile di quanto si pensi.»

Abbiamo parlato con Michael In Albon, incaricato della protezione dei giovani dai media di Swisscom, dei deepfake e di come reagire ai contenuti manipolati.

Michael, ora i deepfake sono una maledizione o una benedizione?
Sia l’una che l’altra: la tecnologia dietro i deepfake non è né buona né cattiva. Hanno un enorme potenziale nella ricerca, nella pubblicità o nell’industria dell’intrattenimento. Ma se vengono usati per mentire e danneggiare le persone, i deepfake rappresentano un grande rischio.

Ma i pericoli superano di gran lunga i benefici?
Sì. Da un lato, c’è il pericolo del furto d’identità. Dall’altro, i deepfake possono anche sconvolgere e causare molti disordini negli affari politici.

Come posso creare un deepfake?
Bastano pochi ingredienti: il creatore ha bisogno di un software, che di solito può essere scaricato gratuitamente da internet. Poi si può già iniziare e creare un deepfake con il materiale dell’immagine esistente.

Quindi basta un semplice video come base?
In linea di principio, sì. Tuttavia, per ottenere un buon deepfake, le applicazioni hanno bisogno di vari video con quante più espressioni facciali e angolazioni possibili.

Diciamo che c’è un mio deepfake, cosa posso fare?
Questa è una situazione molto difficile. Bisogna assicurarsi di avere tutte le prove a portata di mano e, se possibile, parlarne con l’autore. È anche importante che i bambini e i giovani si confidino immediatamente con un adulto di fiducia.

È davvero possibile intraprendere un’azione legale contro di esso?
Sì. In Svizzera, abbiamo il privilegio di poter agire contro i deepfake grazie al diritto di personalità.

Pronti ad approfittare delle opportunità del mondo interconnesso.

La trasformazione digitale sta cambiando il nostro mondo, rendendo possibili tantissime cose e mettendoci tutti alla prova in modo diverso. Con la nuova serie web «Shift» ci soffermiamo sul tema per scoprire che influenza hanno la tecnologia e la digitalizzazione sulla nostra vita quotidiana e sulla nostra società.

Leggete ora