Intervista: Saskia Günther riguardo alla Swiss Climate Challenge
4 min

«L’app ha influenzato il mio comportamento in modo intuitivo»

Ridurre le emissioni individuali di CO2 con un’app? È proprio questo l’obiettivo della Swiss Climate Challenge. Saskia Günther, Head of Corporate Responsibility presso Swisscom, parla dell’obiettivo della campagna e del proprio comportamento individuale rispetto alla mobilità.

Perché Swisscom ha lanciato la Swiss Climate Challenge? 

Perché vogliamo apportare un contributo sociale alla protezione dell’ambiente oltre i nostri confini aziendali. Una delle sfide più grandi è la nostra mobilità individuale. è infatti responsabile di circa un terzo delle nostre emissioni individuali di CO2. Dietro la Challenge c’è una grande squadra che ha avuto l’idea geniale di usare un’app per ridurre le emissioni individuali di CO2. Durante la Challenge è possibile raccogliere punti. Ogni punto corrisponde al valore di un franco. Il denaro raccolto sarà devoluto a un progetto di protezione dell’ambiente. Questo obiettivo ci ha convinto! 

Per un mese intero, vogliamo motivare i nostri collaboratori, i nostri clienti e il maggior numero possibile di persone a partecipare a quella che fino ad oggi è probabilmente la più grande Challenge per l’ambiente della Svizzera e raccogliere insieme 100’000 Green Point. Swisscom li convertirà in 100’000 franchi sostenendo in questo modo il progetto di rimboschimento Oberallmig. Insieme alla popolazione svizzera, diamo un contributo prezioso alla protezione dell’ambiente, perché insieme siamo più forti.  

Come interviene oggi Swisscom per ridurre la footprint di CO2

In molti modi. Ci riforniamo al 100% di energia proveniente da fonti rinnovabili. Negli ultimi anni abbiamo aumentato la nostra efficienza energetica del 38%. Inoltre, le nostre emissioni operative sono state ridotte di oltre l’80%. Sviluppiamo soluzioni per uno stile di vita sostenibile anche per i nostri clienti: i nostri prodotti, come il TV-box e il router WLAN, sono già del tutto neutri climaticamente. Inoltre, con Swisscom chiunque ha la possibilità di compensare l’impatto ambientale del proprio smartphone, tablet o notebook rendendolo climaticamente neutri al costo di circa 5 franchi. L’intero ricavato sarà donato a importanti progetti di rimboschimento, quindi non ci guadagniamo nulla. 

Ora prendo molto più spesso in considerazione l’idea di muovermi a piedi, in bicicletta elettrica o con i mezzi pubblici.

Saskia Günther, Head of Corporate Responsibility presso Swisscom

Che cosa prevede di fare Swisscom in futuro per proteggere ancora meglio l’ambiente?  

Entro il 2025 puntiamo a risparmiare ulteriori 500’000 tonnellate di CO2 per la Svizzera. Con «ulteriori» intendo dire che con i nostri clienti vogliamo ridurre più CO2 di quella emessa dalla nostra azienda. Pertanto, non solo implementiamo le nostre misure all’interno dell’azienda, ma vogliamo anche contribuire allo sviluppo sostenibile del nostro Paese con nuove soluzioni. Ecco perché approcci innovativi come la Swiss Climate Challenge sono un modo per guardare oltre i nostri confini e apportare un autentico un contributo sociale.  

Come definirebbe la sua mobilità? 

Scaricare l’App Swiss Climate Challenge

Swiss Climate Challenge App

È possibile scaricare l’app Swiss Climate Challenge per iOS dall’Apple App Store, mentre la versione per Android dal Google Play Store.

Fondamentalmente, sono una convinta sostenitrice del trasporto pubblico. Dato che ho dei bambini piccoli, possiedo anche una bicicletta elettrica che usiamo regolarmente per le gite di un giorno. Abbiamo anche una macchina in garage, ma la usiamo così raramente che la batteria si è scaricata diverse volte.

La Challenge sarà lanciata il 27 maggio, in occasione della Giornata svizzera del clima. Ha modificato il suo comportamento rispetto alla mobilità? 

Avevo già testato l’app prima e l’avevo installata sul mio smartphone da alcuni mesi. Anche se la mia mobilità era già prima piuttosto sostenibile, l’app ha influenzato il mio comportamento in modo intuitivo: recentemente, ho anche lasciato perdere la macchina in un giorno di pioggia e sono andata a prendere i miei figli al doposcuola con la mia bicicletta elettrica. Ora mi chiedo spesso se prendere davvero la macchina o se muovermi in bicicletta elettrica, a piedi o con i mezzi pubblici. In questo modo non solo proteggo l’ambiente, ma aiuto anche la mia salute con un po’ di esercizio. In altre parole, è una situazione win-win. 

Leggete ora