Partner Login Stato della rete Contatto
Partner Login Stato della rete Contatto

Mobility insights data, Smartuse

Smartuse

Smart City: come interagiscono dati, spazio e architettura della mobilità

Come si può utilizzare lo spazio pubblico in modo più efficiente? La risposta è fornita da cividi con Smartuse, la piattaforma che si basa sulla combinazione e l'analisi di dati diversi e anonimi. Swisscom assiste come partner.

Testo: Martina Longo, Immagini: Unsplash, Smartuse,

Spazio pubblico in trasformazione

Molte questioni riguardanti l'uso ottimale dello spazio sono fortemente legate a questioni sociali e socio-politiche. Il modo e il motivo per cui lo spazio pubblico, sempre più ampio, viene utilizzato è il riflesso di cambiamenti più ampi, come la crescente tecnologizzazione, la globalizzazione e forme di lavoro e di vita più flessibili. Anche le linee guida politiche, come la compattazione interna e la costruzione densa, sono centrali in Svizzera: le zone edificabili esistenti devono essere utilizzate in modo più denso per ridurre al minimo il consumo di suolo e la conseguente espansione urbana. Inoltre, lo spazio pubblico non è più esclusivamente nelle mani di pianificatori, autorità o politici, ma è sempre più influenzata da progetti partecipativi che coinvolgono gli abitanti. La consapevolezza dell'ambiente circostante, della sua funzione e del suo sviluppo è in aumento e i cittadini chiedono ne chiedono la partecipazione. Ma quali criteri dovrebbero essere utilizzati per progettare lo spazio pubblico se così tanti criteri giocano un ruolo? Chi dovrebbe determinare e valutare questi criteri? E chi valuta poi il successo dei progetti?

I dati «smart» forniscono informazioni

La progettazione degli spazi pubblici e delle infrastrutture è ancora per lo più una questione di tentativi ed errori. In molti casi vengono creati grandi progetti, ma spesso risultano anche spazi stradali sovradimensionati, centri urbani mal funzionanti o piazze deserte. Di solito gli errori non vengono analizzati. La pianificazione attualmente non si basa sui fatti. Smartuse utilizza dei dati anonimi provenienti da diverse fonti, in certi casi anche dalla piattaforma "Mobility Insights" di Swisscom, per evitare sviluppi territoriali negativi e per renderli più efficienti. Markus Schaefer, co-fondatore di Smartuse, ne spiega il principio: "Proprio come un medico che usa una i raggi X per vedere dove deve operare, noi usiamo i dati per ottenere importanti spunti di riflessione per sfruttare meglio lo spazio e renderlo più significativo".

Utilizzo in funzione del tempo utilizzando l'esempio dello spazio pubblico di Frauenfeld (in tedesco)

Da progetto pilota al «Gemeindescan»

Come si comportano le persone tra i luoghi di residenza, il lavoro e il tempo libero nell'area di Zurigo? Quanto spesso e intensamente vengono utilizzate certe strade? Perché alcuni posti non vengono utilizzati affatto o vengono utilizzati solo un po'? Smartuse è nata da un progetto pilota della Conferenza metropolitana di Zurigo che si è concentrata sull'analisi di tali questioni fondamentali. Smartuse ha ulteriormente sviluppato i risultati ottenuti nel cosìdetto «Gemeindescan». «In questo modo gli attori ricevono uno strumento di facile utilizzo per lo sviluppo del territorio, nuove intuizioni e suggerimenti concreti di cui possono tenere conto nella pianificazione e nell'attuazione delle proprie misure», spiega Markus Schaefer. Il «Gemeindescan» è in continuo sviluppo, sono previsti ulteriori strumenti e prodotti di cividi. cividi è reso possibile grazie all'impegno di Migros, il fondo di sostegno del Gruppo Migros.

Avete domande su Smartuse? Contatto


Maggiori informazioni