Segui Swisscom Abbonati alle news Mappe della rete Contatto
Segui Swisscom Abbonati alle news Mappe della rete Contatto

Intervista a Hans C. Werner

Il responsabile HR sulla carenza di specialisti

«Cerchiamo a Rotterdam le competenze IT che mancano qui.»

Il mito della «War for Talents» gira ormai da alcuni anni. I profili specializzati sono sempre più ricercati e la lotta per reclutare i candidati adatti è sempre più aspra – e non poche posizioni rimangono scoperte. Che cosa fare? Swisscom punta già su diverse misure autonome all’interno dell’organizzazione e sulla Svizzera come piazza formativa. Purtroppo questi sforzi non sono sufficienti. Pertanto ci vediamo obbligati a compiere un passo oltre confine e ad aprire un DevOps Center a Rotterdam dove sviluppatori ICT altamente specializzati si occuperanno di incarichi per i quali in Svizzera non è stato possibile trovare collaboratori nonostante le misure di sviluppo interne, i ripetuti annunci di lavoro esterni e l’utilizzo di tutti i canali di networking. Hans C. Werner, responsabile Group Human Resources in Swisscom, spiega nell’intervista perché diventa necessario questo passo.
Esther Hüsler
Esther Hüsler, Portavoce
20 marzo 2019

Hans Werner, Swisscom è a corto di specialisti IT?

No, al contrario! Da anni osserviamo quest’evoluzione con preoccupazione e abbiamo adottato una serie di misure che nello specifico mostrano anche buoni risultati. Solamente che questo non basta. Sul mercato del lavoro risultiamo datore di lavoro top, nella sezione dedicata al mercato del lavoro di Xing siamo il datore di lavoro più ambito della Svizzera. Inoltre assumiamo trainee e praticanti direttamente dalla scuola universitaria, formiamo 950 apprendisti, la metà dei quali nel settore IT. Si aggiungono poi maturandi way-up e apprendisti di scuole universitarie professionali. E ciononostante dobbiamo constatare che tutto questo non basta; la domanda di specialisti ICT è notevolmente maggiore rispetto all’offerta sul mercato.

Ma non potrebbe offrire una seconda formazione ai collaboratori per offrirgli le competenze necessarie?

Fatto vero e assai importante. E con l’impegno a garantire per tutti i collaboratori cinque giorni di perfezionamento all’anno come stabilito nel contratto collettivo di lavoro da quest’anno facciamo un ulteriore e importante passo avanti in questa direzione.
Oltre a effettuare nuove assunzioni offriamo seconde formazioni in modo mirato nei settori nei quali abbiamo bisogno. Colgo l’occasione per ricordare il DevOps Mastery che fornisce metodi per velocizzare l’attuazione nello sviluppo di software. Ma questo non basta per risolvere il problema: mancano soprattutto competenze specializzate per le quali spesso non è sufficiente un apprendistato o una riqualificazione professionale. Gli sviluppatori software devono oggigiorno interiorizzare il giusto schema mentale ed elaborare soluzioni di massimo livello per le quali di norma è necessario un diploma di scuola universitaria di più anni.
Tutto considerato dobbiamo constatare che la lotta per accaparrarsi questi talenti si è drammaticamente inasprita e questo non dipende solo da Google e Facebook ma anche dal fatto che la maggior parte di industrie sono alla ricerca delle stesse competenze in seguito alla digitalizzazione dei loro modelli commerciali.

Quindi la Svizzera ha dormito?

Tutt’altro. Con la promozione della formazione informatica, il rafforzamento delle scuole universitarie professionali e delle scuole universitarie per formazioni specializzate superiori nonché un budget maggiore per la formazione, anche ai politecnici federali, molto è cambiato negli ultimi anni. Già nel 2011 la Confederazione ha affrontato il problema con un’iniziativa contro la carenza di professionisti. Anche dopo la sua conclusione però la politica sul personale specializzato rimane un tema fisso della Confederazione. Resta il fatto comunque che non si può obbligare le persone a diventare specialisti IT.

Sperate quindi di reclutare personale in Olanda?

Rotterdam sta diventando un centro interessante. Qui si riuniscono talenti da tutto il mondo. Per questo siamo convinti di trovare qui il personale tanto necessario che non riusciamo a rintracciare in Svizzera nonostante tutti gli sforzi e anche ai ripetuti annunci di lavoro.
In una prima fase programmiamo di assumere quaranta persone nel DevOps Center di Rotterdam e quindi tirare le conclusioni per il proseguo del progetto. Se l’esito sarà positivo, intendiamo aumentare questo numero continuamente per portarlo all’occorrenza a 200 assunzioni. «Ma ne siamo consapevoli, anche a Rotterdam è grande la battaglia per accaparrarsi i talenti quindi dobbiamo essere convincenti con offerte interessanti.

Vuol dire che in Svizzera non cerchiamo più?

Anzi, continuiamo a canalizzare ogni sforzo possibile per offrire il perfezionamento dei nostri collaboratori e anche per entusiasmare la forza lavoro del nostro paese a favore di Swisscom. Continuiamo ad avere interessanti posizioni pubblicate su www.swisscom.ch/jobs.

Letteratura



Iscriversi alle news

Iscriversi alle nostre news via e-mail.


Contattateci

Indirizzo

Swisscom
Media Relations
Alte Tiefenaustrasse 6
3048 Worblaufen

Indirizzo postale:
Casella postale, CH-3050 Berna
Svizzera

Contatto

Tel. +41 58 221 98 04
Fax +41 58 221 81 53
media@swisscom.com

Altri contatti

Ritratto

Hans C. Werner è responsabile Group Human Resources e dal 2011 membro della Direzione del Gruppo Swisscom.