Meta-navigazione

Comunicato stampa

Ingenti investimenti nella banda ultralarga: già 3 milioni di abitazioni e locali commerciali allacciati

Berna, 03 maggio 2016

Rapporto intermedio relativo al primo trimestre 2016

 

1.1.-31.3.2015

1.1.-31.3.2016

Variazione

Fatturato netto (in milioni di CHF)

2’893

2’885

-0,3%

Risultato d’esercizio al lordo di ammortamenti, EBITDA (in milioni di CHF)

1’051

1’081

2,9%

 

Risultato d’esercizio EBIT (in milioni di CHF)

544

535

-1,7%

Utile netto (in milioni di CHF)

351

364

3,7%

Collegamenti Swisscom TV in Svizzera (al 31.3 in migliaia)

1’201

1’367

13,8%

Collegamenti di comunicazione mobile in Svizzera (al 31.3 in migliaia)

6’568

6’615

0,7%

Fatturato da contratti per offerte combinate (in milioni di CHF)

530

603

13,8%

Collegamenti a banda larga Fastweb (al 31.3 in migliaia)

2’124

2’241

5,5%

Investimenti (in milioni di CHF)

549

596

8,6%

Di cui investimenti in Svizzera (in milioni di CHF)

388

425

9,5%

Collaboratori del Gruppo (posti a tempo pieno al 31.3)

21’599

21’645

0,2%

Di cui collaboratori in Svizzera (posti a tempo pieno al 31.3)

18’776

18’960

1,0%

 

–   Il fatturato è diminuito dello 0,3% a causa della riduzione dei prezzi
–   Grazie ai minori costi in Svizzera l’EBITDA è aumentato del 2,9%
–   Il traffico dati roaming cresce di 2,9 volte grazie alle riduzioni dei prezzi di 100 milioni di CHF
–   Maggiori investimenti in reti a banda larga e IT (+9,5% in Svizzera)
–   3 milioni di abitazioni e superfici commerciali connesse con la banda ultralarga (oltre 50 Mbit/s)
–   Fastweb mette a segno un aumento del fatturato in euro (+2,6%) e dell’EBITDA (+9,2%)
–   Previsioni finanziarie invariate per il 2016

 

«Stiamo procedendo come previsto. Alla luce delle difficili condizioni del mercato, sono soddisfatto dell’andamento degli affari. Abbiamo conquistato molti clienti in ambito Swisscom TV, nei collegamenti a banda larga e in Fastweb, il fatturato si è mantenuto quasi stabile e l’EBITDA è aumentato grazie ai minori costi», afferma il CEO Urs Schaeppi. «Il mercato è sempre più saturo e diventa via via più difficile crescere, per esempio nel settore della comunicazione mobile. Il potenziamento dell’infrastruttura nazionale richiede inoltre grandi investimenti. Le cose in Italia vanno bene: Fastweb ha potuto continuare a crescere in termini di fatturato, EBITDA e numero di clienti».

 

Un EBITDA più elevato grazie a minori costi

Nel primo trimestre del 2016, il fatturato netto di Swisscom si è mantenuto praticamente costante rispetto al medesimo periodo dell’esercizio precedente attestandosi a 2’885 milioni di CHF (- 8 milioni di CHF o -0,3%). L’EBITDA è aumentato del 2,9% o di 30 milioni di CHF a 1’081 milioni di CHF. L’aumento nel core business svizzero di 11 milioni di CHF è dovuto soprattutto ai minori costi per l’acquisizione dei clienti e la manutenzione. L’utile netto è aumentato di 13 milioni di CHF (3,7%) e ha raggiunto i 364 milioni di CHF, in quanto l’anno scorso le perdite valutarie hanno esercitato un impatto più forte sul risultato.

L’organico del Gruppo è aumentato di 46 posti a tempo pieno (0,2%) raggiungendo quota 21’645. Nel core business svizzero si è registrato un aumento di 191 posti a tempo pieno grazie ad acquisizioni di ditte, nuovi servizi come Cloud Services o soluzioni per la sanità. Nel primo trimestre, nel core business svizzero l’organico si è ridotto di 105 posti a tempo pieno su base paragonabile.

 

Investimenti elevati nell’ampliamento della rete

Gli investimenti a livello di Gruppo sono cresciuti di 47 milioni di CHF (8,6%) attestandosi complessivamente a 596 milioni di CHF. In Svizzera sono aumentati di 37 milioni di CHF (9,5%) a 425 milioni di CHF in seguito all’ampliamento delle reti a banda larga. A fine marzo, oltre 2,1 milioni di collegamenti sono stati dotati delle più avanzate tecnologie a fibra ottica. Nel complesso, Swisscom ha allacciato circa 3 milioni di abitazioni e superfici commerciali con la banda ultralarga (oltre 50 Mbit/s). Swisscom si posiziona così ai vertici nel raffronto internazionale.

Il traffico mobile di dati raddoppia ogni anno, perciò si continua a portare avanti l’ampliamento della rete veloce 4G/LTE. Oltre il 98% dei clienti Swisscom può beneficiare della rete mobile di ultima generazione.

Nel quadro del potenziamento di base, Swisscom costruirà entro la fine del 2016 una rete integrativa nazionale per l’internet delle cose. La cosiddetta Low Power Network (LPN) costituisce il fondamento per l’internet delle cose e quindi per città intelligenti, efficienza energetica degli edifici, interconnessioni fra macchine e nuove applicazioni digitali. L’internet delle cose cresce in modo esponenziale: stando a svariati studi, in futuro comunicheranno fra loro miliardi di apparecchi in tutto il mondo.

 

Il traffico dati in roaming cresce di 2,9 volte

Il mercato, sempre più saturo, si riflette nello sviluppo dell’effettivo clienti. Rispetto all’anno precedente, il numero di collegamenti di comunicazione mobile è aumentato di 47’000 unità (0,7%) raggiungendo quota 6,6 milioni. Nel primo trimestre, quale conseguenza della saturazione del mercato si è registrato un calo di 10’000 unità. Nell’attività roaming, le riduzioni dei prezzi e l’inclusione dei volumi roaming negli abbonamenti Natel Infinity plus ha accelerato ulteriormente la crescita del volume roaming. Analogamente all’anno precedente, per il 2016 il relativo calo dei prezzi è pari a circa 100 milioni di CHF. Già 1,1 milioni di clienti comunicano senza preoccupazioni all’estero. Nel primo trimestre del 2016, il traffico dati è aumentato di 2,9 rispetto all’anno precedente e il traffico vocale del 18%. Con il riuscito lancio di Natel infinity 2.0 a marzo 2016 i clienti beneficiano di velocità significativamente superiori, maggior roaming e una soluzione di archiviazione online illimitata.

 

Swisscom TV cresce nonostante l’aspra concorrenza

Nonostante l’aspra concorrenza dei gestori di reti via cavo, il numero di collegamenti Swisscom TV è salito nel giro di un anno di 166’000 unità (13,8%), passando a 1,37 milioni (+36’000 nel primo trimestre). Di questi, due terzi utilizzano il servizio Swisscom TV 2.0 basato sul cloud. Nel mese di aprile 2016, Swisscom ha lanciato un nuovo TV-Box compatibile con UHD. «Il nuovo box è ancora più piccolo, rapido ed economico e consente ai clienti di visualizzare le immagini in maniera brillante e precisa come mai prima d’ora.

Nel giro di un anno, il numero di collegamenti di rete fissa a banda larga (retail) è aumentato di 60 000 (3,1%) unità raggiungendo una quota di 1,97 milioni di unità (+10 000 nel primo trimestre). Nella rete fissa, la crescita dei collegamenti TV e a banda larga è riuscita a compensare ampiamente la riduzione dei collegamenti telefonici di rete fissa pari a 153’000 (-47’000 nel primo trimestre). Nel primo trimestre, questi indicatori si sono mantenuti nel complesso stabili. Nel corso di un anno, il numero delle unità generatrici di fatturato (RGU) è aumentato di 120’000 unità (1,0%) e ha raggiunto 12,5 milioni. Nel primo trimestre, in seguito alla crescente saturazione del mercato, è stato registrato un lieve calo di 11’000 unità.

La grande richiesta di offerte combinate con tariffe forfettarie continua: a fine marzo 2016, i clienti titolari di un’offerta combinata erano 1,47 milioni, il che equivale a una crescita di 207’000 unità (16,5%) rispetto all’anno precedente. Il fatturato realizzato con i contratti per offerte combinate è progredito di 73 milioni di CHF (13,8%) a 603 milioni di CHF.

 

Aumento del 7,1% per gli ordini in entrata di Enterprise Customers

Il fatturato con i clienti esterni nel settore Enterprise Customers si è mantenuto pressoché stabile con 605 milioni di CHF (-0,3%). Il calo nel mercato della comunicazione mobile dovuto prevalentemente ai prezzi è stato compensato dal maggior fatturato nel settore delle soluzioni. Swisscom è riuscita ad acquisire rinomati clienti commerciali per l’implementazione di strategie di clouding e digitalizzazione. Gli ordini in entrata sono aumentati del 7,1%.

 

Fastweb cresce per fatturato, EBITDA e clientela

Grazie all’aumento del numero dei clienti, il fatturato di Fastweb in Italia è progredito di 11 milioni di euro, ovvero del 2,6%, attestandosi a 440 milioni di euro. Nel giro di un anno, la base di clienti fruitori della banda larga è aumentata di 117’000 unità (5,5%) a 2,24 milioni (+40’000 nel primo trimestre). Il fatturato medio per cliente di servizi a banda larga nell’ambito dei clienti privati è regredito di circa il 3% rispetto all’anno precedente a causa dell’intensa concorrenza. Tale flessione è stata tuttavia più che compensata dalla crescita del numero di clienti. Di conseguenza, rispetto all’anno prima, la cifra d’affari conseguita con i clienti privati è salita di 7 milioni di euro (3,2%) a 223 milioni di euro. Il fatturato generato dai clienti commerciali è aumentato di 3 milioni di euro (1,8%), attestandosi a 171 milioni di euro. La cifra d’affari realizzata con le attività Wholesale è rimasta stabile a 44 milioni di euro.

Rispetto all’anno precedente, il risultato del segmento al lordo degli ammortamenti (EBITDA) è salito di 11 milioni di euro (9,2%) attestandosi a 131 milioni di euro. Il margine di profitto è salito di 1,8 punti percentuali al 29,8%. Con 154 milioni di euro, gli investimenti sono stati superiori rispetto allo scorso anno per un importo pari a 7 milioni di euro (4,8%). Il potenziamento della rete a banda ultralarga continua: entro il 2020, Fastweb prevede di allacciare circa 13 milioni di utenti e pertanto la metà delle economie domestiche e delle superfici commerciali con larghezze di banda di 200 Mbit/s.

 

Previsioni finanziarie invariate

Per il 2016 Swisscom prevede ancora un fatturato netto di oltre 11,6 miliardi di CHF, un EBITDA di circa 4,2 miliardi di CHF e investimenti per più di 2,3 miliardi di CHF. In caso di raggiungimento degli obiettivi, Swisscom intende proporre all’Assemblea generale del 2017 di lasciare invariato il dividendo per l’esercizio 2016 a CHF 22 per azione.

 

Rapporto intermedio dettagliato:

http://www.swisscom.ch/q1-report-2016

 

Ulteriore documentazione:

http://www.swisscom.ch/ir

 

 

 

Disclaimer

This communication contains statements that constitute "forward-looking statements". In this communication, such forward-looking statements include, without limitation, statements relating to our financial condition, results of operations and business and certain of our strategic plans and objectives.

Because these forward-looking statements are subject to risks and uncertainties, actual future results may differ materially from those expressed in or implied by the statements. Many of these risks and uncertainties relate to factors which are beyond Swisscom’s ability to control or estimate precisely, such as future market conditions, currency fluctuations, the behaviour of other market participants, the actions of governmental regulators and other risk factors detailed in Swisscom’s and Fastweb’s past and future filings and reports, including those filed with the U.S. Securities and Exchange Commission and in past and future filings, press releases, reports and other information posted on Swisscom Group Companies’ websites.

Readers are cautioned not to put undue reliance on forward-looking statements, which speak only of the date of this communication.

Swisscom disclaims any intention or obligation to update and revise any forward-looking statements, whether as a result of new information, future events or otherwise.

 

Contatto

Swisscom AG
Media Relations
3050 Bern

media@swisscom.com