Meta-navigazione

Comunicato stampa

Solido risultato Swisscom

Berna, 03 novembre 2016

Rapporto intermedio a fine settembre 2016 +++ Fatturato stabile, EBITDA accresciuto sulla base di effetti straordinari +++ Costante pressione sui prezzi +++ Saturazione del mercato nella telefonia mobile +++ Successo nel mercato con collegamenti TV, offerte combinate e il settore delle soluzioni con grandi clienti +++ Rimangono alti gli investimenti nelle reti +++ Fastweb cresce costantemente +++ Le previsioni per il 2016 rimangono invariate

 

Il CEO Urs Schaeppi commenta l’andamento degli affari dei primi nove mesi 2016: “Abbiamo nuovamente elaborato delle cifre solide, anche se il vento del quarto trimestre è più severo. Una forte pressione dei prezzi e la diminuzione delle tariffe di roaming sono una buona notizia per i nostri clienti, ma ci mettono alla prova in materia di fatturato e di redditività. La crescita delle offerte combinate e dei collegamenti TV, lo sviluppo nel settore delle soluzioni con i grandi clienti e i risultati di Fastweb sono rallegranti. Manteniamo la rotta grazie alle forti prestazioni sul mercato e a un attivo management dei costi.“

 

 

Le ferie estive caratterizzano una domanda elevata di roaming incluso

Il fatturato netto Swisscom dei primi nove mesi 2016 è pressoché stabile sui livelli dell’anno precedente. Mentre in Svizzera il fatturato con i servizi di telecomunicazione è diminuito dell’1,9% durante i primi nove mesi a causa della forte pressione sui prezzi e dell’aumento della saturazione del mercato, lo sviluppo nel terzo trimestre si è consolidato. Nel terzo trimestre Swisscom ha perso 53 milioni di CHF di fatturato con i servizi di telecomunicazione (-3,1%) a causa dell’elevato utilizzo del roaming nel periodo vacanziero. Nonostante l’attiva gestione dei costi non è stato possibile compensare completamente questo effetto nel risultato di esercizio con nuovi servizi o con la crescita del numero di clienti.

 

 

L’EBITDA è incrementato del 6,7% attestandosi a 3’307 milioni di CHF. Rettificato degli effetti straordinari (in particolare il ricavo dai procedimenti legali con Fastweb, nell’anno precedente accantonamento multa COMCO per internet a banda larga), è regredito comunque dell’1,7%. Nei primi nove mesi l’EBITDA è regredito nel core business svizzero di 102 milioni di CHF (-3,5%) a causa della pressione sui prezzi, i costi di roaming e acquisizione clienti, oltre al calo della crescita del numero di utenti. In questo periodo l’EBITDA Fastweb è incrementato di 30 milioni di euro o del 7,4%. L’utile netto di Swisscom è progredito del 13,1% a 1’197 milioni di CHF.

 

Il numero di collaboratori di Swisscom si è ridotto di 311 posti a tempo pieno o dell’1,4% rispetto all’anno precedente, attestandosi a 21’292 posti a tempo pieno. Rettificato degli acquisti aziendali, l’organico è stato ridotto di 350 posti a tempo pieno, o dell’1,6%, a seguito delle misure di efficienza.

 

Le previsioni per l’esercizio 2016 rimangono invariate. Per il 2016 Swisscom prevede ancora un fatturato netto di oltre 11,6 miliardi di CHF, un EBITDA di circa 4,25 miliardi di CHF e investimenti per circa 2,4 miliardi. In caso di raggiungimento degli obiettivi, Swisscom intende inoltre proporre all’Assemblea generale del 2017 un dividendo per l’esercizio 2016 pari a CHF 22 per azione.

 

Investimenti costantemente elevati, avvio della rete per internet delle cose

Gli investimenti a livello del Gruppo sono aumentati dell’1,8% a 1’768 milioni di CHF, in Svizzera sono leggermente regrediti dello 0,8% a 1’292 milioni di CHF. Swisscom dà un importante contributo alla posizione di spicco della Svizzera negli investimenti pro abitante nel mercato delle telecomunicazioni. Secondo questa statistica OCSE la Svizzera occupa il primo posto a livello mondiale dal 2010 continuando costantemente ad ampliare questo vantaggio.

 

L’ampliamento della rete a banda larga prosegue di conseguenza: a fine settembre circa 2,4 milioni di collegamenti alla rete fissa sono stati dotati delle più avanzate tecnologie. Nel complesso, Swisscom ha allacciato circa 3,4 milioni di abitazioni e superfici commerciali alla banda ultralarga (oltre 50 Mbit/s), Nel mese di settembre Swisscom è stato il primo gestore di rete di telecomunicazione europeo a preparare all’esercizio il nuovo standard di collegamento G.fast. In ottobre, con la Low Power Network (LPN), Swisscom ha preparato all’esercizio una rete integrativa per l’internet delle cose. Essa consente una grande portata e una trasmissione ad elevata efficienza energetica con costi ridotti. La rete low power copre già il 75% della popolazione svizzera.

 

Offerte combinate e domanda per servizi in roaming inclusi in costante crescita

Swisscom si afferma con una quota di mercato stabile nel mercato svizzero saturo della comunicazione mobile. Mentre nei primi nove mesi dell’anno sono stati acquisiti 27‘000 nuovi clienti abbonati, il numero dei clienti Prepaid è leggermente regredito. Il numero di collegamenti a banda larga è aumentato dello 0,1%, mentre il numero di collegamenti di telefonia di rete fissa è regredito del 6,5% attestandosi a 2,46 milioni. Molto apprezzate sono le offerte combinate comprendenti rete fissa, TV e comunicazione mobile. Alla fine di settembre 2016, 1,59 milioni di clienti usufruivano di un’offerta combinata. Ciò equivale a una crescita del 17,1% in confronto all’anno precedente. Il fatturato realizzato con i contratti per offerte combinate è progredito di conseguenza del 12,2% attestandosi a 1’846 milioni di CH.

 

La domanda di uso della telefonia mobile all’estero cresce costantemente. Nel confronto con l’anno precedente, il traffico di dati qui generato è aumentato di 2,2 volte e il traffico vocale del 12%. Qui si evidenzia l’effetto del costante calo dei prezzi e dalle unità già incluse nel canone degli abbonamenti Natel infinity. Così per i clienti privati, nel terzo trimestre 2016, tre quarti del volume di dati in roaming non è stato più fatturato. Ne profittano in particolare i clienti in ferie nel terzo trimestre. Il relativo calo dei prezzi nell’anno in corso incide negativamente per circa 100 milioni di CHF sul fatturato Swisscom.

 

Swisscom TV si rallegra della grande domanda e popolarità. Nonostante la dura concorrenza di altri offerenti Swisscom TV ha registrato un aumento degli abbonamenti entro l’anno pari al 12,9% attestandosi a 1,44 milioni (+40’000 nel terzo trimestre). L’ampia offerta sportiva comprensiva di calcio e Hockey su ghiaccio presentata in ottobre sottolinea ulteriormente i contenuti attraenti di Swisscom TV.

 

 

Pressione sui prezzi anche per il settore grandi clienti

Il fatturato con i clienti esterni nel settore Enterprise Customers si è ridotto a causa della costante pressione sui prezzi per i servizi di telecomunicazione dell’1,3% attestandosi a 1’776 milioni di CHF. Il calo del fatturato nella comunicazione mobile ascrivibile alla riduzione dei prezzi è stato compensato in parte da più elevate cifre d’affari nel settore delle soluzioni. Swisscom è riuscita a conquistare grandi clienti di prestigio per i quali attua le strategie incentrate su cloud, digitalizzazione e outsourcing.

 

 

La crescita in Fastweb

Fastweb ha registrato un ottimo andamento malgrado il difficile contesto di mercato. Grazie all’aumento del numero dei clienti, il fatturato di Fastweb in Italia è progredito del 2,5% attestandosi a 1’318 milioni di euro. Nel giro di un anno la base di clienti fruitori della banda larga è aumentata del 5,7%, attestandosi a 2,30 milioni (+94’000 nei primi nove mesi). Rispetto all’anno prima la cifra d’affari conseguita con i clienti privati è salita del 3,4% attestandosi a 675 milioni di euro. Il fatturato con i clienti commerciali si è mantenuto pressoché stabile con 517 milioni di euro (+0,2%). In seguito al potenziamento della rete a banda ultralarga gli investimenti sono aumentati del 6,7% attestandosi a 430 milioni di euro. Nei primi nove mesi Fastweb ha conseguito un risultato del segmento al lordo degli ammortamenti pari a 490 milioni di euro. Questo EBITDA comprende anche l’indennizzo di 55 milioni di euro pagato da un operatore di telecomunicazione nel quadro del componimento extragiudiziale di una vertenza. Depurato di questo effetto straordinario il risultato del segmento al lordo degli ammortamenti è aumentato di 30 milioni di euro, pari al 7,4%. Il margine di profitto rettificato è salito dal 31,5% al 33,0%.

 

L’ampliamento della rete a banda larga in Italia prosegue a pieno ritmo: Fastweb e Telecom Italia coopereranno nella posa di fibre ottiche sin dentro gli edifici (FTTH). Grazie a ciò, entro il 2020, 13 milioni di abitazioni e superfici commerciali in Italia disporranno di un collegamento a banda larga. Fastweb vuole continuare a crescere anche nella telecomunicazione mobile: all’inizio del 2017 seguiranno nuove offerte sulla base di un accordo con Telecom Italia. Dall’alienazione della partecipazione al gestore di rete Metroweb Swisscom si attende un utile contabile di circa 40 milioni di CHF nel quarto trimestre 2016.

 

Panoramica delle cifre dei primi nove mesi

 

1.1-30.9.2015

1.1-30.9.2016

Variazione

Fatturato netto (in milioni di CHF)

8'651

8’643

-0.1%

Risultato d’esercizio al lordo di ammortamenti, EBITDA (in milioni di CHF)

3’099

3’307

6,7%

Risultato d’esercizio EBIT (in milioni di CHF)

1’554

1’691

8,8%

Utile netto (in milioni di CHF)

1’058

1’197

13,1%

Collegamenti Swisscom TV in Svizzera (al 30.9 in migliaia)

1’275

1’440

12,9%

Collegamenti di comunicazione mobile in Svizzera (al 30.9 in migliaia)

6’618

6’613

-0,1%

Fatturato da contratti per offerte combinate (in milioni di CHF)

1’646

1’846

12,2%

Collegamenti a banda larga Fastweb (al 30.9 in migliaia)

2’172

2’295

5,7%

Investimenti (in milioni di CHF)

1’737

1’768

1,8%

Di cui investimenti in Svizzera (in milioni di CHF)

1’302

1’292

-0,8%

Collaboratori del Gruppo (posti a tempo pieno al 30.9)

21’603

21’292

-1,4%

Di cui collaboratori in Svizzera (posti a tempo pieno al 30.9)

18’936

18’551

-2,0%

 

Rapporto intermedio dettagliato:

http://www.swisscom.ch/q3-report-2016

 

Ulteriore documentazione:

http://www.swisscom.ch/ir

 

Disclaimer

This communication contains statements that constitute "forward-looking statements". In this communication, such forward-looking statements include, without limitation, statements relating to our financial condition, results of operations and business and certain of our strategic plans and objectives.


Because these forward-looking statements are subject to risks and uncertainties, actual future results may differ materially from those expressed in or implied by the statements. Many of these risks and uncertainties relate to factors which are beyond Swisscom’s ability to control or estimate precisely, such as future market conditions, currency fluctuations, the behaviour of other market participants, the actions of governmental regulators and other risk factors detailed in Swisscom’s and Fastweb’s past and future filings and reports, including those filed with the U.S. Securities and Exchange Commission and in past and future filings, press releases, reports and other information posted on Swisscom Group Companies’ websites.


Readers are cautioned not to put undue reliance on forward-looking statements, which speak only of the date of this communication.


Swisscom disclaims any intention or obligation to update and revise any forward-looking statements, whether as a result of new information, future events or otherwise.

 

Contatto

Swisscom AG
Media Relations
3050 Bern

media@swisscom.com