I social network sono pieni di invidia?
2 min

I social network sono pieni di invidia?

Si ripete sempre che i social network aumentano la pressione competitiva tra i giovani. Rendono davvero i nostri figli invidiosi, soli o addirittura dipendenti?

Michael In Albon

Medienkompetenzexperte Michael In Albon

Michael In Albon è responsabile di “Scuole su Internet” e responsabile della protezione dei giovani dai media presso Swisscom. È responsabile del programma di corsi di media di Swisscom, a cui partecipano più di 25.000 persone ogni anno. Scrive regolarmente per lo Swisscom Magazine su argomenti attuali di competenza dei media.

Puoi anche seguire l’autore su Twitter.

Se le persone usano i social network per mettersi in mostra, è del tutto umano voler mostrare il proprio lato migliore, quello che ci mette in luce come particolarmente belli, particolarmente intelligenti, coraggiosi, forti. L’effetto di questo comportamento sul fruitore: invidia. E tutti vogliono essere così, cercando di sembrare ancora più belli, più intelligenti, più coraggiosi nel prossimo post.

Soprattutto durante la pubertà, gli adolescenti mettono tutto alla prova. Amici e amiche ricoprono un posto sempre più importante nella loro vita. E con gli amici vogliono misurarsi: in termini di aspetto, stile, performance nello sport e a scuola. Quelli che si distinguono con successo aumentano la loro autostima e crescono; magari anche superando se stessi. Quelli che cadono nel migliore dei casi sviluppano strategie per affrontare i fallimenti. Sotto questa luce, i media digitali appaiono come un altro ambiente di competizione – accanto al club sportivo, per esempio, alla scuola o allo sci club.

La fiducia in se stessi aiuta

Voi come genitori avete un ruolo importante da ricoprire durante la pubertà. Incoraggiate l’autostima dei vostri figli adolescenti dando loro fiducia. Per esempio, assegnate loro dei compiti che fino a quel momento avete preferito svolgere voi stessi. Lodateli quando le cose funzionano – anche se la velocità e lo stile non corrispondono esattamente alle vostre aspettative! Per aiutare i vostri teenager a sentirsi più a loro agio nella loro pelle, voi come genitori dovreste inoltre ascoltare attentamente cosa ai vostri figli non piace di se stessi. Ma anche chiedere loro cosa pensano di avere di bello, forte o unico. Concentrarsi esclusivamente sugli aspetti negativi non funziona. Sfidate i vostri figli a percepirsi in modo diversificato e a mettere in evidenza i loro punti di forza in modo positivo. Come possono farlo? Dove e quando? E come possono utilizzare i loro punti di forza online? Allo stesso tempo, cercate insieme dei modi per affrontare una debolezza. Ma esigete maturità dai vostri figli: incoraggiateli a concentrarsi sulle soluzioni. Fatelo con continuità, perché sviluppare una sana fiducia in se stessi richiede tempo. Tuttavia, se come genitori aumenterete l’autostima dei vostri figli, saranno in grado di prendere le distanze anche online e di farsi valere.

Questa rubrica è stata pubblicata per la prima volta in tedesco nella rivista per genitori Fritz & Fränzi a dicembre 2014. www.fritzundfraenzi.ch

Lascia un commento

Il suo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati.*

Leggete ora